WolfJoe su Biancachioma: le prime impressioni del celebre pro di Heroes of the Storm!

WolfJoe su Biancachioma: le prime impressioni del celebre pro di Heroes of the Storm!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Attraverso un nuovo ed interessante post di approfondimento pubblicato sul sito ufficiale di Heroes of the Storm, Blizzard ha recentemente voluto chiedere al fortissimo specialista da eroi da supporto  Jan “WolfJoe” Kramer qualche consiglio sul come giocare al meglio questo nuovo eroe.
Partendo dai tratti e passando poi per i talenti, ecco le prime impressioni sulla protagonista del giorno del Nexus rilasciate da un noto e riconosciuto player della community internazionale.

Ricordiamo a tutti voi che cliccando qui troverete maggiori dettagli sulle note della patch pubblicate poche ore fa.

La Gran Inquisitrice della Crociata Scarlatta, Sally Biancachioma, è di nuovo pronta a lanciare resurrezione, questa volta con lo sguardo volto al Nexus. Biancachioma è un formidabile eroe di supporto che deve infliggere danni agli eroi avversari per massimizzare le cure. Per darti un’idea di come utilizzare al meglio il peculiare stile di questo eroe, abbiamo parlato con il giocatore di eroi di supporto Jan “WolfJoe” Kramer, chiedendogli quali fossero le sue prime impressioni su Biancachioma.

PARLIAMO DI TRATTI: L’UTILIZZO DI ZELO

WhitemaneTalents_Inline.jpg

Biancachioma fa grande affidamento sul suo tratto, Zelo, per curare gli alleati. Quando lancia un’abilità di cura su un alleato, quell’eroe ottiene anche Zelo per 8 secondi. Il 100% dei danni inflitti da Biancachioma agli eroi nemici cura tutti gli alleati affetti da Zelo.

“Credo che Zelo sia la scelta giusta per fare in modo che gli eroi di supporto abbiano un maggiore impatto, specialmente nella Lega Eroi,” afferma WolfJoe. “Questa scelta dà particolare importanza ai danni inflitti dall’eroe di supporto e lo costringe a porre maggiore attenzione al proprio posizionamento, per trovare la giusta combinazione di attacco e difesa.”

Tieni a mente che solo i danni inflitti agli eroi vengono convertiti in cure da Zelo, quindi Biancachioma ha poche altre opzioni per curare gli alleati al di fuori degli scontri di squadra.

LIVELLO 1: CURE AGGIUNTIVE

Al livello 1, WolfJoe opta per Clemenza, che aggiunge un’altra cura a Biancachioma con il lancio di Inquisizione su un eroe alleato. Clemenza riduce inoltre il tempo di recupero di Inquisizione di 3 secondi.

“Questo talento funziona in perfetta sinergia con Gran Inquisitrice, al livello 4, permettendoti di lanciare Gran Inquisitrice sugli alleati,” ha spiegato WolfJoe. “Alcuni di voi si troveranno ad avere molti accumuli di Disperazione, senza però poter colpire un nemico con Inquisizione per sfruttarli al meglio.”

WolfJoe ha poi dato un’altra opzione per la scelta del talento di livello 1: “In una composizione di squadra con doppio eroe di supporto, forse preferirei prendere Fiamme Virtuose per aiutare il difensore e infliggere più danni.”

LIVELLO 4: GESTIRE IL MANA

1.png

I talenti di livello 4 di Biancachioma, attraverso riduzione del costo delle abilità o rigenerazione di Mana, aiutano nella gestione del Mana. WolfJoe, al livello 4, sceglie Gran Inquisitrice, che rimuove tutti gli accumuli di Disperazione e rigenera Mana per ogni accumulo rimosso quando si lancia Inquisizione. Dal momento che Disperazione aumenta il costo in Mana dell’abilità di cura primaria di Biancachioma a ogni lancio successivo, questo talento aumenta le possibilità per l’eroe di rimuovere gli accumuli di Disperazione.

“Vi troverete in una situazione dove sarete costretti a lanciare Supplica Disperata più volte in rapida successione, in modo che il talento Gran Inquisitrice vi aiuti a sostenere i problemi di Mana,” ha spiegato WolfJoe.

LIVELLO 7: FANATISMO AL POTERE

Al livello 7, WolfJoe opta per il talento Potere Fanatico, un’abilità che fornisce a Biancachioma un bonus del 50% alla potenza magica per 5 secondi, quando viene attivata. L’aumento dei danni fa in modo che aumentino anche le cure, ma l’abilità ha un costo non indifferente: 25 Resistenza per tutta la sua durata.

“In alcune composizioni di squadra dove Intercessione come abilità di Purificazione non serve, opterei per Potere Fanatico,” afferma WolfJoe. “Se si riesce a utilizzare col giusto tempismo, si può trarre grande beneficio dall’aumento del 50% alla potenza magica, in quanto i danni sugli eroi sono anche cure, grazie a Zelo. Bisogna solo fare attenzione agli eroi avversari in agguato, a causa della perdita di 25 Resistenza.”

LIVELLO 10: CONTRASTARE GLI AVVERSARI

La coordinazione di squadra gioca un ruolo molto importante nella scelta dei talenti di livello 10. L’Egida Scarlatta di Biancachioma cura gli eroi vicini e fornisce un notevole aumento della Resistenza per 4 secondi, dimostrandosi un’ottima scelta per i combattimenti di squadra.

“Credo che Egida Scarlatta sia molto superiore a Resa dei Conti Divina in una composizione con un solo eroe di supporto,” ha spiegato WolfJoe. “I 40 secondi di tempo di recupero in meno, combinati con i 40 Resistenza e la cura ad area (che applica Zelo a ogni alleato curato) costituiscono uno strumento utilissimo conquistare gli obiettivi, contrastare le combinazioni avversarie e molto altro.”

Comunque, la scelta al livello 10 è puramente situazionale, come ci spiega WolfJoe. “Con due eroi di supporto, credo sia meglio scegliere Resa dei Conti Divina per massimizzare i propri danni durante gli scontri di squadra più importanti.”

LIVELLO 13: AGGIUNGERE UN’IMMOBILIZZAZIONE ALL’ARSENALE

La scelta di WolfJoe al livello 13 richiede delle dita molto veloci, ma ne vale assolutamente la pena. “Disciplina Inflessibile è molto simile al talento di livello 13 di Stukov, Reazione Virulenta, ed è sempre molto utile come abilità di controllo delle creature, quindi la mia scelta ricade sicuramente su questo talento,” ha spiegato.

Disciplina Inflessibile permette di immobilizzare un eroe nemico per 1,5 secondi se Biancachioma lo colpisce con Sferzata Ustionante mentre è sotto gli effetti di Inquisizione. Dal momento che Sferzata Ustionante non colpisce prima di 0,5 secondi, c’è un po’ di tempo per usare Inquisizione prima o dopo che il primo colpo vada a segno.

LIVELLO 16: DIVISIONE E SINERGIA

Al livello 16, WolfJoe raccomanda di scegliere Castigo Condiviso, che aumenta l’effetto di Inquisizione e permette a quest’ultima di saltare su un secondo eroe nemico, infliggendo così danni anche a quel bersaglio. La motivazione di questa scelta risiede ovviamente nel fatto di danneggiare due eroi nemici.

WolfJoe aggiunge: “Ha una grande sinergia con Clemenza, perché si può danneggiare un eroe che sta seguendo un alleato che stai curando e allo stesso tempo quelle cure vengono amplificate da Zelo, che trasforma i danni in cure. Inoltre, si può ottenere ancora più valore al livello 20, con il talento Soggiogamento.”

Parlando di una composizione di squadra con doppio eroe di supporto, WolfJoe ha poi aggiunto: “Forse prenderei Sferzata Maggiore per massimizzare i danni.”

LIVELLO 20: COMPLETARE L’INQUISIZIONE

Infine, WolfJoe ci spiega che al livello 20 preferisce optare per Soggiogamento, che riduce tutti i danni inflitti dal bersaglio di Inquisizione del 75%. “Questo talento fornisce sostegno ai miei compagni di squadra e ha una perfetta sinergia con il resto della mia configurazione.”

Quando Biancachioma non è il solo eroe di supporto della squadra, c’è un’altra opzione molto forte nell’ultimo livello dei talenti. Come spiega WolfJoe: “Epurazione del Male fornisce un ulteriore strumento per concentrare i danni e abbattere velocemente un bersaglio singolo, il tutto con 40 secondi di tempo di recupero. La riduzione della Resistenza sarà anche d’aiuto per amplificare i danni dei miei Assassini.”

CONSIDERAZIONI FINALI

WolfJoe ritiene che Biancachioma sia parecchio competitiva nel meta attuale se in squadra con degli Assassini forti: “Raynor, Hanzo, Fenix e Cassia. Assassini che beneficiano in particolar modo della sua abilità di immobilizzazione del livello 13.”

Per coloro che desiderano contrastare Biancachioma, WolfJoe ritiene che l’arma migliore sia sempre la solita usata contro gli eroi di supporto: l’occultamento. “Credo avrà parecchie difficoltà contro Valeera. Silenzio, danni concentrati e invisibilità sono strumenti perfetti contro Biancachioma. Solo con la E è possibile rivelarla e si è poi costretti a infliggere danni, usando ogni mezzo a disposizione.”

Con questa configurazione, Biancachioma ha un picco di potenza al livello 7 con l’ottenimento di Potere Fanatico, ma la sua utilità continua a crescere nel corso della partita. “Tutto sommato, credo che Biancachioma raggiunga il vero picco di potenza ai livelli più alti: al 13,16 e 20 si ottengono dei talenti molto importanti che aumentano notevolmente la sua potenza e rendono questo eroe completo in generale,” conclude WolfJoe.

Vedremo quanto sarà efficace Biancachioma nell’infliggere danni e fornire cure quando farà la sua entrata nel Nexus come nuovo eroe!

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati:

“Bobby Kotick avrebbe affrettato la vendita a Microsoft per evitare responsabilità”. NYC cita in giudizio Activision

“Bobby Kotick avrebbe affrettato la vendita a Microsoft per evitare responsabilità”. NYC cita in giudizio Activision

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Tiene ancora banco la questione “molestie sessuali” in casa Activision Blizzard e stavolta ci va di mezzo anche la nuova acquisizione da parte di Microsoft. Ad essere però sotto accusa sono Activision Blizzard e soprattutto il suo CEO Bobby Kotick.

Stavolta a citare in giudizio l’azienda ci pensa direttamente la città di New York, o meglio alcune delle maggiori entità del pubblico settore, tra cui pompieri, poliziotti ed insegnanti. I gruppi di lavoratori menzionati (che posseggono alcuni stock di Activision), alla Corte di Cancelleria del Delaware, avrebbero chiesto di visionare alcuni documenti e libri dell’azienda per controllare eventuali trasgressioni. Per loro, diverse mosse dell’azienda starebbero danneggiando il valore della compagnia.

Si crede infatti che durante l’acquisizione  da parte di Microsoft ci sia stato qualche comportamento non proprio lecito, soprattutto da parte di Bobby Kotick, il quale avrebbe affrettato la vendita di Activision per poter fugare ogni sua responsabilità dai recenti problemi dell’azienda.

Nel frattempo, però, il CEO avrebbe comunque continuato a servire come esecutivo per l’azienda. Nel documento pubblicato dalla corte, si parla anche di soldi, con cifre precise. Kotick avrebbe avuto in mano la totale libertà decisionale di trattare la vendita. Dalle affermazioni contenute nel documento emergerebbe però l’idea secondo la quale Kotick sarebbe stato inadatto ad avere questo tipo di potere.

Ma comunque, senza nessuna autorizzazione e nessuna offerta da parte di Microsoft, Bobby Kotick avrebbe proposto agli acquirenti un range di prezzo tra i 90 ed i 105 dollari per azione. Microsoft, a quel punto, avrebbe offerto 90$ per azione, arrivando quindi a “sottovalutare” il reale valore.

Insomma anche la questione acquisizione nasconderebbe più di qualche ombra, come insinuerebbe il documento dell’accusa. Non ci resta che attendere ulteriori informazioni, con la speranza di scoprire il prima possibile la realtà dei fatti, per donare dignità a questa storica azienda.

FONTE: Axios

Che ne pensate? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati:

Activision Blizzard, caso molestie: il governatore della California Gavin Newsom accusato di ingerenze

Activision Blizzard, caso molestie: il governatore della California Gavin Newsom accusato di ingerenze

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

È da tempo ormai che tiene banco il triste caso di “sexual harrasment” nell’azienda Activision Blizzard: molti gli eventi sotto accusa. Le investigazioni sono state molteplici per mano del California Department of Fair Employment and Housing (DFEH).

E proprio per queste investigazioni che è sotto accusa il Governatore della California Gavin Newsom per aver interferito nelle indagini. Il governatore sembrerebbe il responsabile di ben due licenziamenti nel DFEH.

Secondo quanto riportato da Bloomerg, Janette Wipper sarebbe stata licenziata dal suo ruolo di primo consigliere dell’agenzia. Ad unirsi a lei è stata la sua collega Melanie Proctor, avvocatessa del DFEH, indotta a rassegnare le dimissioni.

Con un’email Proctor avrebbe riferito delle “interferenze” di Newsom nel caso Activision Blizzard. Avrebbe anche affermato: “L’Ufficio del Governatore richiedeva ripetutamente notizie anticipate sulle strategie della controversia e sui suoi prossimi step. Come noi continuavamo a vincere in tribunale, così  l’interferenza cresceva, simulando gli interessi del consiglio di Activision.

Nel mentre, Janette Wipper sta “valutando tutte le strade di un possibile ricorso legale” ed, invece, Erin Mellon, portavoce di Newsom, ha definito le accuse al Governatore “false categoricamente“.

Il caso è molto delicato: in attesa di ulteriori riscontri ufficiali, qual è il vostro parere? Fateci sapere la vostra…