Nautilus è un campione rotto secondo Jankos

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Non è più un mistero, molti dei giocatori di League Of Legends attualmente odiano Nautilus a causa della sua estrema forza. Ora le lamentele si stanno allargando anche al mondo competitivo, l’ultima arriva dal jungler dei G2Jankos. In un recente streaming, il giocatore polacco, ha detto chiaramente che il campione è “rotto” a causa dell’hitbox generosa del suo grab.

Jankos parla di Nautilus

Una Q decisamente sbagliata

A dimostrazione di quanto detto nell’introduzione, vi riportiamo la clip presa dal canale dello stesso Jankos, in cui si vede chiaramente la dinamica dell’azione. Il Nautilus nemico chiude le distanze con un hexflash, tentando di divare Kai’Sa che usava la torre come riparo in attesa del grab. L’Ancora del Terrore normalmente si sarebbe infranta sulla torre, lasciando fuori pericolo l’adc, ma in questo caso ha colpito il bersaglio cancellando, di fatto, ogni limitazione della Q.

La reazione di Jankos

Immaginate di trovarvi in una situazione del genere, voi cosa fareste? Naturalmente impazzireste, vedendo un bug che ha tutto il potenziale necessario per rompere il gioco. A Jankos è successo esattamente questo, ha iniziato ad urlare dicendo: “Avete visto quel grab? Non avrebbe mai dovuto colpire, ma questo campione è assolutamente rotto”.

Il pensiero del jungler polacco è assolutamente condivisibile da tutti i giocatori. Non serve essere un pro per accorgersi che, allo stato attuale, Nautilus sia il support migliore in assoluto e Riot non ha dei piani per porvi rimedio. Oltre alla hitbox sbagliata della Q, il suo kit in generale è troppo forte e gli permette non solo di applicare tanti controlli, ma di fare anche tantissimi danni.

Pensate a quello che abbiamo visto durante i Worlds 2019 da parte di Doinb. Il suo Nautilus mid ha, letteralmente, vinto tutti i fight da solo, grazie alla sua capacità di diventare un catalizzatore di danni e controlli rimanendo difficile da uccidere in ogni circostanza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701