Team Powned

Intervista a RightClick AD, uno dei più promettenti ADC in italia

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Daniel Liguori (RightClick AD), appena 16 anni, gioca come tiratore nel Team Powned, attualmente impegnato in Lega Seconda. Le ottime prestazioni e la giovane età lo rendono uno dei giocatori più promettenti della scena eSport italiana. Cogliendo l’occasione della pausa natalizia lo abbiamo intervistato in esclusiva per voi.

Vista la giovane età del ragazzo è importantissimo per la sua crescita avere un coaching staff e un’organizzazione alla spalle che gli possa permettere di crescere nel migliore dei modi. Poter lavorare con coach come Jack Ciaccione e Chuckissimo sta dando l’opportunità a Daniel di migliorare e capire quali sono i suoi punti deboli per migliorarsi giorno dopo giorno. Costanti allenamenti focalizzati a rendere eccellenti le già sviluppate meccaniche base e la conoscenza profonda di ogni aspetto del gioco di squadra stanno dando i loro frutti viste le ottime prestazioni di RightClick AD. Una cosa che mi ha colpito del suo carattere è la continua voglia di migliorarsi: dalla nostra “chiacchierata” traspare la fiducia che ripone nei coach Jack Ciaccione e Chuckissimo.

La fiducia nella crescita del panorama eSport italiano è tanta. Io e Daniel siamo d’accordo sul fatto che il livello qualitativo degli eventi in italia si sia alzato di tanto rispetto lo scorso anno. Sempre più eventi ben organizzati come il RedBull Factions nella PG Arena o le finali di Lega Prima al Romics stanno contribuendo alla crescita della scena nel nostro paese. In più il livello dei Team cresce giorno dopo giorno e un esempio ne è la competitività altissima di un torneo come Lega Prima che, rispetto la prima edizione, può vantare sempre più team attrezzati per fare bene; il Team Forge rimane ancora la regina indiscussa. In questo Daniel sta trovando la sua dimensione in un torneo sempre più competitivo come Lega Seconda che gli sta dando l’opportunità di crescere. Il Team Powned, grazie alle sue ottime prestazioni, si trova attualmente al comando del girone A con 7 punti a pari merito con i Cyberground.

Daniel mi confida essere un grande fan di DoubleLift di cui ammira lo stile di gioco prettamente aggressivo e le eccellenti meccaniche. In italia vede la botlane dei Forge come la più forte; come dargli torto viste le eccellenti prestazioni di Efias ed End. Parlando di giocatori italiani il discorso non può che spostarsi su Jiizuke che, per chi ancora non lo sapesse, è il primo italiano a raggiungere le LCS. La crescita di Jiizuke è stata esponenziale, grazie anche ad un’organizzazione come il Team Forge che gli ha permesso di migliorare dal punto di vista sia meccanico che comportamentale in un ambiente professionale e al contempo “familiare”.

Daniel dimostra di essere un ragazzo maturo anche quando si parla di scuola. Molti ragazzi alla sua età ignorano completamente la scuola considerandola secondaria rispetto, ad esempio, al provare a diventare professionisti nel settore eSport. Secondo me ci deve essere un equilibro visto che l’obiettivo principale della scuola dovrebbe essere quello di formare persone prima di tutto sul lato umano. RightClick AD non ha problemi a scuola ed è conscio di quanto sia importante una solida formazione che vada di pari passo con gli allenamenti e le partite di Team.

Personalmente ritengo Daniel un ragazzo con la testa sulle spalle che, se continuerà in questa direzione, non potrà che diventare uno dei migliori giocatori del nostro paese e, un giorno, ambire a seguire le orme del conterraneo Jiizuke.

 

 

 

 

Giuliano "Yushiiko" Maenza

Ex-giocatore agonistico di calcio, negli eSports ho ritrovato tante di quelle componenti che mi hanno fatto innamorare proprio di questo sport. Seguo il competitive di League of Legends da ormai quattro anni e gioco, divisione scapoli e ammogliati, da cinque. Laureato triennale con una tesi sugli eSports e Twitch.TV, attualmente studio Marketing & Digital Communication a Roma per la magistrale.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701