Nisqy si unisce ai Fnatic mentre Nemesis rimane free agent

Nisqy si unisce ai Fnatic mentre Nemesis rimane free agent

Profilo di Rios
 WhatsApp

I rumors di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi hanno trovato la loro ufficialità. Nisqy sarà il midlaner titolare dei Fnatic per la prossima stagione di LEC, prendendo il posto del tanto criticato Nemesis. Lo sloveno ha deciso di separarsi consensualmente dal team, ponendo fine in anticipo al contratto che lo legava agli inglesi. Inoltre ha comunicato che non competerà nello spring split 2021 ed aspetterà opportunità più interessanti per l’estate.

Nisqy ritrova i Fnatic e Nemesis rimane senza squadra

Il ritorno del belga

Il nome di Nisqy non è nuovo in casa Fnatic, dato che il ragazzo ha giocato già per l’organizzazione britannica in passato. Correva l’anno 2016 quando il midlaner militava nel roster accademia del team, battendosi per trovare un posto sui palcoscenici importanti di League Of Legends. Dal 2017 in poi sono cambiate molte cose, ed il belga ha vagato in giro per l’Europa e per il Nord America. Con i Cloud 9 ha trovato una sistemazione duratura, che lo ha portato a vincere anche lo spring split 2020 della LCS.

Dopo un percorso tortuoso, che lo ha visto maturare come persona e come giocatore, Nisqy è riuscito a tornare in Europa per rilanciare dei Fnatic sofferenti e senza certezze. L’addio di Rekkles pone un peso importante sulle spalle della società, che dovrà ricostruire la sua immagine quasi da zero. In questo senso può inquadrarsi l’ingaggio di un giocatore giovane ma esperto come il belga, che potrà essere il leader di una squadra smarrita. Anche l’annuncio, diffuso in grande stile sui social del team, fa capire quanto la dirigenza punti sul giocatore. Sarà solo il tempo a dirci se l’investimento è stato azzeccato o no.

Nemesis rimarrà a casa per lo spring split

L’arrivo di Nisqy chiude ogni tipo di possibilità a Nemesis che, non potendo essere il titolare del ruolo, ha deciso di separarsi consensualmente dalla squadra, ponendo fine al contratto in anticipo rispetto ai termini. Nonostante il suo addio ai Fnatic, non avremo la possibilità di vederlo sul palco della LEC in primavera, dato che ha deciso di rimanere free agent fino al prossimo summer split. Sicuramente, lo sloveno, aspetterà delle proposte più interessanti per potersi accasare in una squadra in grado di lottare per i primi posti in campionato.

Immagini via LoL Esports

MSI 2022, gli RNG si riprendono il titolo: battuti i T1 di Faker

MSI 2022, gli RNG si riprendono il titolo: battuti i T1 di Faker

Profilo di Rios
 WhatsApp

L’ultimo capitolo del MSI 2022 ha sorriso ai Royal Never Give Up, vittoriosi in una serie tanto combattuta quanto incerta fino alla fine. I campioni della LPL hanno lottato con le unghie e con i denti, riuscendo a contenere ed a tratti dominare i T1.

Faker e compagni non sono riusciti a trovare la chiave di volta giusta per scardinare la resistenza cinese, nonostante le due vittorie ottenute. Una delusione pesante per i coreani, che non sono riusciti a dare una gioia al pubblico di Busan.

Finisce così il primo evento internazionale della stagione di League Of Legends, ed ora tutte le attenzioni sono rivolte ai prossimi Worlds.

Gli RNG si prendono la coppa del MSI 2022

Si scrive la storia

La finale del MSI 2022 era speciale per entrambe le squadre coinvolte, dato che T1 ed RNG hanno combattuto per diventare il team più vincente nella storia del torneo con tre titoli all’attivo. La tensione è infatti stata palpabile fin dal primo game della serie, che però ha visto i Royal Never Give Up giocare in scioltezza.

Complice una draft abbastanza fuori comfort dei T1, i cinesi sono riusciti a dominare il primo game, assestando uno schiaffone abbastanza pesante ai loro avversari. Ma Faker e compagni non si sono persi d’animo e, complice il trovarsi dal lato blu della mappa, sono riusciti a ripareggiare i conti poggiandosi sulle spalle di un Keria sempre protagonista.

Da lì in poi c’è stato un ping pong continuo tra i due team, fino al quinto game decisivo per la vittoria finale. Purtroppo i T1 sono arrivati davvero esausti all’ultimo atto della serie, porgendo così il fianco alle iniziative degli avversari. Gli RNG sono rimasti freddi e lucidi fino alla fine, non sentendo il peso della partita decisiva, aiutati forse dal giocare comodamente dalla loro gaming house.

La squadra ha sfruttato benissimo tutti gli errori commessi dai T1, assicurandosi dei vantaggi sempre più grandi. Grazie alla perfetta visione strategia di Wei, capace di conquistare tanti obiettivi in maniera incontestata, ed alle iniziative perfette di Xiaohu, la squadra ha letteralmente tirato dritto verso il Nexus avversario e verso il titolo del MSI 2022.

Purtroppo le fasi di premiazione sono state abbastanza anti-climatiche, ed hanno tolto importanza ad una vittoria che avrebbe dovuto essere celebrata in maniera migliore. Nei prossimi giorni ci sarà modo e tempo per parlare di ciò che non ha funzionato in questo MSI 2022, ma per ora rendiamo onore agli RNG.

Bel’Veth: Riot accusata di plagio dalla community per la skin Battle Boss

Bel’Veth: Riot accusata di plagio dalla community per la skin Battle Boss

Profilo di Rios
 WhatsApp

Il reveal di Bel’Veth e della sua skin Battle Boss ha infiammato la community sul Reddit dedicato a League Of Legends, per un presunto caso di plagio. Secondo molti, infatti, Riot avrebbe copiato la barra degli HP visibili nella skin, senza dichiararlo apertamente.

Attualmente nessuna delle parti coinvolte in questa vicenda ha commentato ufficialmente, ma crediamo che qualcosa si muoverà nei prossimi giorni. Infatti questo presunto plagio ha smosso particolarmente gli animi, ed i giocatori stanno “insorgendo” contro Riot.

Questo caos potrebbe essere davvero disastroso per l’azienda, che da sempre lotta contro il plagio dei propri asset creati in più di un decennio di storia.

Bel’Veth, la skin Battle Boss ed il presunto plagio

Un caso spinoso

Nei giorni scorsi Riot ha ufficialmente svelato Bel’Veth, il nuovo campione che si aggiungerà al ricco roster di League Of Legends. Contestualmente è stata anche svelata la prima skin dell’Imperatrice del Vuoto, che farà parte della linea Battle Boss.

Proprio quest’ultima ha creato non poco scompiglio nel subreddit dedicato al celebre MOBA, in quanto alcuni membri della community hanno accusato l’azienda di plagio. Secondo questi utenti, infatti, Riot avrebbe copiato la barra degli HP del boss presente nella splashart della skin di Bel’Veth da uno dei personaggio presenti nel videogioco Terraria.

Inoltre pare che gli sviluppatori non abbiano preso spunto dalla versione “vanilla” del gioco, bensì da un mod creata da un utente chiamato Tyler” su Steam. Una situazione davvero molto intricata, che ha molte sfaccettature diverse da considerare.

In molti credono che questo Tyler lavori attualmente in Riot, e che quindi abbia preso la sua stessa mod come riferimento per creare quella di Bel’Veth. Dall’immagine che potete vedere qui in basso, è chiaro che le somiglianze siano piuttosto evidenti tra le due barre degli hp, ed alcuni dettagli sono proprio pixel perfect.

Per il momento nessuno ha rilasciato delle dichiarazioni ufficiali in merito, e nemmeno Tyler” si è espresso. Sicuramente avremo delle novità nei prossimi giorni, ma per il momento possiamo solo aspettare e non trarre conclusioni affrettate.

 

MSI 2022: i T1 infrangono i sogni dei G2 e volano in finale

MSI 2022: i T1 infrangono i sogni dei G2 e volano in finale

Profilo di Rios
 WhatsApp

L’avventura dei G2 Esports nel MSI 2022 si è definitivamente chiusa, in una semi-finale totalmente dominata dai T1 di Faker. I campioni della LCK non hanno lasciato spazio agli europei, che hanno potuto solamente inchinarsi davanti ad una superiorità così netta.

La serie si è infatti chiusa su un netto 3-0, rispettando le previsioni che Oner aveva fatto qualche giorno fa ai microfoni di Inven Global. Comunque dobbiamo rendere onore ai nostri G2, che hanno dato il loro meglio contro un avversario titanico.

Nella mattinata di domani, domenica 29 maggio, vedremo uno spettacolo incredibile in un finale che metterà difronte CinaCorea per l’ennesima volta.

I T1 volano verso la finale del MSI 2022

Dominazione totale

T1 ce l’hanno fatta, hanno sconfitto i loro demoni e sono tornati ad uno stato di forma che definire eccezionale sarebbe riduttivo. Infatti Faker e compagni hanno messo in piedi una semi-finale incredibile, durante la quale hanno dominato i G2 con un netto 3-0.

La squadra coreana ha dominato in lungo ed in largo, facendo a pezzi i poveri rappresentati europei senza nessuna pietà. Il primo ed il terzo game della serie sono stati davvero impressionanti, dei veri e propri bagni di sangue vietati ai minori di 18 anni.

Gli sforzi di CapsJankos non sono riusciti a sopperire alle mancanze della propria corsia inferiore, sempre succube delle iniziative di GumayusiKeriaFlakkedTargamas si sono spesso lanciati in delle azioni “coraggiose”, facilitando il lavoro dei propri avversari.

Nonostante questo, questi giocatori non possono essere colpevolizzati. La differenza in esperienza ed in meccaniche grezze è stata troppo grande, ma questo schiaffo pesantissimo sarà comunque utile per i ragazzi dei G2 Esports.

La prestazione dei T1 è stata un manifesto, un messaggio minaccioso nei confronti di quegli RNG che li aspettano in finale. Infatti il viaggio nel MSI 2022 non è ancora terminato, perché nella mattinata di domani ci sarà la finalissima del torneo. CinaCorea si affronteranno ancora una volta, infiammando una rivalità che ci farà divertire.