Broxah vuole tornare nel competitivo di League Of Legends

Broxah vuole tornare nel competitivo di League Of Legends

Profilo di Rios
13/09/2022 16:28 di Mario "Rios" Cristofalo
 WhatsApp

Rimanere lontani dal competitivo di League Of Legends è spesso un impresa per i giocatori che si ritirano, e molti decidono di tornare dopo delle brevi pause. E’ una cosa che abbiamo già visto in passato, ma ora potrebbe essere arrivato il turno di Broxah, ex jungler dei Fnatic.

Il danese ha espresso chiaramente la sua volontà in un recente streaming, dicendo di esser pronto per tornare in campo già nel 2023. Trovare un team di alto livello disposto ad ingaggiarlo sarà dura, visto che ormai si tende a dar spazio ai giovani sempre di più.

Nonostante questo, la sua missione non è impossibile. Qualche spiraglio per lui potrebbe esserci, dato che è disposto a giocare in qualsiasi lega.

Broxah e la volontà di tornare in competitivo

Le dichiarazioni dell’ex giocatore

Chiunque di voi segua il competitivo di League Of Legends da qualche tempo, conosce bene la figura di Broxah per i suoi trascorsi con i Fnatic. Il jungler danese ha anche raggiunto diversi successi con gli arancio-neri, assicurandosi due titoli della LEC (che all’epoca era ancora EU LCS) ed anche un secondo posto ai Worlds 2018.

La sua carriera è proseguita poi in Nord America, dove ha avuto fortune alterne ma si è comunque tolto qualche piccola soddisfazione. In tempi recenti ha esplorato la carriera da caster, proprio nello streaming della LEC con ottimi risultati.

Ma questa evoluzione non gli è bastata per porre mettere a tacere la sua fame competitiva, ed ora vuole tornare a giocare. “Voglio davvero, davvero, giocare in competitivo l’anno prossimo. E non importa troppo se sarò in LEC o in LCS, voglio solo giocare. Se non ci sarà nessun team, nessun progetto con cui mi possa allineare, che m’interessano, allora dovrò capire cosa fare, ma sono una persona molto competitiva”.

Dichiarazioni importantissime, che non lasciano spazio ad interpretazioni. Sicuramente Broxah non potrà puntare ad un team di fascia alta, ma qualche squadra di fascia bassa potrebbe fare tesoro della sua esperienza, facendo crescere dei giovanissimi insieme a lui.

Worlds 2022: ecco la composizione definitiva dei gruppi del main event

Worlds 2022: ecco la composizione definitiva dei gruppi del main event

Profilo di Rios
05/10/2022 14:56 di Mario "Rios" Cristofalo
 WhatsApp

La fase di play-in dei Worlds 2022 si è conclusa ormai da poche ore, dandoci i nomi delle quattro squadre che di fatto chiudono la composizione dei gruppi del main event. Sarà un group-stage molto intenso, visto che ormai non c’è più un girone più facile degli altri.

Per le europee sarà un viaggio difficilissimo, in quanto dovranno sudare moltissimo per poter sognare di arrivare alla fase ad eliminazione diretta. La forza della Corea e della Cina potrebbe essere un ostacolo fin troppo grosso da sormontare, anche per i team più esperti.

Andiamo quindi a vedere come sono stati composti questi gironi, che ci terranno compagnia per le prossime giornate.

I gruppi dei Worlds 2022

Gruppo A

  • Cloud 9 (LCS)
  • EDward Gaming (LPL)
  • Fnatic (LEC)
  • T1 (LCK)

Gruppo B

  • Damwon KIA (LCK)
  • Evil Geniuses (LCS)
  • G2 Esports (LEC)
  • JD Gaming (LPL)

Gruppo C

  • DRX (LCK)
  • GAM Esports (VCS)
  • Rogue (LEC)
  • Top Esports (LPL)

Gruppo D

  • 100Thieves (LCS)
  • CTBC Flying Oyster (PCS)
  • Gen.G (LCK)
  • Royal Never Give Up (LPL)

Come dicevamo in apertura, in questi Worlds 2022 non ci sarà un gruppo più facile degli altri. Forse solo il gruppo D potrebbe essere prevedibile, ma dopo i play-in è ormai chiaro che nessun avversario debba essere sottovalutato.

Gli altri gironi sono spettacolari, è inutile nasconderlo, ma saranno durissimi per le rappresentati della LEC. Attualmente sarebbe difficile dire quale squadra abbia più possibilità rispetto alle altre, in quanto non sappiamo come G2 EsportsRogue si siano adattate a questa patch e nemmeno se i Fnatic riusciranno a crescere nel momento in cui inizieranno ad allenarsi ed a fare scrim con i team più forti della competizione.

Sicuramente lo spettacolo non mancherà, e già dal 7 ottobre si ritornerà in campo per darsele di santa ragione. I primi ad inaugurare il main event saranno i Fnatic, che dovranno battersi con i Cloud 9 per iniziare a mettere da parte dei punti decisivi.

League Of Legends: Riot eliminerà il Teletrasporto dal gioco?

League Of Legends: Riot eliminerà il Teletrasporto dal gioco?

Profilo di Rios
05/10/2022 13:15 di Mario "Rios" Cristofalo
 WhatsApp

La Pre-Stagione 2023 di League Of Legends è ormai alle porte, ed i cambiamenti si preannunciano davvero corposi e numerosi. Uno degli obiettivi degli sviluppatori è quello di dare più importanza alla toplane (ne abbiamo parlato qui) attraverso delle modifiche molto specifiche.

In questo contesto potrebbe inserirsi un nuovo oggetto scovato sul PBE ma non presente nel documento fornito da Riot nell’anteprima di qualche giorno fa (qui più info). Un oggetto che potrebbe di fatto rendere inutile il Teletrasporto, forse destinato ad essere eliminato dal gioco.

Ma andiamo a vedere di che oggetto si tratta, cercando anche di capire se arriverà o meno all’interno del nostro MOBA preferito.

League Of Legends potrebbe perdere il Teletrasporto

Il nuovo oggetto

Secondo quanto mostrato da Spideraxe su Twitter, un nuovo oggetto è stato scovato all’interno del codice di League Of Legends. Stiamo parlando di un particolare tipo di stivali, che permetterebbe di avere le stesse funzioni del Teletrasporto pur non utilizzando l’incantesimo dell’evocatore in questione.

Boots of Teleportation

  • 250 salute
  • 45 velocità di movimento
  • Costo: 1200g
  • Attiva-Teletrasporto: canalizza per 4 secondi per teletrasportati in una posizione vicino una struttura alleata, lume, minion o un campione.
  • Ricetta: stivali + cristallo di rubino

Una vera e propria rivoluzione, che però potrebbe non arrivare mai all’interno del gioco. Infatti questo oggetto non è utilizzabile in game, ma è stato solo scovato all’interno del codice della build del PBE.

Le rassicurazioni di Riot Phlox

La scoperta di questo nuovo oggetto ha mandato nel panico moltissimo giocatori, ormai pronti e rassegnati all’eliminazione del Teletrasporto. Ma, fortunatamente, le cose non stanno proprio così. Infatti, nei commenti del post di Spideraxe, è direttamente intervenuto Riot Phlox che ha voluto rassicurare tutti i giocatori.

“Scusate amici, questo oggetto deve essere scivolato all’interno della build. Al momento non ci sono piani per far debuttare questi stivali, erano solo una prima esplorazione per i cambiamenti alla toplane. A meno che…”

Worlds 2022: gli EG dominano i MAD e volano al main event

Worlds 2022: gli EG dominano i MAD e volano al main event

Profilo di Rios
04/10/2022 22:44 di Mario "Rios" Cristofalo
 WhatsApp

Alla fine è successo: i MAD Lions sono stati sconfitti in maniera brutale dagli Evil Geniuses nella serie decisiva per la qualificazione al main event dei Worlds 2022. Uno schiaffo pesantissimo per il team europeo, battuto da quei rivali forse fin troppo sottovalutati.

Infatti i nord-americani hanno dominato in lungo ed in largo, portandosi a casa la serie con un secco ed incontestabile 3-0. Un risultato inaspettato, specialmente dopo tutte le buone qualità messe in mostra durante le ultime giornate.

Ancora una volta, come già successo nel 2020, l’Europa perde uno dei suoi quattro seed già dai play-in facendo svanire quel sogno inseguito da troppo tempo.

Gli EG conquistano la qualificazione per il main event dei Worlds 2022

Una serie senza storia

Come già abbiamo detto in precedenza, gli Evil Geniuses hanno dominato questa serie, nonostante nel primo i presupposti del primo game fossero diversi. Infatti inizialmente i MAD Lions hanno combattuto, dando parecchio filo da torcere ai loro avversari in diverse occasioni.

Anche il counterpick creativo di Rumble, dato in mano ad Armut per contrastare l’Aatrox di Impact, ci ha fatto ben sperare per i MAD Lions. Nonostante questo, però, gli EG non si sono lasciati trarre in inganno, trovando la chiave di volta giusta per sfondare le difese degli europei sfruttando i loro errori.

Nel secondo game il tono della serie è cambiato di molto, prendendo una piega inaspettata. I MAD Lions sono immediatamente crollati dal punto di vista psicologico, come se non avessero tenuto botta dopo la sconfitta precedente. Gli Evil Geniuses non si sono fatti pregare, colpendo con rapidità e violenza degli avversari non proprio irresistibili. In questo senso è stato decisivo il pick di Sett in corsia centrale affidato a Jojopyun che, completamente da solo, ha disintegrato le ultime speranze dei MAD Lions.

Purtroppo Nisqy non è riuscito a fare assolutamente nulla per contrastare il midlaner canadese, diventando totalmente ininfluente all’interno della partita. Dopo questi due sonori schiaffoni, il terzo game è stato soltanto una mera pratica da archiviare per i rappresentanti della LCS.

Infatti i MAD si sono accartocciati su se stessi ancora di più, abbandonandosi a degli errori tanto banali quanto gravissimi. Prendete ad esempio la passeggiatina che Kaiser ha fatto davanti alla torretta dell’Aphelios di Kaori, firmando di fatto la sua condanna a morte.

MAD Lions hanno provato a riprendersi, a rialzarsi, ma oggi non era evidentemente la loro giornata. I troppi errori li condannano ad una eliminazione dolorosa, proprio come già successo durante i Worlds 2020.