LS da un consiglio importante ai giocatori hardstuck gold

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Durante una recente diretta streaming andata in onda su Twitch, il celebre LS (Nick De Cesare) ha voluto dare un consiglio a tutti i giocatori hardstuck gold. L’ex caster della LCK ha offerto delle soluzioni interessanti, ed ha detto alcune verità piuttosto difficili da digerire per la community.

Il consiglio di LS

Parole dure ma necessarie

Durante una recente diretta streaming, LS ha risposto ad una domanda di uno suo spettatore, che gli ha chiesto come poter uscire dal gold pur essendo hardstuck. Il content creator dei T1 ha dato una risposta articolata ma lapidaria, tirando fuori una verità che i giocatori di basso elo non riescono a digerire. Molti giocatori dovrebbero fare tesoro di questo consiglio, perché è la realtà dei fatti. In soloQ non esiste il team, non esistono i compagni, si è soli contro altri nove giocatori e si deve fare di tutto per vincere con le proprie forze. Molti non saranno d’accordo, ma in elo basso è così purtroppo, e non si scappa.

“Beh, sei un giocatore scarso. Essere un meta slave non ti aiuterà, perché essere un meta slave ti porterà a giocare dei campioni che non sei in grado di giocare al livello di skill necessario per farli funzionare nel meta. La verità è che ciò che puoi fare è seguire le mie tierlist della soloq su Patreon, se non vuoi giocare Annie. Non so nemmeno in quale ruolo giochi. Ma comunque sia, hai accesso ad un’ampia scelta di campioni, scegli tra i più semplici, guarda dei video in merito a questi campioni e preoccupati solo di te stesso, del tuo gameplay individuale. Che significa? Pensa di non avere dei compagni, sono degli NPC. Sono solo degli NPC. Ti devi concentrare solo sulla tua metrica, le tue cose. Hai solokillato il tuo avversario? No? Quello dovrebbe essere il tuo obiettivo.”

Fonte immagine di copertina: profilo twitter di LS


LS da un consiglio importante ai giocatori hardstuck gold
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701