Caps spiega perché in finale non ci saranno dei favoriti

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La cavalcata verso la finale dei Worlds 2019 è ufficialmente iniziata. Ormai nelle community non si parla d’altro, in tanti stanno cercando di capire chi sia, effettivamente, il favorito per la vittoria.

Sull’argomento abbiamo sentito tanti pareri (uno su tutti quello di Tyler1), nei giorni scorsi Caps ha dato la sua opinione in merito, spiegando che le squadre si equivalgono in tutto.

Le motivazioni di Caps

L’anno magico dei G2

A differenza dei Fnatic dello scorso anno, il nuovo team del midlaner danese, ha vinto tutto ciò che fino ad ora si poteva vincere. Il livello di gioco del team spagnolo è stato straordinario e travolgente, nessuno è stato capace di fermarli fino ad ora. Pensiamo ai due split della LEC vinti con facilità, anche se durante l’estate i Fnatic hanno reso la competizione molto più interessante. Inoltre sono stati capaci di vincere un MSI molto competitivo, buttando fuori il dream team degli SKT.

Anche il loro cammino in questi Worlds 2019 è stato, a dir poco, inarrestabile. Si, è vero, le loro prestazioni durante il group stage non sono state eccezionali (specialmente nella week 2), ma nonostante questo sono arrivati in finale, eliminando team del calibro dei Damwon e degli SKT (per la seconda volta in semifinale).

Un Mondiale molto competitivo: le dichiarazioni della star dei G2

Ciò che abbiamo detto fino ad ora, potrebbe far pensare a dei G2 super favoriti, ma così non è. “Ogni regione è forte nel suo modo di giocare… penso che sarà veramente difficile trovare un vincitore” questa frase di Caps, detta dopo la vittoria in semifinale, fa capire molto sul valore di questo mondiale e, soprattutto, di questa finale. “Sarà veramente molto eccitante giocare contro una squadra così simile a noi, anche le draft saranno divertenti da vedere”.

Forse questo atteggiamento cauto del midlaner danese, è anche dovuto alle sue prestazioni dello scorso anno con i Fnatic in finale. Subito dopo la fine di quella stagione competitiva, Caps decise di lasciare il team in arancione, vista anche la poca armonia generale del team dovuta a vari problemi interni.

“Sono due squadre differenti, ci sono un milione di cose che sono diverse tra di loro. L’anno scorso il mio team no  ha giocato benissimo, ma siamo arrivati comunque molto lontano nel torneo, anche perché abbiamo trovato i C9 in semifinale. Sono contento di come abbiamo giocato quest’anno. Siamo migliorati molto, e stiamo giocando ad un livello altissimo.”

L’anno scorso la Corea non ha performato bene ai mondiali, mentre gli IG hanno giocato benissimo. Invece, quest’anno, ogni regione è riuscita ad emergere, ad eccezione del Nord America.”

La motivazione di Caps

“Ormai è rimasta soltanto una settimana di Worlds, faremo sicuramente del nostro meglio. Ero un po’ ammalato durante questa week, così ho promesso alla mia squadra che se avessero carriato la serie, allora mi sarei occupato del resto nella settimana successiva. Ed è proprio quello che farò, manderò a casa i FunPlus Phoenix”.

Queste dichiarazione del midlaner danese, sicuramente mostrano una convinzione ai massimi livello. Per tutta la stagione i G2 hanno tenuto questo atteggiamento che, fino ad ora, ha pagato. Chissà se questa volta l’Europa sarà capace di reggere la pressione, in modo tale da vincere un titolo che manca da troppo tempo.

Immagini via LoL Esports

 


Caps spiega perché in finale non ci saranno dei favoriti
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701