Il Team Misfits cambia nome in Renegades e si contorna di grandi nomi!

Profilo di Kingofsloths
 WhatsApp

Uno dei più popolari team delle League Challenger Series cambia identità, in associazione con grandi nomi ed ampliando la sua gamma di giochi competitivi.

Il famoso team Misfits cambia nome in Renegades. Insieme a questo cambiamento danno il benvenuto all’ex coach dei Counter Logic Gaming e commentatore di OnGameNet, Christopher “MonteCristo” Mykles, che si unirà al nuovo team come co-owner. In aggiunta, hanno acquisito la squadra australiana di Counter-Strike: Global Offensive prima conosciuta come Vox Eminor.

Mykles e Chris “Doombang” Badawi hanno dichiarato dal Daily Dot che si tratta non solo di un cambio di nome, ma della nascita di una “nuova identità, Mykles, una delle personalità più conosciute nel mondo di League of Legends, porterà una forte esperienza nell’industria del mondo di League per il team team; il suo ruolo, tra gli altri, sarà quello di organizzare il Team e gestire le sponsorizzazioni per lo stesso.”

Il team di League fu fondato il 9 marzo da Alexey “Alex Ich” Ichetovkin, Alberto “Crumbzz” Rengifo, e Badawi, come legale. Questi tre sono stati poi affiancati da un top laner Oleksii “RF Legendary” Kuziuta, il tiratore Ritchie “Intense” Ngo, e dal support Maria “Remilia” Creveling.

 

fonte: The Daily Dot

vex def

Riot al lavoro per ridurre il danno ed il potenziale di one-shot

Profilo di Rios
 WhatsApp

Il lavoro di Riot per la stagione 12 di League Of Legends è stato aspramente criticato per molti aspetti, nonostante questo sia arrivato da poco sui server live. Le lamentele dei normali utenti utenti, ma anche dei pro e degli ex pro, si sono concentrate sui danni.

In tanti pensano che l’attuale meta offra troppe possibilità di one-shot, anche a quei campioni che in teoria non dovrebbero essere in grado di usare un’arma del genere. Ma questa non è certo una novità, anzi è un problema che ha radici lontane nel tempo.

Gli sviluppatori si sono già messi all’opera per risolvere tutto, anche se questo lavoro richiederà davvero molto tempo per essere portato a termine.

Riot dovrà ridurre il danno in League Of Legends

Problema di lungo corso

Da qualche anno a questa parte, ormai, molti utenti non sopportano (giustamente) l’eccessivo danno presente in League Of Legends. La cosa è peggiorata nel corso del tempo, ed ha permesso a diversi campioni di diventare delle vere macchine da one-shot. Mentre altre categorie sono scomparse proprio a causa di questo motivo.

All’alba della stagione 12, molti giocatori hanno iniziato ad aprire delle polemiche piuttosto forti sui social su questo argomento in quanto la situazione è ulteriormente peggiorata. Il loro pensiero, inoltre, è stato avallato anche da proplayer ed ex proplayer, che si sono schierati dalla parte della normale utenza di League Of Legends.

Riot pronta ad intervenire

Le polemiche su Reddit sono diventati virali, al punto in cui gli sviluppatori di Riot sono stati costretti ad intervenire per dire la loro versione dei fatti. Axes ha assicurato che il team sta già lavorando sulla cosa, ma che ci vorrà del tempo.

Nonostante questo, il dev ha assicurato che tutto dovrebbe arrivare durante quest’anno, e che non dovremo aspettare la prossima pre-season.

ENG

“We are actively working on finding the good, nuanced version of reducing overall damage in the game.

We are hoping to ship during the season if possible. There’s not a good update I can give right now other than we’re working on it. We’re hoping to ship it when it’s ready, and we’re willing to ship it during the season instead of having to wait til preseason if we’re able to land it, aside from specific launch windows like playoffs/MSI or the leadup to Worlds.”

ITA

“Stiamo lavorando attivamente per trovare il modo giusto per ridurre il danno generale all’interno del gioco.

Speriamo di farla uscire durante la stagione se possibile. Non c’è un buon aggiornamento che io possa darvi al momento se non che ci stiamo lavorando. Speriamo di farlo uscire quando sarà pronto, e siamo disposti a farlo uscire durante la stagione invece di dover aspettare fino alla preseason se ci riusciamo, escludendo alcune specifiche finestre di lancio come quelle dei playoff/MSI oppure quelle che portano ai Worlds.”

Riot migliorerà la rappresentazione del rank dei giocatori

Profilo di Rios
 WhatsApp

La nuova stagione ha introdotto delle nuove grafiche che rappresentano il rank dei giocatori, ma molti utenti non sono soddisfatti di questa feature. Il tutto risulta davvero molto brutto ed anonimo, quasi un downgrade rispetto ai lavori precedenti di Riot.

Proprio per questi motivi, gli sviluppatori hanno deciso di mettersi al lavoro, ascoltando il feedback proveniente da tutte le community del mondo. Sarà un cambiamento piuttosto lento che, probabilmente, continuerà ad evolversi nel corso del 2022, anche se un primo assaggio lo potremmo avere con la 12.2.

Speriamo vivamente che il team riesca a cambiare rotta rispetto a quanto visto fino ad ora, dato che questo “aggiornamento” grafico non convince per niente.

Riot pronta a migliorare le grafiche dei rank

Poca attenzione ai dettagli

La stagione 12 avrebbe dovuto introdurre diverse migliorie grafiche all’interno del client di gioco, volte a rendere ancora più personalizzabile l’esperienza di ogni utente. Nel momento in cui vi stiamo scrivendo, Riot non è riuscita a mantenere quanto detto, ma anzi ha peggiorato una situazione che andava bene a molti giocatori.

L’aspetto che ha subito di più queste “modifiche” è stata la rappresentazione del rank. Alcuni livelli sono praticamente indistinguibili dagli altri, specialmente se andiamo a prendere in esame il rank bronzo ed oro. Nemmeno a livelli alti la situazione migliora troppo, dato che molti utenti non sentono il “prestigio” del loro livello faticosamente guadagnato.

Le dichiarazioni di Jordan Checkman

ENG

“We’re working on some improvements to ranked representation in League after all the helpful feedback we received since launch. First up: We’re adding ranked division displays back to the Lobby, Profile, Loading Screen, and Hovercards.

We’re also addressing: Gold and bronze not being well enough differentiated. Ranked borders not feeling prestigious enough at the higher levels . Rendering quality issues on the loading screen. League is never complete. We ship a new game every two weeks.”

ITA

“Stiamo lavorando ad alcuni miglioramenti alla rappresentazione del rank in League dopo tutto l’utilissimo feedback che abbiamo ricevuto dal lancio. Per prima cosa: aggiungeremo di nuovo la visualizzazione della divisione classificata nella lobby, sul profilo, nella schermata di caricamento e sulle hovercards.

Ci stiamo anche dedicando a: i rank bronzo ed oro non sono ben differenziati. I bordini classificati non sono abbastanza prestigiosi ai livelli alti. Problemi della qualità del rendering nella schermata di caricamento. League non è mai completo. Facciamo uscire un gioco nuovo ogni due settimane.”

LEC: i G2 Esports fanno i conti con il COVID-19

Profilo di Rios
 WhatsApp

Secondo quanto riportato dai G2 Esports su Twitter, quasi tutto il team di League Of Legends ha contratto il COVID-19. I giocatori ed i coach sono dovuti rimanere in isolamento, costretti a giocare la prima week di LEC completamente lontani gli uni dagli altri.

Fortunatamente, il virus, non ha condizionato le performance dei giocatori, che hanno portato a casa ben due vittorie nel week-end appena trascorso. Sicuramente ci saranno degli sviluppi in questi giorni, e speriamo che nessuno di loro possa aggravarsi.

Ma andiamo a leggere il comunicato ufficiale della squadra diffuso ieri notte sui social, sperando che il tutto possa risolversi in fretta.

Il COVID-19 colpisce la LEC

Una circostanza sfortunata

Nonostante la nostra vita stia procedendo quasi normalmente, la presa del COVID e della pandemia non accenna a diminuire in tutta Europa. Proprio per questo motivo, Riot ha deciso di mantenere il formato online per lo spring split 2022 della LEC, cercando di garantire la sicurezza di tutti.

Purtroppo il COVID è un nemico davvero difficile da prevedere, e spesso colpisce di soppiatto anche chi prende tutte le precauzioni necessarie. Lo hanno dovuto imparare, a loro spese, quattro giocatori ed entrambi i coach del team di LoL dei G2 Esports.

La squadra ha infatti comunicato che tutti i player e gli allenatori sono dovuti rimanere in isolamento, ed hanno dovuto giocare il week-end di LEC senza potersi incontrare. Al momento non sappiamo chi sia l’unico fortunato ad essere sfuggito al virus, ma va bene così.

Il comunicato

ENG

“Earlier this week the vast majority of our LEC roster + staff tested positive for COVID-19. We decided to play as normal, just without player cams and winners interviews where possible. We hope to be back to 100% come next weekend’s games.”

ITA

“All’inizio di questa settimana la maggior parte del nostro roster LEC e lo staff sono risultati positivi al COVID-19. Abbiamo comunque deciso di giocare normalmente, rinunciando alle cam dei giocatori ed alle interviste dei vincitori ove possibile. Speriamo di ritornare al 100% per le partite della prossima settimana.”