LEC: cancellate le finali del summer split in Svezia

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La LEC riaccenderà il suo motore, ufficialmente, venerdì 12 giugno. Per questo motivo, Riot, è intervenuta in merito spiegando delle “novità” che vedremo in questo summer split.

Come si poteva immaginare, le finali del summer split, non saranno a Malmo (in Svezia) a causa della pandemia di COVID-19.

Non tutto è perduto però, in quanto ci potrebbero essere degli spiragli per un evento dal vivo.

Novità per il summer split della LEC 2020

Il campionato ritorna in studio

Dopo un summer split “atipico”, giocato quasi completamente online, i team si preparano a calcare il palco.

Infatti Riot ha deciso di riportare tutto nello studio di Berlino, ma con delle dovute precauzioni. Per cominciare non ci sarà il pubblico (cosa ampiamente preventivabile) e la crew che sarà presente in loco, sarà ridotta al minimo indispensabile.

In ogni caso la situazione non è destinata a rimanere tale, perché si prevede una graduale reintroduzione dello staff con l’evolversi della pandemia.

Questo approccio graduale è necessario, in modo tale da poter prendere decisioni in concerto con le disposizioni date dalle autorità tedesche.

Le finali del summer split non saranno a Malmo

Come già detto in precedenza, è ormai ufficiale la cancellazione dello show previsto in Svezia.

Questa decisione, comunque, non preclude la possibilità di vedere un evento dal vivo dedicato alle finali. Infatti Riot starebbe valutando diverse opzioni in merito, ma al momento non ci sono stati dati dettagli precisi in merito, arriveranno degli aggiornamenti molto presto.

La priorità di Riot rimane sempre la salute di tutti, che siano giocatori, giornalisti, membri dello staff o pubblico.

La decisione di cancellare le finali di Malmo s’inquadra perfettamente in quest’ottica, visto che in Svezia non ci sono state misure restrittive per contenere l’epidemia di COVID-19. In queste condizioni nessuno sarebbe al sicuro e le conseguenze potrebbero essere disastrose per tutti.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701