MVP con 85 eroi diversi su HOTS: il “particolare” achievement dell’italiano Marco Proietti

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Qualche settimana fa il giocatore italiano Marco “Agrayarg” Proietti è riuscito ad ottenere quello che sarebbe sicuramente stato un importante “achievement” su Heroes of the Storm.
Dopo mesi di sessioni nel Nexus questo player è infatti riuscito ad ottenere il titolo di MVP di una partita con ben 85 degli eroi di Heroes of the Storm…un risultato ovviamente accompagnato da una ricca galleria di screenshoot che ne testimoniano la veridicità.

Questo risultato testimonia certamente una conoscenza molto profonda ed orizzontale del gioco e di tutte le sue meccaniche e, proprio per questo, abbiamo ritenuto molto interessante chiedere al buon Marco quali fossero le sue considerazioni riguardo questa lunga e faticosa scalata.
All’intero della testimonianza (che troverete riportata integralmente poco sotto) sono infatti presenti moltissime considerazioni e valutazioni riguardo alcuni tra i più famosi ed amati eroi del gioco come quelle sul celebre Cho’Gall o anche quelle sul problematico Abathur

Complimentandoci con il giocatore per il risultato ottenuto, vogliamo lasciarvi ora con le parole di Marco Proietti…vi auguriamo una buona consultazione ed una buona lettura.

Le considerazioni di Agrayarg

Quando ho iniziato a giocare ad HOTS nel 2016 non avrei mai pensato di voler realizzare una tale impresa, ed invece proprio giocando, mi è venuta l’idea di cimentarmi in questa esperienza che mi ha portato a conoscere ogni singolo personaggio, ed il loro modo di combattere presente su questo gioco.
Essendo sempre stato un Achievement-dipendente (colpa di World of Warcraft), e non essendocene su HOTS, ho deciso di realizzarne uno tutto mio: essere il primo giocatore al mondo a realizzare l’MVP con ognuno degli eroi presenti in gioco.

Lungo il mio percorso però mi sono accorto che da solo non potevo realizzare questa impresa, essendoci eroi come Cho e Gall, che andavano giocati in co-op con un altro giocatore; e quindi mi misi alla ricerca di un compagno di avventure, che trovai nel “Sior” Nevadaboy89. Posso affermare senza nessuna ombra di dubbio che se non fosse stato per lui questo obiettivo non l’avrei mai raggiunto.
Una sera gli chiesi se avesse voluto darmi una mano a realizzare l’MVP con questi due eroi ed accettò di buon grado, mettendosi a mia disposizione fino a quando l’obiettivo non sarebbe stato raggiunto.

Quella stessa sera Iniziammo con me nei panni di Cho, e lui in quelli di Gall.
Essendo un guerriero, Cho è la parte che mi ha dato meno problemi. Mi sono bastate due partite ed un giusto assortimento di alleati per essere eletto miglior giocatore.
Gall invece… è stato tanto problematico, quanto divertente.

Assieme a Nevadaboy89 dovevamo coordinare gli attacchi, decidere quando attaccare di fisico e quando di magico, spostarsi a seconda delle esigenze di uno e/o dell’altro, combinare abilità che da sole servivano a poco per massimizzare i danni e creare problemi tra le fila nemiche.

Quando riuscimmo a capire bene il funzionamento dei rispettivi eroi, anche Gall entrò a far parte con non poca fatica nell’olimpo degli MVP.
Oltre a Cho’Gall, uno degli eroi che mi ha dato più noia è stato Abathur.

Quell’eroe non riuscivo a capirlo. Non avendo attacchi degni di nota, ed avendo anche uno spostamento molto limitato, come poteva venire eletto facilmente MVP l’eroe Abathur? Era anche segnalato come uno degli eroi più difficili da utilizzare, e quindi doveva nascondere qualcosa di speciale.

Scoprii il suo vero potere qualche partita dopo, quando notai come Abathur fosse un delizioso “Valzer” che passava dalla forma normale piazzando mine, alla forma simbionte aiutando un eroe alleato, e quindi fungendo non solo da specialista, ma anche da support per quel che poteva fornendo un piccolo scudo in early game, arrivando letteralmente a dominare il campo di battaglia con la sua eroica “Mostruosità”, che risolve i problemi di motilità e li mixa con i talenti nel suo stato simbiotico in mid-late game. 

Una volta compreso il suo funzionamento, per me Abathur ha rappresentato una scelta decisiva in varie battaglie nel nexus non deludendo mai le aspettative.

Questi sono soltanto alcuni eroi che ho pensato fossero i difficili da portare a MVP; l’ho pensato proprio perché non ne avevo capito il meccanismo e non credevo potessero essere decisivi in una battaglia, ma allora perché erano stati messi in gioco? Con il passare del tempo e con la realizzazione di questo “Achievement” personale, ho capito una cosa importante su questo HOTS ed i personaggi che lo popolano: Nessun’eroe è difficile da giocare, se si comprende a fondo il suo funzionamento.

Ci sono stati eroi invece con i quali sono entrato subito in sintonia.
Valla è stata, assieme a Varian e Macellaio, uno dei primissimi eroi con il quale ho realizzato un MVP.

Valla è un concentrato di cattiveria allo stato puro, un assassino con uno dei più alti potenziali di danno che si trova in game. Può essere in grado di estinguere la quadra avversaria da sola se sa utilizzare bene i suoi talenti e la situazione è propizia, fugge quando l’aria si fa pensate ma con due colpi ben assestati da un nemico vi ritroverete a fare i conti al rovescio per la resurrezione essendo come ogni assassino che si rispetti, fatta di sogni.

Varian invece mi ha letteralmente rubato il cuore, riportando in vita uno stile di gioco al quale avevo detto addio nell’espansione di WOW, WOTLK; ovvero il guerriero Fury. Quando ho visto che impugnava due lame, e si gettava nella mischia, sono tornato indietro nel tempo con la mente alle gloriose battaglie pvp di Warsong Gulch e Arathi Basin.

Ma Varian non è solo nostalgia…

Se penserai di utilizzare la sua spec Fury, preparati a diventare molto presto MVP. Con colpi sferrati a velocità impressionante e che in più curano il personaggio ad ogni affondo, scudi che prevengono il 100% dei danni, e un arsenale di stendardi che aumentano le statistiche proprie e del party a propria disposizione, questo eroe può essere anche più distruttivo di Valla, che asfalta in un duello 1V1 a campo aperto.

Essendo anche un personaggio molto bilanciato nelle statistiche, Varian è uno dei personaggi dai quali dovresti partire per fare easy MVP.
Arriviamo dulcis in fundo al mio personaggio preferito: Macellaio!

Di nome e di fatto, la sua razziale “Carne fresca” aumenta i suoi danni a livelli vertiginosi, consentendogli di distruggere strutture praticamente da solo; ed avendo anche una discreta resistenza ciò rende Macellaio un vero e proprio… macellaio.

Se si sarà abbastanza bravi ad usarlo, raramente vi vedranno resuscitare dal VIA! Le sue abilità “Mattanza“ e “Frollatura”, consento a Macellaio di rallentare il nemico selezionato e danneggiarlo allo stesso tempo, e di curarsi ad ogni colpo inflitto di una percentuale del danno.

Praticamente aumentando i danni con “Carne Fresca”, ad ogni singolo utilizzo di “Frollatura”, vi ritroverete praticamente full vita, sempre se prima il vostro avversario non ci abbia lasciato le penne.

Inoltre se l’avversario cercherà di scappare, “Assalto spietato” farà il gioco sporco per voi, caricando a testa bassa il nemico danneggiandolo e stordendolo.

Consiglio di giocare questo eroe per il solo gusto di vedere qualsiasi cosa che vi si pari difronte letteralmente andare in briciole.

Questo è solo un piccolo assaggio del mio viaggio che mi ha portato a questo evento e concludendo vorrei far notare che realizzare un’impresa simile è alla portata di tutti, e che basta soltanto un po’ di pazienza e forza di volontà. Iniziare è sempre il primo passo, e se si sa dove si vuole arrivare, e se si è in buona compagnia, il percorso sarà più semplice di quanto pensi.

Una buona strategia sarebbe quella di fare MVP con i personaggi con i quali si ha più confidenza per poi passare a quelli che non si ha la minima idea di come funzionino, e studiarli a fondo proprio come ho fatto io con Abathur.

HOTS è un gioco in continua evoluzione e ci sono personaggi sempre nuovi a presentarsi nel Nexus. Ora non mi resta che aspettare di scoprire quale nuovo eroe verrà introdotto in game e realizzare MVP anche con esso. Alla sua realizzazione lo screen verrà poi pubblicato sul mio profilo Instagram “Agrayarg”. 

La Galleria degli 85 MvP di Agrayarg!


MVP con 85 eroi diversi su HOTS: il “particolare” achievement dell’italiano Marco Proietti
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701