Il versatile campione MANA in un nuovo approfondimento di Blizz

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Quando ho avuto accesso alla alfa, volevo giocare solo eroi protoss perché io sono un giocatore protoss su StarCraft.” Queste alcune delle parole che il celebre giocatore polacco Grzegorz “MaNa” Komincz ha rilasciato a Blizzard al termine della finale dei Nexus Games che ha visto la sua nazionale vincere e conquistare il titolo iridato che ha poi proseguito “I primissimi due eroi con cui ho giocato sono stati Zeratul e Tassadar. I miei altri due preferiti sono Cromie e Probius. Sono i due che al momento gioco più spesso“.
Mana, oltre ad essere ormai anche un affermato pro di Heroes of the Storm, è principalmente una delle colonne portanti della divisione eSportiva di Liquid essendo un giocatore del team di Starcraft 2, titolo su cui ha spesso vinto e dimostrato il suo infinito talento.

Per l’occasione della vittoria ai mondiali di HotS, andiamo a leggere questo interessante approfondimento pubblicato sul sito ufficiale del Nexus pochi giorni fa su questo versatile giocatore che è riuscito a primeggiare su due differenti giochi, entrambi sviluppati da Blizzard Entertainment.

Dopo la conclusione dei Nexus Games a fine novembre, vorremmo congratularci con Przemysław “RzuF” Rudzki, Mariusz “zdoon” Zdun, Adrian “Gugus” Stecuła, Marcin “wolfz” Radzewicz e Grzegorz “MaNa” Komincz della squadra nazionale polacca per la loro vittoria.

“Abbiamo vinto il campionato! È stata una grande emozione per me, sono sempre orgoglioso di rappresentare la Polonia nel miglior modo possibile.”

MANA A PROPOSITO DELLA VITTORIA DELLA SUA SQUADRA

MaNa è un giocatore di StarCraft II del Team Liquid e compete a livello professionistico negli eSport da oltre un decennio, ormai. Sostiene che il merito della vittoria della sua squadra va a RzuF, colui che ha stabilito i draft e i bersagli per la squadra polacca durante il torneo. “Nel formato 1v1, sono solo e ogni errore e ogni decisione sono solo miei. Ma nei Nexus Games, mi sono potuto appoggiare alla squadra anche quando ho sbagliato. Hanno fatto cose grandiose, a prescindere da come ho giocato io,” ha detto MaNa.

È chiaro che le abilità meccaniche necessarie per giocare a livello professionistico a StarCraft II sono utili anche per Heroes of the Storm. Ci sono molti professionisti che hanno fatto questo cambio senza alcun problema, tra cui Kim “sCsC” Seung Chul, Kwon “Sniper” Tae Hoon, Dennis “HasuObs” Schneider e i fratelli Moreno Durán. L’amore di MaNa per StarCraft resta intatto, ma ha sentito anche una forte passione per Heroes sin dalla sua pubblicazione.

“Quando ho avuto accesso alla alfa, volevo giocare solo eroi protoss perché io sono un giocatore protoss su StarCraft,” ha detto MaNa. “I primissimi due eroi con cui ho giocato sono stati Zeratul e Tassadar. I miei altri due preferiti sono Cromie e Probius. Sono i due che al momento gioco più spesso.”

H24_Probius_TG_002.jpg

La Polonia ha utilizzato la Sonda curiosa in tre diverse occasioni durante i Nexus Games, solo nelle Miniere Infestate, e due volte al fianco di Alarak. “Abbiamo scelto Probius nelle Miniere perché è una mappa in cui è bene avanzare divisi, perché l’altra squadra deve essere dentro le miniere o in difesa. È anche una mappa in cui ci sono molti campi spesso attivi. Probius è ottimo nel conquistare questi campi, che sono fondamentalmente il punto di combattimento delle squadre,” ha detto MaNa. “Abbiamo preso Alarak con lui perché è un buon avversario contro Probius in una corsia solitaria, quindi non volevamo che l’altra squadra lo avesse.”

Per quanto MaNa sia informato su alcune delle sfumature di Heroes, ammette di avere ancora parecchia strada da fare per diventare un top player (nonostante si piazzi in cima alle classifiche Grandmaster ogni stagione). “Ho l’abilità meccanica di StarCraft II nel giudicare le situazioni ed eseguire le mie abilità, nel prevedere il movimento degli avversari e così via. Ma ci sono molte cose che devo ancora imparare per diventare un grande giocatore di Heroes of the Storm. Soprattutto riguardo la cooperazione con la squadra.”

Se te li fossi persi, puoi trovare i VOD dei Nexus Games qui e vedere di persona come la squadra nazionale polacca si è aggiudicata la vittoria.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701