LCS: Cloud9 si aggiudica il titolo in finale

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Cloud9 si aggiudica un titolo meritato in finale contro Flyquest. Pronostici rispettati per il miglior team nordamericano che agguanta la coppa con un secco 3-0. Nella semifinale di sabato vittoria dei Flyquest per 3-1 sugli Evil Geniuses di Jiizuke.

Flyquest-Evil Geniuses (3-1)

Nella serie di Sabato abbiamo assistito ad una vittoria piuttosto marcata da parte dei Flyquest, rematch del round 1. La formazione gialloverde è cresciuta molto durante tutti i playoffs e si presenta all’appuntamento con un game plan solido e lineare. Buone le prestazioni di tutto l’organico che sbaglia poco e conclude molto. Al contrario gli Evil Geniuses arrivano scarichi e con meno idee, relegando nei primi due game Jiizuke (il giocatore più in forma del momento) ad un ruolo meno centrale. Il pick di Zilean in game 1 non funziona come sperato e non va meglio alla sua Zoe in game 2. Infatti grazie all’ottimo lavoro di Santorin e PowerOfEvil i Flyquest riescono a tenere a bada sia l’italiano che Svenskeren, assicurandosi quasi tutti gli obiettivi neutrali e indirizzando la partita sui binari giusti. Nel game 3 gli Evil Geniuses hanno un moto d’orgoglio e sfoderano una prestazione importante trascinati da Jiizuke e il suo Azir, selezione riproposta anche in game 4 ma senza la stessa fortuna. I Flyquest riescono ad inquadrare gli errori commessi nel game precedente e si rialzano subito chiudendo la BestOf5 meritatamente  sul 3-1 .

 

Cloud9-Flyquest (3-0)

I Cloud9 conquistano il titolo con merito in finale contro dei Flyquest “intimoriti”. Se dovessimo riassumere la finale di questi playoffs con una parola questa sarebbe “supremazia”. La stessa dimostrata lungo tutta la stagione regolare da questi Cloud9 e confermata nei playoffs fino al turno precedente. Sotto la sapiente guida del coach Reapered questi ragazzi non smettono di stupire e giocano tre game dominando. Il conteggio dei draghi conquistati è lo specchio del controllo totale del team californiano: 7-0 in 3 game. Le prestazioni di ogni singolo giocatore sono buone, la sinergia è totale e facciamo fatica a trovare un vero e proprio MVP (alla fine se lo aggiudica il support Vulcan). Questo split ha restituito brillantezza a Zven che sembra un altro giocatore dal suo arrivo dai TSM. Il sempre solido Licorice in corsia superiore, la scommessa vinta di Vulcan come nuovo supporto e la conferma di Nisqy in corsia centrale e Blaber in giungla (che la scorsa season è riuscito a togliere il posto all’esperto Svenskeren) hanno creato un’mix di freschezza ed esperienza. Al momento non si vede un team che in Nordamerica possa impensierire questi Cloud9. La prova del nove sarà comunque il palcoscenico internazionale. Riuscirà questo team a risollevare il blasone della LCS? Le premesse sono di certo buone.

 


LCS: Cloud9 si aggiudica il titolo in finale
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701