Luciffe: intervista all’autrice del fantastico cosplay di Kalista

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

In questa intervista vi presentiamo Luciffe, autrice di uno dei cosplay più belli mai fatti di Kalista. Il suo lavoro ha fatto il giro del mondo in pochissimo tempo, conquistandosi l’apprezzamento dei giocatori ed anche della stampa internazionale specializzata.

Purtroppo Kalista non gode di grande popolarità nelle community, perciò capita raramente di trovare un omaggio così ben fatto e di qualità così alta. Ci siamo sentiti in dovere di farvi conoscere questa ragazza, in quanto rappresenta un orgoglio per le comunità italiane di League Of Legends.

Speriamo che l’intervista vi piaccia e possa farvi scoprire un’artista nostrana che merita tutte le vostre attenzioni.

L’intervista a Luciffe

Ciao Luciffe, per noi è un piacere darti il benvenuto sulle pagine virtuali di Powned.it. 

1) In molti ti hanno conosciuta per il tuo straordinario cosplay di Kalista (di cui parleremo dopo), ma pochi sanno chi sei veramente. Per questo motivo, raccontaci un po’ di te, presentati alla nostra community. 

Salve a tutti e grazie per questa opportunità!  
Il mio nome è Chris, in arte Luciffe. Attualmente frequento la magistrale di Pittura, all’Accademia di belle arti di Palermo. Infatti, sono specializzata nel character design e nella pittura digitale. Però, nel mio tempo libero di dedico al cosplay, al Make-UP SFX, ai fumetti, alle serie tv, film e i videogiochi.  

Gioco da quando ho memoria, infatti conservo ancora la mia bellissima PlayStation 1 personalizzata con Jin Kazama. Non a caso, era uno dei personaggi che usavo spesso a Tekken. Adesso, mi limito a giocare ai titoli che più mi interessano (Tipo gli Assassin’s Creed o Death Stranding), oppure mi rilasso la sera su League of Legends in compagnia di persone fidate.  

2) Sembra che tu abbia un rapporto particolare con il personaggio di Kalista e con la sua storia, ma da cosa deriva? Perché hai scelto proprio lei e non un altro personaggio della lore di League Of Legends, cosa ti affascina? 

Il mio rapporto con lei inizia da una gaffe: pensavo fosse un uomo.  
Ai tempi non giocavo spesso a League of Legends e nemmeno badavo molto alle uscite dei campioni o gli aggiornamenti.  
Poi, per puro caso, mi capitò di usarla in ARAM e per ovvi motivi scoprii che era una donna.  
Poiché ai tempi giravano i video di NeroWolf sulle lore di League of Legends, comincia ad approfondire sempre di più le storie di Runeterra, dei singoli personaggi o delle varie nazioni. Diciamo, ai tempi era pure più complicato perché l’universo di Runterra era spoglio e privo di informazioni.  

Però, la storia di Kalista era tra le più nuove e mi colpì al petto come una lancia. (eheh che battuta squallida!) 
Per quanto fossero presenti personaggi femminili forti e con storie avvincenti, la sua mi segnò profondamente. Io e lei condividiamo lo stesso senso per la giustizia e la vendetta, in un certo senso. Il rancore che provò lei contro suo zio Viego, è lo stesso rancore che proverei io in un tradimento.

Non c’è cosa più meschina di un tradimento, soprattutto se fatto da persone a te vicine, di cui hai piena fiducia. La sua rabbia, la sua tristezza e la sua ira la feci mia ai tempi e tutt’oggi la porto con me. Poi, era un fortissimo generale di un vasto impero e di un vasto esercito, mica roba da poco!

3) Il tuo cosplay ha fatto il giro del mondo in pochissimo tempo, tant’è che anche diverse testate internazionali ti hanno dedicato degli articoli di apprezzamento. Come ti ha fatto sentire la cosa? Ti ha dato un’ulteriore spinta per continuare a fare ciò che fai? 

All’inizio rimasi incredula della situazione. Io avevo pubblicato le foto su Twitter e su Reddit per puro scherzo, con l’intanto di non essere calcolata perché: hey! Sto facendo il cosplay di un champion che nemmeno è stato menzionato durante l’evento della rovina, seppur lei sia parte chiave della rovina stessa causata da Viego, che speranze avevo di essere calcolata dalla community? Invece ricevetti tantissimi complimenti, soprattutto dai players e fans di questo campione.  
Mi ha fatto stare bene la cosa, seriamente.  
E mi ha dato una forte spinta a spingermi verso un altro mega progetto, sempre con Kalista, ma che al momento terrò segreto.

4) Abbiamo visto che ci sono state alcune persone che hanno aizzato delle polemiche nei confronti del tuo cosplay di Kalista, accusandoti (stupidamente) di non aver realizzato tu il costume e quindi sminuendo la bellezza del tuo lavoro. Come ti sei rapportata con questi “hater” e perché c’è così tanta invida tra i cosplayer? 

Sinceramente, non ho mai detto di aver costruito il cosplay. Sarebbe stupido dirlo, considerando che non so scartavetrare il foam nemmeno sotto tortura medievale. Ovunque ho sempre taggato la bravissima propmaker (Jenny Desu sui social) che mi ha realizzato l’armatura. Tutt’ora, su Instagram trovi il tag a lei. L’unica cosa che ho realizzato, oltre il makeup, è stato il sartoriale: comprare una gonna rossa e strapparla. Che skills vero?  

Però, l’accusa fu infondata e insensata, perché appunto io scrissi su Twitter ‘My cosplay is done’. Non scrissi ‘created this cosplay’ o qualcosa di simile. Dunque, dissi la verità e feci notare che l’accusa era infondata e che non avevo mai detto di aver creato il mio cosplay. Infatti, l’altra accusa fu quella di aver usato Photoshop sulle mie foto perché non era vero che mi fossi dipinta il corpo. Spoiler: ho i video che dimostrano il contrario.

Purtroppo, l’invidia esiste ovunque, soprattutto tra i cosplayer. Il motivo non lo conosco, ma consiglio a queste persone di cambiare hobby e di non perseguitarmi sui social con i loro account fake cercando di distruggermi moralmente. Piuttosto, che inizino a pensare perché non riescono ad emergere in questo mondo e a lavorare su loro stessi.

5) Infine ci piacerebbe sapere quali sono i tuoi progetti futuri. Arriveranno degli altri personaggi di LoL? Puoi darci qualche indizio in anteprima? 

Certo! Ho già in programma altri cosplay di LOL.  
Innanzitutto, all’evento in cui ho portato Kalista, ho anche indossato il cosplay di Cassiopeia Spirit Blossom, sia da sola, che in gruppo con altre Spirit Blossom. Dunque, arriveranno degli scatti anche di questo cosplay. 
Di nuovi, dovrò prendere a dei photoset per la mia KDA THE BADDEST e ALL/OUT di Evelynn, magari quando tornerà il freschetto e potrò indossare l’ecopelle.  

Infine, come big project veramente folle, ho intenzione di fare Camille.  
Quando uscì su Wild Rift, tutti i miei amici mi taggarono dicendomi ‘Ti hanno copiato il viso, sei praticamente tu’. Tra l’altro Camille è un altro di quei champion che amo tantissimo come concept e storia, so why not 
Infine, avrei intenzione di fare Pentakill Chapter III Kayle, ma devo capire come fare per le ali.  
…In realtà sono tanti i campioni che vorrei fare, ma per ora mi limito a rivelarvi questi.  

Link utili

Profilo instagram di Luciffe

Profilo instagram di Jenny Desu (propmaker)

Profilo instagram di Scott Underwood (fotografo di una delle immagini di copertina)

Profilo instagram di Robert Skayal (fotografo di una delle immagini di copertina)


Luciffe: intervista all’autrice del fantastico cosplay di Kalista
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701