Teamfight Tactics presentation

Guida TFT Void Demon comp, per annullare l’armatura

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Oggi vi presentiamo una composizione per Teamfight Tactics la composizione nello specifico è alla Void Demon comp. Una composizione che consente di spiazzare l’avversario counterando sia Noble che molte altre. La centralità della composizione si fonda sul dimezzamento delle resistenze delle unità nemiche e dal potenziamento che le nostre unità si garantiranno. Void in primis permette di ignorare metà dell’armatura nemica, Demon di fare danni puri bruciando il mana degli avversari, Ranger e Blademaster di effetturare più danno nel breve tempo, mentre il Phantom rimuoverà gran parte della vita di un campione avversario portandolo a 100 HP.

Vi lasciamo un esempio di composizione possibile, che mostra non solo la flessibilità della composizione, ma come non servano i famosi campioni “3 stelle”:

Guida TFT Void Demon comp

Le sinergie (che siano origini o classi) sono:

  • Void : Gli attacchi della tua squadra ignorano il 50% dell’armatua del nemico;
  • Demon : 30-50-70% di possibilità di bruciare tutta il mana attuale del bersaglio colpito, infliggendo danno puro uguale al mana bruciato;
  • Ranger : Ogni 3s ogni Ranger ha il 25-65% di possibilità di raddoppiare la sua velocità d’attaco per 3s;
  • Phantom : Maledice un’unità nemica all’inizio del combattimento, impostando la sua salute a 100;
  • (in fine) Blademaster : 45% di possibilità di ogni Blademaster di attaccare 1-2 volte in più.

Altre possono essere aggiunte sia durante la costruzione, che in chiusura di partita:

  • Imperial (nel primo caso) : Raddoppia i danni di uno-di tutti gli Imperiali;
  • Exile (nel secondo) : Se collocato senza unità adiacenti gli Exile guadagnano uno scudo pari al 100% della sua salute.

Essendo una composizione molto lunga, può soffrire sia in Early, che in Mid, che in Late game. Questo dipende da quando riuscirete a trovare i campioni giusti per le vostre sinergie.

Campioni per la composizione

Solitamente i campioni per la composizione sono:

  • Kassadin,
  • Kha’Zix,
  • Mordekaiser,
  • Cho’Gath,
  • Varus,
  • Kindred,
  • Aatrox,
  • Draven.
  • Yasuo.

Opzionali sono:

  • Karthus;
  • Darius;
  • Vayne;
  • Elise;
  • Rek’Sai.

La forza della composizione sta nel fatto che le sinergie potranno essere costruite man mano, senza l’obbligo di vincolarsi a determinati campioni nella fase stessa di costruzione. Anche se sono fortemente consigliati quelli elencati. Non sarà necessario, come per altre composizioni portare i campioni al livello 3. Sarà più il posizionamento e gli oggetti sugli stessi a determinarne la forza.

Costruzione della comp passo passo

La prima sinergia che si andrà costruendo è la Void. Kha’Zix, Kassandin e Cho’Gath sono ottimi per iniziare. Seguita (dipendentemente dalla pool di campioni che riceverete) da Ranger, con Varus e Kinderd, da Demon con Varus e Aatrox, e dalla Phantom con Mordekaiser (o Karthus) e Kindred. Ultima sinergia è la Blademaster con Aatrox, Draven e Yasuo.

Alcuni campioni potrebbero non entrarvi subito, ma ci sono delle sostituzioni che possono fare al caso vostro:
Al posto di Mordekaiser è possibile giocare Darius (se si opta per questa scelta, è fortemente consigliato il pick di Karthus per mantenere a fine partita i Phantom), Vayne al posto di Kindred, Rek’Sai al posto di Cho’Gath, Elise al posto di Aatrox.
Essendo una composizione ampia è consigliabile optare, sin dalla prima rotazione del “Carosello” di qualsiasi campione con la Spatola. Più ne avrete, più facile sarà per voi costruire le sinergie grazie alla combinazione di due Spatole a formare la Force of Nature (Forza della Natura), che vi permette di schierare un campione aggiuntivo, il cui effetto è comulabile: 2 FoN = 2 campioni aggiuntivi. Sconsigliata è la scelta di legare la Spatole ad altri oggetti (andando a costruire oggetti che forniscono attributi), utilizzabile solo in casi estremi per la sinergia Demon (Spatola+Arco), o per la sinergia Blademaster (Spatola+Lacrima).

 

Il posizionamento

Non ci rimane che il posizionamento da trattare. Questo è il punto più semplice a livello teorico: i tank/melee vanno nella frontline, dietro di loro posizioneremo i ranged, dietro ancora Kha’Zix. Yasuo al lato per far proccare l’Exile.
Unico accorgimento: controllate, soprattutto nel late game il posizionamento dei pezzi dei vostri avversari, così da non rimanere spiazzati da possibili counter, forzandoli al vostro gioco: far scontrare le unità avversarie sui vostri campioni melee, per farle annichilire dai vostri ranged. ­

Eugenio "Paesano" Fofi

Studente di ingegneria elettronica all'università La Sapienza, di Roma. Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba, con discreti risultati nei tornei raggiungibili. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti