LEC: i Rogue spezzano la maledizione e battono anche i G2

LEC: i Rogue spezzano la maledizione e battono anche i G2

Profilo di Rios
 WhatsApp

La secondo giornata della quarta settimana di LEC chiude, ufficialmente, il girone d’andata del campionato e regala ai Rogue il primo posto. Nel match of the week, infatti, la squadra polacca ha spezzato la sua personale maledizione, battendo i G2 in un game di stagione regolare dopo anni di sconfitte.

Crollano ancora una volta i Fnatic, vittima di una esecuzione davvero scoordinata e travolti da degli Excel finalmente organizzati bene. Profondo rosso per il Team BDS, che non riesce a redimersi dopo la brutta sconfitta guadagnata ieri.

Insomma, anche oggi non è mancato lo spettacolo ed il divertimento. Andiamo a ricapitolare tutte le partite nel nostro consueto recap.

Qualcuno fermi la combo Diana-Yasuo

Ad aprire la giornata della LEC ci hanno pensato Misfits ed SK Gaming, due squadre alla disperata ricerca di punti per ragioni diversi. Inizialmente, gli SK erano riusciti ad avere la meglio sui loro avversari, sfruttando diversi errori della corsia inferiore e di Vetheo con Yasuo.

Nonostante questo, i Coniglietti sono riusciti a mantenere la calma, aspettando le loro condizioni di vittoria. Lo scaling della loro draft era totalmente fuori di testa, dovevano soltanto eseguire le azioni correttamente. Poi c’è stata anche una ghiotta occasione creata dagli SK, che si sono chiusi in un piccolo spazio nella pit del Barone contro DianaYasuo.

Quel fight è stato il turning point della partita, che lentamente è scivolata dal lato dei Misfits, metodici nel prendere la base avversaria e portarsi a casa l’ultima vittoria del girone d’andata.

L’enorme throw dei BDS

Dopo la pessima partita giocata ieri, ci si aspettava una reazione da parte dei BDS, da Adam in primis. E la reazione c’è effettivamente stata, anche se la vittoria è rimasta un miraggio. La squadra svizzera, infatti, ha giocato una buona partita nelle fasi iniziali di gioco, con le azioni che si sono svolte tra la corsia centrale ed inferiore.

CinkrofLIMIT hanno creato delle opportunità davvero ottime, portando in vantaggio la propria squadra fino al mid-game. Adam ha sfruttato benissimo lo spazio concesso dalla sua squadra, prendendo moltissime kill e moltissime risorse con la sua Camille.

Ma ad un certo punto, tutto è improvvisamente crollato. I BDS si sono incartati su se stessi, sono andati in tunnel vision contro dei MAD Lions molto in difficoltà, porgendo il fianco alla rimonta avversaria. Purtroppo la mancanza di esperienza è stata, ancora una volta, fondamentale per Adam e compagni. I MAD sono stati bravissimi a resistere, a scalare ed attendere l’Aphelios di Unforgiven ed il Viktor di Reeker.

Gli Astralis non sanno vincere

Succede ogni volta. Ogni singola partita in cui gli Astralis riescono a prendere vantaggio e poi puntano a vincere, riescono a perdere in maniera maldestra. Anche nel match giocato contro i Vitality è stato questo lo script, anzi è stato anche peggiore rispetto al solito.

I danesi erano riusciti a consolidare un vantaggio che definire abnorme è dire poco, prendendo una miriade di kill e sfruttando i continui errori di Alphari (con Camille) e Selfmade (con Lee Sin). In tutta la mappa, i Vitality, non riuscivano a rispondere a tono ma anzi spesso forzavano azioni quasi disperate.

Ma poi è arrivato quel momento, lo stesso che hanno i G2 Esports ma in negativo. Zanzarah e compagni hanno voluto rischiare una call oggettivamente brutta al Barone, giocandosi un 50-50 che ha portato il jungler russo a sbagliare lo smite e cedere l’obiettivo direttamente a Selfmade.

Da lì in poi, il team francese ha iniziato ad acquistare fiducia, vincendo tutti i fight successivi. Alla fine gli Astralis sono crollati mentalmente, perdendo anche la nona ed ultima partita del loro girone d’andata.

Scollegati

Il match tra ExcelFnatic sembrava già scritto in partenza, specialmente dopo aver visto le recenti prestazioni di entrambe le formazioni nelle precedenti giornate di LEC. Anche i giocatori arancio-neri, forse, hanno affrontato la partita con questo spirito, abbandonandosi a degli errori inusuali per loro.

Hanno sbagliato letteralmente tutto, e Humanoid in primis non è mai sembrato on-point con Orianna per tutta la durata dell’incontro. Gli Excel sono stati bravissimi a sfrutti i micro/macro errori avversari, facendosi trovare sempre nel posto giusto al momento giusto.

Alla fine è sembrato tutto troppo facile proprio per gli Excel, veri underdog di questa partita pesantemente sbilanciata. I Fnatic chiudono il girone d’andata con una sconfitta piuttosto preoccupante, che dimostra quanto la squadra debba ancora lavorare per raggiungere il 100%.

La fine della maledizione

E’ successo. Finalmente, dopo anni di sconfitte, i Rogue hanno battuto i G2 per la prima volta in stagione regolare. E grazie a questa vittoria, il team polacco chiude il suo girone d’andata senza sconfitte, dimostrando di essere la squadra da battere.

Nel match of the week di oggi non c’è mai stata realmente partita. I Rogue hanno preso un vantaggio che, molto velocemente, è diventato enorme. Il team è stato perfetto in tutto, dalla draft (il pick di Akshan top per fermare la Akali di BB è stato artistico) al macro fino al micro.

Insomma, al momento non sembra che qualcuno possa fermare questi Rogue. Non c’è un rivale credibile che possa attivamente fermare Larsenn e compagni, ancora imbattuti in questa LEC.

Fonte immagine di copertina: pagina Twitter della LEC

Patch 12.13: grosse modifiche in arrivo per Gwen e Master Yi

Patch 12.13: grosse modifiche in arrivo per Gwen e Master Yi

Profilo di Rios
 WhatsApp

Poche ore fa vi abbiamo parlato della patch 12.12b, che arriverà su League Of Legends il 30 giugno porterà delle modifiche di “emergenza” per alcuni campioni. Ma adesso dobbiamo anche mostrarvi la patch 12.13, che sbarcherà sulla Landa con una settimana di ritardo a causa della 12.12b (12 luglio n.d.r.)

In questo nuovo aggiornamento vedremo tante novità, inclusa Nilah (qui più informazioni), il prossimo campione che si aggiungerà al roster del gioco. Inoltre vedremo delle modifiche importantissime per Gwen, che andranno a toccare quasi tutto il suo kit di abilità.

Insomma, anche nella 12.13 ci sarà moltissima carne al fuoco, cosa che testimonia il grande lavoro che stanno facendo gli sviluppatori per perfezionare tutto ciò che non funziona.

La patch 12.13 di League Of Legends

Campioni buffati

Campioni nerfati

  • Corki
  • Volibear

Aggiustamenti ai campioni

  • Gwen

Buff di sistema

  • Oggetti mitici da letalità

Aggiustamenti di sistema

  • Annientatore divino

Le modifiche di Gwen

Dono tagliente (P)

  • Ratio AP diminuito dal 8% ogni 100 AP al 6% ogni 100 AP

Zac, Zac (Q)

  • Danno base per sforbiciata aumentato da 9-21 a 10-26
  • Danni finali della sforbiciata aumentati da 45/60/75/90/105 (+25% AP) a 60/75/90/105/120 (+35% AP)
  • Danno puro della parte centrale dell’abilità diminuito dal 100% al 75%
  • Danno sui minion diminuito dal 100% al 75%
  • Ora uccide istantaneamente i minion che hanno meno del 20% della salute

Sacra nebbia (W)

  • Durata diminuita da 5s a 4s
  • Resistenze bonus aumentate da 12/14/16/18/20 (+5%) a 17/19/21/23/25 (+7%)

Drittofilo (E)

  • Tempo di ricarica aumentato da 13/12/11/10/9s a 13/12.5/12/11.5/11s
  • Danno magico bonus aumentato da 10 (+15% AP) a 15 (20% AP)
  • Rimborso del tempo di ricarica cambiato dal 50% al 25/35/45/55/65%
  • Range bonus aumentato da 50 a 75

Ricamo fatale (R)

  • Danno per ago aumentato da 30/55/80 (+8% AP) a 35/65/95 (+9% AP)
  • Adesso ha 1.5 secondi di tempo di ricarica tra un cast e l’altro
  • Non serve più colpire un nemico con un attacco base per “sbloccare” il cast successivo

Altri buff per Master Yi

Meditazione (W)

  • Non da più tenacia
  • Mentre canalizza e per i 0.5 secondi successivi subisce il 90% di danni ridotti, che poi diminuiscono fino al 60/62.5/65/67.5/70% (secondo il livello dell’abilità n.d.r.) dopo i primi 0.5 secondi.

Fonte dei numeri

Patch 12.12b: buff immediato per Katarina

Patch 12.12b: buff immediato per Katarina

Profilo di Rios
 WhatsApp

Un po’ a sorpresa Riot ha pubblicato la lista dei cambiamenti che vedremo nella patch 12.12b, un aggiornamento “d’emergenza” che arriverà il 30 giugno. Gli sviluppatori andranno a toccare ciò che non ha funzionato nella 12.12, ed in certi casi andranno a nerfare alcuni campioni dominanti.

Questo è il caso di Bel’VethZeri che, nonostante abbiano subito degli aggiustamenti precedenti, stanno ancora dimostrando uno stato di forma eccellente. Poi arriveranno dei buff a Katarina, che ha sofferto troppo gli interventi della 12.12.

Insomma, il team di bilanciamento ha ancora molto lavoro da fare sul meta di League Of Legends, stravolto dalla 12.10 e della 12.11.

La patch 12.12b di League Of Legends

Campioni buffati

  • Shaco
  • Katarina
  • Caitlyn
  • Leona

Campioni nerfati

  • Bel’Veth
  • Senna
  • Tahm Kench
  • Zeri
  • Wukong
  • Seraphine
  • Yuumi

Il buff di Katarina

Voracità (P)

  • Ratio AP aumentato dal 55/66/77/88% al 65/75/85/95%

Lame danzanti (Q)

  • Danno aumentato da 75/105/135/165/195 (+30% AP) a 80/110/140/170/200 (+35% AP)

Loto mortale (R)

  • Danno fisico aumentato
  • Modifier on-hit aumentato dal 28/33/38% al 30/35/40%

Un buff necessario

La patch 12.12 ha colpito duramente Katarina, che ha visto i suoi winrate scendere fino a delle percentuali davvero preoccupanti. Infatti, secondo quanto riportato da U.GGKatarina ha il 46.64% di winrate dal platino in su, cifra che ha subito allarmato il reparto di bilanciamento di Riot.

Proprio per questo la patch 12.12b si è resa immediatamente necessaria, per cercare di mettere una pezza ai nerf troppo duri fatti al campione. Lo stesso discorso si può applicare ad alcuni degli altri personaggi che riceveranno dei buff, e che al momento non se la passano proprio bene in soloQ.

E’ chiaro che ancora ci sia molto lavoro da fare per gli sviluppatori, che hanno tra le mani un League Of Legends completamente diverso rispetto a prima. Nonostante Riot Phroxzon abbia dichiarato che il durability update stia funzionando nel modo giusto, ci sono ancora delle cose importanti da sistemare.

ReadyCheck.gg presenta il circuito da 450€ (free-entry) di League of Legends in modalità 1v1

ReadyCheck.gg presenta il circuito da 450€ (free-entry) di League of Legends in modalità 1v1

Profilo di Rios
 WhatsApp

Come un fulmine a ciel sereno e senza paura, ecco che ReadyCheck ha ufficialmente annunciato il primo evento a tre tappe che si terrà nuovamente su League of Legends in modalità 1v1.

A direzione dell’evento ci sarà ancora il preparatissimo staff di ReadyCheck.gg, che dopo il successo dei primi due eventi a premi con iscrizione gratuita, torna a promuovere un nuovo tipo di competizione.

A differenza del precedente torneo 1v1, oltre al premio in denaro, ognuno dei due Round darà ai giocatori anche un certo quantitativo di punti per la leaderboard di League of Legends, che daranno accesso ad un evento finale che si svolgerà durante la prima settimana di Luglio.

League of Legends 1v1, primo circuito di ReadyCheck.gg

Le competizioni si svolgeranno nei seguenti giorni, cliccando sopra ogni data accederete immediatamente alla pagina dedicata su ReadyCheck.gg, dalla quale potrete già iniziare ad iscrivervi. Ogni giocatore può partecipare ad entrambi i ROUND per cercare di accaparrarsi più punti possibili in modo da accedere con sicurezza matematica al main event finale.

Nel caso riusciate ad accaparrarvi abbastanza punti, piazzandovi tra i primi 8 in uno od entrambi i tornei, secondo la formula che vedrete poco più in basso, accederete all’evento finale che si svolgerà GIOVEDÍ 7 LUGLIO ed in cui si sfideranno i migliori 16 della Leaderboard Globale di ReadyCheck.gg.

In palio per quest’ultimo, ci saranno ben 250 EURO. A tutti coloro che fossero interessati, ricordiamo che su ReadyCheck è attiva la funzione di Check In, che vi obbliga a confermare la vostra presenza dalla pagina del torneo almeno 30 minuti prima dell’inizio dello stesso. Allora partecipate numerosi e non dimenticate di dirlo ai vostri amici se siete ”Ready to Check your skills”!

Articoli Correlati: