Nella prossima puntata dei Simpsons protagonisti gli esport e League of Legends

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il cartone americano ha collaborato con Riot Games alla stesura dell’episodio nel quale Bard diventa pro di LoL

Gli esport approdano in uno dei più importanti franchise televisivi americani la prossima settimana: I Simpsons ospiterà una puntata tematica sul gaming competitivo. Il focus dell’episodio sarà sul titolo più seguito negli Stati Uniti, il popolarissimo MOBA targato Riot: League of Legends.

Bart si ritroverà a partecipare ad un torneo competitivo di LoL castato dal famosissimo David “Phreak” Turley, ovviamente in versione “simpsonizzata”. Per raggiungere un livello di realismo maggiore i creatori della serie animata hanno chiesto aiuto direttamente a Riot Games, che ha risposto alle domande degli sceneggiatori per riprodurre l’ambiente competitivo del titolo nella maniera più fedele possibile.

Non si tratta però di una sponsorizzazione, chiarisce Riot: “sono venuti da noi di loro iniziativa per avere una consulenza nella creazione dell’episodio” ha dichiarato Whalen Rozelle, cogestore degli esport per la casa di produzione. L’idea della puntata è nata ben un anno fa, quando un produttore esecutivo de I Simpsons si è incuriosito passando ogni giorno davanti ad un’arena esportiva mentre andava a lavorare.

Non sappiamo ancora come sarà incentrata la puntata, visto che Riot stessa non ha avuto un ruolo nella produzione ma solo una posizione di consulente. Non ci sono nemmeno paure di possibili risentimenti nella community dei videogiocatori se la serie non dovesse gettare una buona luce sul mondo del gaming: secondo Rozelle “I Simpsons è uno show satirico, e la nostra community lo sa molto bene”.


Nella prossima puntata dei Simpsons protagonisti gli esport e League of Legends
Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli eSport. @theGabro_ su Twitter.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701