Prime informazioni su Tracer!

Prime informazioni su Tracer!

Profilo di t3hc0rr0d3r
 WhatsApp

Su un numero digitale di Game Informer un articolo ha riportato prime informazioni sull’arrivo di Tracer, celebre eroina di Overwatch, nel Nexus.

Per una data precisa di rilascio ancora nulla, ovviamente, ma si sa per lo meno che non dovremo attendere oltre Aprile; resta da capire tuttavia se sarà adottata una formula simile ad Artanis e Legacy of the Void, con l’accesso anticipato all’Eroe per chi avesse preordinato il titolo Blizzard, o se effettivamente ci separa da Tracer un solo nuovo Eroe non ancora annunciato (che, secondo i consueti calcoli, dovrebbe arrivare tra fine Marzo ed inizio Aprile).

tracer hots

Di seguito la porzione dell’articolo che la riguarda, tradotta da noi di Powned:

Questo Aprile Tracer si unisce al cast di Heroes of the Storm come primo personaggio di Overwatch, aggiungendo un nuovo franchise al variegato assortimento di eroi provenienti dai mondi di Warcraft, Starcraft e Diablo. Come il folle Cho’Gall controllato da due giocatori e il regista Abathur che rimane dietro le quinte, Tracer giunge con meccaniche uniche che ne fanno un personaggio a sé, nonché più aderente possibile alla sua frenetica, scattante controparte su Overwatch. Secondo i canoni tipici degli FPS, Tracer potrà attaccare mentre si muove, sostituire la barra del Mana per una meccanica basata su munizioni/ricarica, e porterà tutte le sue Abilità caratteristiche in Overwatch su un piano di gioco del tutto differente.

Tracer è un assassino a distanza molto mobile che può essere buildata tramite i propri Talenti come glass cannon, poker o crowd controller. I Talenti di Tracer consentono infatti ai giocatori di costruirla in modi molteplici con elementi quali proiettili succhiavita o danni elevati ai tank, ma qualsiasi sia la strada prescelta rimarranno gli epici momenti di Overwatch in cui Tracer può piombare in combattimento con un triplo blink, lanciare una bomba devastante e sparare qualche colpo, quindi tornare al sicuro tramite un trasporto indietro nel tempo prima che i nemici possano reagire.

Tracer arriva dunque con uno skillset praticamente identico alla sua controparte su Overwatch, con un frenetico playstile spara-e-fuggi che comprende un triplo blink per il campo di battaglia, un trasporto temporale che la riporta indietro nel passato di tre secondi e un attacco corpo a corpo.

Non sarebbe Tracer senza altresì la sua caratteristica bomba ad impulsi, ed essa è inclusa infatti come Abilità definitiva. Al contrario degli altri personaggi, Tracer avrà la sua definitiva fin dal primo livello e, piuttosto che acquisirla al livello 10 appunto, guadagnerà la possibilità di potenziarla con un raggio d’azione maggiore ed un effetto di rallentamento, un aumento del danno single target a scapito di quello ad area, o una portata più lunga ed un lancio più semplice.

Heroes of the Storm è ufficialmente morto, Blizzard abbandona il progetto definitivamente

Heroes of the Storm è ufficialmente morto, Blizzard abbandona il progetto definitivamente

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Il progetto Moba di Blizzard, Heroes of the Storm, è ufficialmente morto ed a comunicarlo è stato lo stesso team di sviluppo, che in una nota condivisa in questi giorni ha annunciato l’abbandono definitivo del supporto ai giocatori.

Finisce così dunque il rivoluzionario progetto nato nel 2015 ad opera di mamma Blizzard che tanto aveva appassionato i giocatori della penisola nei primi mesi dal rilascio globale.

Un annuncio, quello della fine del supporto ai giocatori, che in uncerto senso era già stato telefonato nel 2019, anno in cui Blizzard decise di cancellare in maniera definitiva anche tutte le competizioni.

Heroes of The Storm è morto, ma non la sua community

Come spesso accade in queste situazioni, i fan storici del titolo non hanno preso benissimo la decisione di Blizzard e come era facile aspettarsi, non hanno atteso a farsi sentire sui social.

Particolarmente ricondiviso è stato il post del content creator Pally, che su Twitter riporta così il suo pensiero: ”Solo uno strano giorno. Mi sento come se avessimo saputo della morte (del gioco n.d.r.) anni fa, ma solo oggi stessimo celebrando il funerale.”

Non tutti ad ogni modo si sono fatti prendere dallo sconforto. Ad esempio il commentatore Thomas “Khaldor” Kilian, ha dichiarato sul proprio profilo ufficiale che nonostante la brutta notizia, lui ha già pensato a qualcosa per il futuro del gioco.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

“Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023” rivela Ybarra

“Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023” rivela Ybarra

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Come un fulmine a ciel sereno, questa volta con una notizia più che positiva, Blizzard annuncia un evento importantissimo, o meglio il ritorno di un evento importantissimo. Parliamo della BlizzCon.

Purtroppo la situazione in casa Blizzard non è stata delle migliori in questi ultimi tempi, se poi aggiungiamo ben due anni di pandemia, potete ben capire in che problematiche versava la realizzazione della BlizzCon.

Quest’anno, la Blizzard, con un comunicato, annunciò di voler rimodellare l’evento (che è il più grande e importante dell’azienda) per renderlo il più inclusivo e accogliente per TUTTI gli amanti dei giochi Blizzard.

Ma il team sa benissimo quanto l’evento sia davvero l’unico modo di riunire una fanbase gigantesca come quella Blizzard. Per questo motivo, Mike Ybarra, nuovo Presidente dell’azienda, ha deciso insieme al team di impegnarsi al massimo per riportare il prima possibile l’evento dal vivo. Già a partire dal 2023.

In una lunghissima intervista ai colleghi del Los Angeles Times, infatti, Ybarra ha parlato delle condizioni della Blizzard e di come l’azienda abbia bisogno di rinnovamento, cosa che sta avvenendo proprio in questi mesi. “Ci stiamo impegnando per migliorare la nostra cultura” e per questo per Ybarra è importante un “team culturale”.

Proprio in quest’aria di rinnovamento si sente forte il bisogno di una nuova BlizzCon ed è proprio il 2023 l’obiettivo del team di Blizzard e della nuova assunta come capo della BlizzCon, April McKee.

Le parole di Mike Ybarra

Avevamo precedentemente annunciato una pausa per la BlizzCon mentre la re-immaginavamo per il futuro ma vogliamo il ritorno ad un evento dal vivo che ci permetta di celebrare la community. Abbiamo recentemente assunto come nuovo capo della BlizzCon, April McKee, che si sta impegnando duramente in questo senso. Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023

Queste le parole di Mike Ybarra che non lasciano spazio alle interpretazione, e mai come ora desideriamo che il piano e la missione di Blizzard si avveri.

Che ne pensate di questo annuncio? Vorreste al più presto il ritorno della BlizzCon?

Articolo Correlato:
Spellbreak chiude i battenti, ma arrivano in soccorso Blizzard e World of Warcraft

Spellbreak chiude i battenti, ma arrivano in soccorso Blizzard e World of Warcraft

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Spellbreak Blizzard – Sappiamo che la vita di un videogioco non è per niente facile e non tutti i giochi possono vantare anni di onorata carriera e in questi giorni l’ultimo ad abbandonare il panorama videoludico è Spellbreak. Anche se Blizzard potrebbe essere l’ancora di salvezza del team di sviluppo.

Spellbreak è uno degli ultimi arrivati nel mondo dei Battle Royale ed ha cercato di imporsi per la sua originalità nel gameplay, ma purtroppo non tutto è andato liscio ed è stata annunciata la chiusura dei server dal 2023.

Quindi anche Proletariat, lo studio di sviluppo del gioco, chiude i battenti? No per niente e bisogna ringraziare Blizzard e la nuova espansione Dragonflight di World of Warcraft. Già perché Blizzard ha proprio acquisito Proletariat per il suo MMORPG.

Proletariat ha nel suo novero sviluppatori esperti e veterani del settore e Blizzard non ha voluto farsi sfuggire l’occasione. Ben 100 dipendenti lavoreranno su WoW e, a più stretto giro adesso, a Dragonflight.

La mossa è stata fatta per rendere quanto più di qualità possibile il prossimo enorme contenuto di WoW. Il gruppo di Spellbreak, Proletariat, insieme a Blizzard, ci riusciranno? Non ci resta che attendere…

Voi cosa ne pensate di questa mossa di Blizzard?

Articoli correlati: