Il rework di Morgana e di Kayle finalmente rivelati

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dall’annuncio del rework di Kayle e Morgana, e di altri, abbiamo mostrato le tappe rilasciate pian piano dagli sviluppatori. Finalmente è giunto il momento di mostrare nel dettaglio, punto per punto, in cosa consistono questi due rework.

Rework di Morgana

Fonte Riot Games

Il rework di Morgana è il meno “rilevante” in termini di gameplay. Come era stato annunciato, il kit è rimasto sostanzialmente invariato ad eccezione della ultimate, che le conferirà velocità di movimento bonus, nello spostamento verso i nemici.

Rework di Kayle

Fonte Riot Games

Se il rework per Morgana è quasi-puramente visivo, per Kayle solo il concept è rimasto invariato. Quello che la fa partire come combattente corpo a corpo, per concludere la partita come campione a distanza.

Ascesa Divina (Passiva):

Ascesa Divina si divide in quattro fasi dipendenti dal livello del campione:

  • Zelante (livello 1): Gli attachi di Kayle conferiscono velocità d’attaco che si accumula. Al massimo delle cariche, Kayle diventa Gloriosa e ottiene velocità di movimento verso i nemici.
  • Infervorata (livello 6): Quando Kayle è Gloriosa, i suoi attacchi lanciano delle onde che infliggono danni bonus.
  • Elevata (livello 11): Kayle si trasforma in campione a distanza.
  • Trascendente (livello 16): Kayle assume la forma finale e diventa Gloriosa permanentemente. Le sue onde infliggono danni puri.
Luce Incandescente (Q):

Kayle evoca un portale che coplisce un nemico (in linea), danneggiandone armatura, resistenza magica e rallentandolo. Questo colpo esplode e danneggia anche i nemici vicini al bersaglio.

Benedizione Celestiale (W):

Kayle cura sé stessa e un alleato bersaglio, conferendo (ad entrambi) un incremento della velocità di movimento.

Lama di Fuoco Stellare (E):

Passiva: gli attacchi base di Kayle infliggono danni bonus che crescono con il potere magico e l’attacco fisico.
Attiva: il prossimo attacco base è a distanza e infligge una percentuale della salute mancante del bersaglio in danni magici bonus. Raggiunto lo stadio Infervorata, questo attacco infligge i nemici vicini al bersaglio.

Giudizio Divino (R):

Kayle conferisce invulnerabilità a sé stessa o a un alleato bersaglio per qualche secondo. Mentre è invulnerabile, intorno al suo bersaglio si muovono in cerchio spade purificatrici che danneggiano i nemici nell’area.

Conclusioni

La notizia ufficiale di Riot Games non rivela nessun tipo di “matematica” dietro il rework. Questo non ci permette di inserire nel meta attuale i due angeli di Runeterra, ma possiamo analizzare il senso generale del rework.
Se da un lato abbiamo il rework quasi-esclusivamente grafico di Morgana, tra l’altro molto apprezzato dalla community mondiale, dall’altro abbiamo un bel cambiamento completo di Kayle.

Questa non vedrà più gestire il suo gioco su un’unica abilità (la vecchia E), ma potrà, come tutti i campioni in caso di necessità, modificare finalmente l’ordine di potenziamento delle abilità stesse.
Sembra ancora piuttosto evidente la dipendenza della stessa abilità (Lama di Fuoco Stellare), ma in chiave completamente diversa, più in linea con il Morso di Trundle o alla Lama degli Inferi di Kassadin.
Alla ultimate sono state rimossi secondi importanti, al posto di danni ad area, plausibilmente, ingenti.

Sicuramente verranno più giocate, ma non necessariamente per la loro forza (si pensi a Morgana, che molto difficilmente utilizza la sua ultimate inseguendo i nemici, ma “flankandoli” o utilizzando il flash). Se dovessimo sbilanciarci su quale delle due vedrà più spazio nella landa, diremmo sicuramente Kayle, motivo per il quale questo rework è stato attuato.

Eugenio "Paesano" Fofi

Studente di ingegneria elettronica all'università La Sapienza, di Roma. Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba, con discreti risultati nei tornei raggiungibili. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti