Frogbyte: il diario (e le foto) di una due giorni fantastica!

Profilo di Stak
 WhatsApp

A pochi giorni di distanza dalla trasferta romana, il team di Powned è stato protagonista di una nuova e sensazionale avventura: la partecipazione al Frogbyte di Pordenone…ma procediamo con ordine…

La mattina di Sabato 25 Aprile, “Il Presidente” (Stak), “Il Tesoriere” (Elamli), “Il Consigliere” (IlMaster) e l’esperto conoscitore del Lore di WoW “Il Saggio” (DelliP) salivano sul “Leviatano” (la macchina del Consigliere, ndr) da Siena alla volta della lontanissima Pordenone, città del Friuli Venezia Giulia che, annualmente e dal lontano 1966, ospita la celebre Fiera del Radioamatore all’interno della quale (e precisamente nel grande padiglione numero 1) si tiene il Frogbyte.

frogbyte 1
Il mitico Staff del Frogbyte!

Il Frogbyte è uno dei più grandi eventi Lan italiani: più di 200 postazioni pronte ad ospitare centinaia di giocatori provenienti da tutta la regione che si sfidano a decine di giochi diversi…dai più celebri e divertenti Fps a Starcraft, da Hearthstone a League of Legends e cosi via!

Powned, come molti di voi ricorderanno, venne invitata a partecipare a questa importantissima edizione del celebre evento Lan per dare il suo contributo nello svolgimento dei tornei di League of Legends ed Hearthstone ma torniamo a dove eravamo rimasti, alla mattina del 25 Aprile…al momento della partenza da Siena!

Alle 4 di mattina decidevamo di caricare bagagli e cianfrusaglie varie in macchina per prendere la volta di Pordenone; qualche breve sosta, tante chiacchiere nerd e centinaia di “stasera ti zergo su CoD” piuttosto che “vedrai come ti bishotto con il mio huntard” hanno accompagnato le piacevoli ore di viaggio che ci separavano dalla meta.

Una volta arrivati in Fiera, ad accoglierci ai cancelli troviamo 3 particolari soggetti: Cervy (caporedattore della sezione LoL), Dark (l’All American delle dirette streaming o, come ribattezzato da molti, il “Pippo Baudo” dello streaming italiano) e xBrilluz (colonna portante della redazione di Hs ed importante spalla di Aerial nelle tante notti alla caccia “dei boss di Massiccio”)…la due giorni del Frogbyte è ufficialmente iniziata!

11161356_385186525016863_4505877884020305059_n
xBrilluz, il Drago Msi e Cervy!

Una volta entrati ecco che arrivano Nicola e Paier, i due intraprendenti ragazzi dello staff con i quali ci siamo sentiti per tante volte prima dell’evento, che ci danno subito il loro benvenuto con il massimo dell’allegria e dell’entusiasmo…andiamo cosi a prendere posto nello Stand!

Giunti nell’area che ci era stata riservata il colpo d’occhio era davvero fantastico: 10 super computer di Msi facevano da sfondo allo stand dove il grande striscione con l’orso, già precedentemente posto da Dark, Cervy e xBrilluz, era stato posizionato.

11070620_385562204979295_1445749862732445766_o

Giusto il tempo di fare due chiacchiere (e di giocare con il Drago…vero xBrilluz?) con una veloce pausa caffè ed ecco che si parte con il torneo di LoL: siamo leggermente in ritardo e dobbiamo recuperare il tempo perduto… iniziano cosi le sfide sotto la guida del “martello” (l’instancabile Paier) e dei ragazzi dei due staff (Frogbyte e Powned)…sono decine i monitor della lan da cui si intravede la Landa degli Evocatori e lo spettacolo vale da solo il costo di un biglietto!

11081274_385251775010338_9158788152540164876_n

11154917_385211508347698_1915806263218344382_o

11136083_385186081683574_3708022796893321566_o

10636912_385186088350240_5860198805573061422_o

11074167_385237841678398_1472935953325849996_o

Dopo qualche ora di gioco procediamo spediti verso le Finali e l’innovativo duo Cervy/Dark si prepara a castare in diretta streaming, e direttamente dal palco dell’evento, l’entusiasmante conclusione del torneo che ha visto svolgere decine e decine di match in meno di mezza giornata!

Diretta Streaming Torneo di  League of Legends

Parte 1

Parte 2

C’è però una cosa che non vi abbiamo ancora detto: il primo atto della “Grande sfida”… succede infatti che Dark, attendendo i risultati delle partite di LoL e circondato da tanti appassionati, conclude con un sensazionale 12-1 l’Arena di Hs cominciata durante la mattina e più volte interrotta. Una volta finita, tra applausi e congratulazioni varie, il buon Dark si alza e si prepara per un selfie che immortali il momento ma, ed è qui che succede il misfatto, il sottoscritto ne approfitta della sedia vuota e si accomoda in quella che pochi secondi prima era la postazione di Dark.

11134294_10205077217783126_1628404829_n
Selfie post Arena 12-1

Foto fatta e post pubblicato con Stak in primo piano e seduto sulla sedia…partono cosi le ire di Dark: “ma cosi sembra che l’hai fatta tu impostore!!”, “ora ci penso io a dire la verità millantatori!!”…dopo pochi istanti Dark replica al suo stesso post cosi:

dark

Ricordate questo particolare per dopo…sarà fondamentale per il prosieguo della giornata.
Decisamente stanchi ma estremamente soddisfatti per la conclusione del torneo di LoL, ci rendiamo conto che è arrivato il momento di “fare il pieno”: la ricerca dell’oste più vicino è ufficialmente iniziata!

11173493_10205080645148808_771821337_n
Powned con Carolyn dello Staff MSI Italy Notebook

La ricerca, a dire il vero, è durata ben poco…dopo neanche 5 minuti di macchina il luogo del “rifocillamento” è stato individuato; prendiamo posto a tavola ed apriamo ufficialmente le danze gastronomiche!

Dopo diverse portate e tante chiacchiere qualcuno (Cervy) torna sull’argomento dolente: “Dark, tanto lo sappiamo tutti che è stato Stak a fare il 21-2…non tu. In rete è questa la verità…rassegnati”.

11225612_805102212917008_1697568140_n

Cala il silenzio…Dark, in un primo momento scocciato, rilancia: scelgo io l’eroe…mi fate voi il deck e faccio 3 win in arena.
Accettiamo la sfida…e la lista, credeteci, è raccapricciante: 2 Fuochi Fatui, 3 Fuochi Stellari ed un micidiale Becchino senza nessuna carta con Rantolo di Morte (tranne una forse) accompagnano una lista di carte buona per essere bruciata istant.

11150876_472834989534865_979266226777960977_n
Foto con le ragazze dello staff McDonald’s!

Il buon Dark, preoccupato per l’esito della sfida, smette di parlare (ma poi scopriremo che, lo stare zitto, è solo il preludio della sua trasformazione in SUPER IMBA PRO PLAYER TI ZERGO SENZA GIOCARE)…

Tornati in fiera (sono più o meno le 23) per dare il via all’Arena di Dark ecco che succede qualcosa di clamoroso che ci porterà a dire “al Frogbyte ci torneremo fino alla fine dei nostri giorni…”: centinaia di persone, tra snack, sacchi a pelo, tende di fortuna e tanti, tantissimi computer, si fanno avvolgere dalla notte giocando e scherzando ai più disparati titoli…per un vero amante delle lan è un sogno che si realizza; in un clima che nulla ha da invidiare alle “lan in casa” veniamo anche noi rapiti dalla magia del giocare tutti allegramente insieme contribuendo, con le luci dei monitor dei nostri pc, a rendere ancor più sensazionale quello che già di base era davvero (come diremmo noi…) OP!!

11203533_751629088286350_5732355698923667599_o
La nottata Lan!

Ripresi dall’onda emotiva prendiamo posto e circondiamo come condor affamati il povero Dark: è lui ora il protagonista, solo contro gli avversari e circondato dai suoi “amici” che faranno di tutto per distrarlo e per rendergli ancor più disperata una situazione già di suo abbastanza difficile…

Non vi dirò nulla di quello che è successo dopo perchè, a nostra insaputa, Dark premeva il magico bottone facendo partire lo streaming documentando tutto quello che sarebbe successo da quel momento in poi; il video è disponibile sotto che vi invitiamo a vedere augurandovi un buon divertimento (e scusandoci anche per il linguaggio particolarmente colorito ma, lo ripetiamo, non eravamo stati avvisati della cosa xD)!!

Terminata la sfida, continuiamo la Lannata più micidiale dell’anno…la notte è giovane ed i nostri fucili di CoD2 sono affamati e carichi come mai!!

Stanchi (ma forse devastati è più giusto come termine) ma contenti cerchiamo ritrovo per una breve ma intensa dormita…dopo poche ore sarebbe iniziato il torneo di Hearthstone e dovevamo essere riposati per l’importante sfida!

La mattina seguente, dopo il meritato riposo, ci prepariamo per la Domenica del Frogbyte: gli iscritti del torneo di Hs iniziano ad arrivare e li dobbiamo fare accomodare alle postazioni Msi…si parte con le varie sfide della Locanda!!!

Il torneo, le cui fasi finali sono state seguite in diretta streaming da Dark, hanno visto decine di partecipanti che per diverse ore si sono affrontati a colpi di TopDeck e di combo sensazionali:

11136825_10205080645428815_1719647651_n

11165925_10205080645308812_1493019799_n

11194621_385505538318295_8795302891322193870_o

La diretta streaming del torneo di Hearthstone:

Parte 1

Parte 2

Concluso anche questo torneo e con un po’ di amarezza, ci prepariamo per impostare la modalità “ritorno a casa“…la lunga giornata sta per finire e sono ancora centinaia i chilometri che ci separano da casa!
Ci avviamo cosi ai ringraziamenti finali, ribaditi anche dal palco del Frogbyte insieme all’invito a tutti i presenti di continuare cosi perché il mondo dell’eSports italiano, per continuare la sua meravigliosa crescita, ha bisogno di momenti importanti ed unici come il Frogbyte e che solo con l’aiuto di tutte le forze possibili potremo determinare un cambiamento ormai necessario quanto indispensabile per tutto il nostro settore!!

Grazie Nicola, grazie Paier, grazie a tutto lo staff del Frogbyte e della Fiera del Radioamatore. Grazie infine allo staff di Msi per il supporto tecnico e per averci dato la possibilità di far giocare i tanti iscritti ai tornei sulle loro meravigliose postazioni.
Alla prossima Frogbyte! Ci vediamo nel 2016!!

dota

Un disertore rivela: ‘in Corea del Nord, se non giochi a Dota, non sei considerato un uomo’

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Dota 2 – Un video coreano condiviso online a fine 2020, quindi poco più di un anno fa, è stato di recente ”riesumato” da alcuni utenti di Reddit che ne hanno tradotto alcuni passaggi, nei quali si evince perfettamente il difficile rapporto tra gli abitanti della Corea Del Nord ed il mondo dei videogiochi.

In particolare, il video sembrerebbe essere nato come una semplice intervista ad un disertore del regime, uno dei pochi fortunati che riescono ad uscire dai confini nazionali in cerca di fortuna ed una vita migliore, un’intervista che tratta principalmente il mondo del gaming.

Oltre ad offrire alcuni chiari esempi di quanto possa risultare difficile persino videogiocare in un luogo del mondo in cui molto spesso l’uso di internet è limitato, se non addirittura proibito, l’intervistato ha spiegato quanto nel paese sia importante giocare a Dota, ma non come vi aspettereste.

Esatto, perché proprio a causa della mancanza di una connessione ad internet accessibile, i giocatori sono costretti a ritrovarsi in case private dotate di computer, una sorta di primitiva sala LAN in cui, pagando un prezzo abbastanza modico, si può passare la notte a scontrarsi con un altro team di 5 persone, in uno scontro che termina solo quando l’altra compagine si arrende.

Quella che giocano, riportano i traduttori, è d’altronde una versione molto diversa di DOTA da quella che sicuramente ogni appassionato del genere MOBA conoscerà, con delle regole ben stabilite dal passaggio attraverso la tripla frontiera (Russia->Cina->Corea Del Nord). L’intervistato si è spinto anche ad importanti affermazioni, riportando che tra i ventenni di oggi, chi non gioca o addirittura non conosce DOTA, non è considerato un ”vero uomo”.

Nemmeno a farlo apposta, in questi giorni sono stati riportati alcuni dati sulla Corea del Sud, che ci parlano di un luogo dove invece è League of Legends, il competitor più diretto di DOTA 2 sul mercato, che continua a spopolare, attirando sempre più aspiranti professionisti ed aumentando a dismisura il livello competitivo della Lega Nazionale, la ben nota LCK.

Insomma, cosa ne pensate di questa storia? Avete letto o visto altre informazioni al riguardo? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

A North Korean defector says dota2 is gaining huge popularity in NK. from DotA2

Articoli Correlati:

dota 2 team spirit campioni

Team Spirit – I campioni russi di Dota 2 da 18 MILIONI $ ricevono i complimenti anche da Putin!

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

I giovanissimi russi del Team Spirit sono infine riusciti ad aggiudicarsi l’ambitissimo titolo di campioni di uno dei tornei più prestigiosi dell’intero panorama esportivo: La Dota International, nella sua versione 2021. Per quest’anno l’Egida dei campioni é loro.

Non solo la gloria per questi prodigi del gaming, che portano a casa anche un cospicuo premio in denaro di oltre 18 MILIONI di Dollari; una cifra spaventosamente alta se confrontata anche con i prize pool di altre realtà videoludiche più famose dalle nostre parti, come League of Legends, che invece offre ai campioni ‘‘solo” 500.000 Dollari.

Accolti come eroi in patria, i giovani neo-campioni hanno ricevuto anche le congratulazioni del presidente Putin e del suo staff, che hanno a tutti gli effetti paragonato questo titolo ad una vittoria di un mondiale di calcio o qualsiasi altro sporto, tornando a mostrare ancora una volta la superiorità della mentalità russa (nell’ambito del gaming) rispetto al resto d’Europa.

Team Spirit campioni da 18 MILIONI di Dollari – Dota 2

Sulla faccenda é intervenuto, in un’intervista al canale “360”, Pavel Golubev, direttore dell’Associazione per lo sviluppo degli eSport in Russia, dichiarando quanto importante sia stato questo traguardo non solo per l’organizzazione del Team Spirit, ma per tutto l’environment videoludico russo, visto che questa è la prima vittoria di una squadra russa nella storia delle competizioni di Dota 2.

”La composizione finale della squadra è stata determinata solo all’inizio del 2021, quindi nessuno credeva in questi ragazzi, ma hanno vinto grazie alla buona preparazione. […] È come vincere il Mondiale di calcio o qualsiasi altro campionato del mondo in uno sport prestigioso. Questa è una competizione a cui ogni gamer e cyber sportivo sogna di partecipare; questo non è solo un evento importante, è un evento super importante.” – ha concluso Golubev nel suo intervento.

Come anticipato, anche il presidente russo Vladimir Putin ha commentato questa straordinaria vittoria: ”“Nel cammino verso la finale, avete dimostrato eccezionali doti di leadership e coesione, e nella sfida decisiva, che è diventata una vera prova di abilità e carattere, siete riusciti a concentrarvi e a prendere l’iniziativa nei confronti di rivali forti nel momento più cruciale”

Insomma, una vera e propia prova di forza da parte dei ragazzi del Team Spirit… che sia questo l’inizio di un’egemonia russa nel settore del gaming? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra opinione con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati:

pow3r

Caro Pow3r ti scrivo… (Così tu mi blasti un po’)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Nel corso del pomeriggio di venerdi e sabato, la nostra testata é stata duramente attaccata dal noto streamer Giorgio ‘Pow3r’ Calandrelli, il quale in un commento su Facebook ripreso anche dai colleghi di Dr. Commodore (che non linkeremo per risparmiargli critiche inutili, a differenza loro) ci ha dato fondamentalmente dei venditori di fuffa.

Lasciando ad un futuro editoriale eventuali commenti sullo sciacallaggio come quello pateticamente perpetrato dalla redazione di Dr.Commodore (che spesso diventa norma nel panorama d’informazione videoludica italiana), vorremmo concentrare tutte le nostre attenzioni sul solo commento di Pow3r rilasciato su Facebook, andando a discernere i suoi punti, affrontandoli uno per uno.

Sono POW3R e sincero avete rotto il cazzo con i titoli clickbait e non riportare le notizie storpiandone a vostro piacimento per alimentare odio e flame. Ho espressamente detto che Final Fantasy XIV e WOW sono i migliori MMO ma troppo complessi per un giocatore che non li ha mai giocati e questo vale anche per gli altri MMO sul mercato.

Per quanto riguarda New World ho spiegato che rispetto a questi è più accattivante perché più semplice e alla portata di un nuovo giocatore che non ha mai giocato questa categoria. La battuta su Metin era con un amico che era in chat che è fan di Metin. Smettetela di usare il mio nome per i vostri articoli clickbait e specialmente create disinformazione. Più che una testata di news siete novella 2000 con le cagate che scrivete.”

”PS: gioco a WOW da quando avevo 11 anni, Vanilla fino a BFA e ho fatto anche SR1 su TBC, ho militato anche nei KOH per quanto riguarda PVE ad alti livelli. Prima che arrivino i mostri con la spada in mano a dire che non ho mai giocato ad un cazzo. Aggiungo mmo giocati: Ragnarok, SWTOR, AOC, WAOR, e tantissimi altri che manco mi ricordo’

Clickbait, una parola forte nata e cresciuta nei primi anni di Youtube (e che tutt’oggi continua a farla da padrone anche nei canali più famosi, tra cui anche il tuo, Pow3r) che non sentiamo per nulla nostra, e che indica un connubio di titoli ed immagini fuorvianti rispetto al contenuto dell’ articolo, video, od opera in generale.

Questo nel pezzo non é accaduto, le dichiarazioni effettuate da te sono state riportate con estrema accuratezza e precisione professionale. Questo, proprio perché nuda verità, non ti esime da eventuali critiche che giungono da persone che si fermano ad un titolo riassuntivo, scegliendo di non approfondire la questione.

Punto secondo: quello che hai detto nel commento su Facebook non é quello che viene detto nelle clip, che comunque Pow3r, o chi per lui, ha prontamente provveduto ad eliminare una volta che erano arrivate in tendenza tra i video del suo canale Twitch (come da immagine QUI SOTTO).

La scena italiana, della quale ti abbiamo sempre considerato un degnissimo rappresentante, dovrebbe forse imparare che quanto detto durante una diretta (nella quale si viene difesi da un certo numero di moderatori e si è permeato in un ambiente creato appositamente per i fan e non per gli hater) non rappresenta la totalità del pubblico, ed ha quindi una grande rilevanza, dal momento che nessuno può vietare a nessuno di riportare tali dichiarazioni per creare una discussione attorno ad una figura di rilievo.

POW3R

Quanto appena spiegato, accade di continuo in praticamente qualunque regione del globo terracqueo ed anche in Italia in altri ambienti (basti vedere la politica, il calcio, e la televisione) senza che nessuno si arrabbi o si offenda per delle critiche ricevute al suo pensiero, e che anzi a nostro modesto avviso dovrebbe essere la normalità in un ambiente che voglia sviluppare un discorso costruttivo (anche se purtroppo alcuni individui spesso non collaborano) e non prendere per oro colato ciò che dice una persona con un discreto seguito.

La disinformazione é un grande problema di questo triste mondo nel quale ci troviamo, ed i vari ricami che millanti riguardo quanto riportato nel nostro articolo lo sono ancora di più. Alcuni tuoi fedeli seguaci ci hanno accusato di aver estrapolato, manipolato e montato ad hoc le tue parole per far trasparire un messaggio fuorviante che doveva attirare odio, tuttavia ti assicuriamo che nulla potrebbe essere più lontano dai nostri standard lavorativi (visto che tra le altre cose le stesse erano state create da un tuo follower che si é anche detto contento che esse avessero generato una bella discussione nel gruppo di World Of Warcraft) e le clip che abbiamo ricaricato online e che TUTTI potranno vedere per creare un contraddittorio degno di questo nome sulle parole che sono uscite fuori dalla tua bocca (e non un intervento da bullo fatto su Facebook), lo potranno dimostrare.

-La clip di Pow3r e le nostre considerazioni-

Video 1Video 2

Il CEO di Powned Marco ‘Stak’ Cresta ha riassunto, in un video che lasceremo qua sotto, le nostre opinioni e reazioni a caldo a questo duro attacco che, dobbiamo essere sinceri, ci ha effettivamente fatti questionare sul nostro operato, da professionisti estremamente critici verso noi stessi quali siamo sempre stati.

Dopo un relativamente breve brainstorming tra di noi abbiamo valutato corretto quanto riportato nell’articolo ed abbiamo deciso di non piegarci, né farci intimidire da qualche milione di follower, rispondendo con onestà ed inflessibilità, come si converrebbe in queste occasioni.

-Il video di Stak-

Insomma, caro Giorgio, anzi, caro POW3R, come ti sei presentato sotto al nostro post, questo é quanto l’autore originale dell’articolo aveva da dire. Magari non leggerai mai queste parole, ma spero sinceramente che lo facciano più persone possibile e che questi lettori capiscano l’importanza dei gesti compiuti da questi autoproclamati giganti del web e quanto sia a sua volta importante lottare per lo sviluppo di un ambiente con una florida produzione d’informazione e discussione nel nostro paese, soprattutto in un momento così delicato per l’ambiente esportivo, anche attraverso i suoi principali esponenti.

La campagna NoClickBait

A dimostrazione di quanto sia per noi assolutamente importante utilizzare dei titoli che rispecchino i contenuti dei nostri articoli, e che le informazioni trasmesse dalle stesse siano sempre vere e non ingannevoli o in qualunque forma “alterate”, abbiamo deciso di aggiungere un box nel quale potrete darci le vostre impressioni.

Se dopo la lettura di un articolo vorrete comunicarci il vostro disappunto rispetto al titolo ed ai contenuti, potrete farlo semplicemente cliccando su “Clickbait” nel box in basso a destra. Se al contrario avrete piacere di segnalare l’effettiva pertinenza/autenticità di quanto da noi scritto, vi basterà cliccare su Non Clickbait. Provvederemo a pubblicare ogni settimana dei report dettagliati con i vostri pareri.

A Pow3r, fiduciosi che i nostri lettori possano capire appieno la situazione e farsi la loro idea a prescindere da qualunque pregiudizio, ti mandiamo un caloroso saluto.

-La redazione di Powned-

La clip di Pow3r

Video 1Video 2