Il Team LDLC e LunatiK entrano nella scena competitiva di HotS

Il Team LDLC e LunatiK entrano nella scena competitiva di HotS

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il noto sponsor francese, LDLC, ha siglato un accordo con la squadra We are not Prepared e si appresta ad entrare ufficialmente nella scena competitiva di Heroes of the Storm! I We are not Prepared sono attualmente una tra le migliori squadre europee della scena, forti della prima posizione durante l’Esl Major League Season 1 e dell’essere imbattuti durante il Planetkey Invitational.
Il roster, composto da 4 giocatori spagnoli, avrà nel francese Cristofer “Blackscorp” Embareck una delle sue punte di diamante per le prossime competizioni agonistiche. Contenti ovviamente i ragazzi dei We are not Prepared e Blackscorp che ha detto che il team è “onorato di poter rappresentare una delle migliori organizzazioni eSport del mondo”; queste le loro parole ufficiali rilasciate per rendere noto quanto successo:

Today, we are honored to have been chosen to represent one of the best eSports organizations in the world, Team LDLC. Our team was able to make our debut winning several competitions online. A potential that we will of course continue to operate under our new colors, with the desire to target the top European teams and perhaps more later.

E questo invece il roster completo:

  • fr.gif Cristofer “Blackscorp” Embareck – Bruiser
  • es.gif Paul “Polator” Raad – Support
  • es.gif Víctor “Falcon” Sánchez Löpez – Carry (dps)
  • es.gif Cristian “Killercino” Gómez Velasco – Carry
  • es.gif Andreu “tDarka” Silva – Main Tank

Altre novità dal fronte competitivo anche per quanto riguarda il nuovo team LunatiK che, prendendo Daihuu, Ego, IVSlime, LexUther, Scylol, ed il Team Coach Sage (tutti questi giocatori provengono dal Team Vivid Gaming) ha una nuova squadra che rappresenterà i suoi colori nel Nexus.
Il Team LunatiK è noto nell’ambiente del gaming per la sua presenza molto importante in CS:GO e si ritrova ora ad aprire una nuova “sezione” nel suo reparto impegnandosi stabilmente anche nel nuovo Moba Blizzard. Queste le parole del nuovo capitano della squadra, IVSlime:

We believe this is a fantastic opportunity for both our team and LunatiK as an organization. LunatiK is a respected name in the CS:GO scene, and it’s our intention to bring the same reputation to the Hots community. I look forward to representing the LunatiK brand, and I will be continuing to push my team to our limits. Here’s to a great start to an excellent relationship! 

LUNATIK BANNER

Questo quindi il team completo per i LunatiK eSports:

  • Sage-coach/analyst/manager
  • Ivslime-secondary ranged carry/mage and captain
  • Ego-ranged carry
  • Scylol-flex/bruiser
  • Lexuther-support
  • Daihuu-tank/shot caller
Heroes of the Storm è ufficialmente morto, Blizzard abbandona il progetto definitivamente

Heroes of the Storm è ufficialmente morto, Blizzard abbandona il progetto definitivamente

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Il progetto Moba di Blizzard, Heroes of the Storm, è ufficialmente morto ed a comunicarlo è stato lo stesso team di sviluppo, che in una nota condivisa in questi giorni ha annunciato l’abbandono definitivo del supporto ai giocatori.

Finisce così dunque il rivoluzionario progetto nato nel 2015 ad opera di mamma Blizzard che tanto aveva appassionato i giocatori della penisola nei primi mesi dal rilascio globale.

Un annuncio, quello della fine del supporto ai giocatori, che in uncerto senso era già stato telefonato nel 2019, anno in cui Blizzard decise di cancellare in maniera definitiva anche tutte le competizioni.

Heroes of The Storm è morto, ma non la sua community

Come spesso accade in queste situazioni, i fan storici del titolo non hanno preso benissimo la decisione di Blizzard e come era facile aspettarsi, non hanno atteso a farsi sentire sui social.

Particolarmente ricondiviso è stato il post del content creator Pally, che su Twitter riporta così il suo pensiero: ”Solo uno strano giorno. Mi sento come se avessimo saputo della morte (del gioco n.d.r.) anni fa, ma solo oggi stessimo celebrando il funerale.”

Non tutti ad ogni modo si sono fatti prendere dallo sconforto. Ad esempio il commentatore Thomas “Khaldor” Kilian, ha dichiarato sul proprio profilo ufficiale che nonostante la brutta notizia, lui ha già pensato a qualcosa per il futuro del gioco.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

“Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023” rivela Ybarra

“Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023” rivela Ybarra

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Come un fulmine a ciel sereno, questa volta con una notizia più che positiva, Blizzard annuncia un evento importantissimo, o meglio il ritorno di un evento importantissimo. Parliamo della BlizzCon.

Purtroppo la situazione in casa Blizzard non è stata delle migliori in questi ultimi tempi, se poi aggiungiamo ben due anni di pandemia, potete ben capire in che problematiche versava la realizzazione della BlizzCon.

Quest’anno, la Blizzard, con un comunicato, annunciò di voler rimodellare l’evento (che è il più grande e importante dell’azienda) per renderlo il più inclusivo e accogliente per TUTTI gli amanti dei giochi Blizzard.

Ma il team sa benissimo quanto l’evento sia davvero l’unico modo di riunire una fanbase gigantesca come quella Blizzard. Per questo motivo, Mike Ybarra, nuovo Presidente dell’azienda, ha deciso insieme al team di impegnarsi al massimo per riportare il prima possibile l’evento dal vivo. Già a partire dal 2023.

In una lunghissima intervista ai colleghi del Los Angeles Times, infatti, Ybarra ha parlato delle condizioni della Blizzard e di come l’azienda abbia bisogno di rinnovamento, cosa che sta avvenendo proprio in questi mesi. “Ci stiamo impegnando per migliorare la nostra cultura” e per questo per Ybarra è importante un “team culturale”.

Proprio in quest’aria di rinnovamento si sente forte il bisogno di una nuova BlizzCon ed è proprio il 2023 l’obiettivo del team di Blizzard e della nuova assunta come capo della BlizzCon, April McKee.

Le parole di Mike Ybarra

Avevamo precedentemente annunciato una pausa per la BlizzCon mentre la re-immaginavamo per il futuro ma vogliamo il ritorno ad un evento dal vivo che ci permetta di celebrare la community. Abbiamo recentemente assunto come nuovo capo della BlizzCon, April McKee, che si sta impegnando duramente in questo senso. Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023

Queste le parole di Mike Ybarra che non lasciano spazio alle interpretazione, e mai come ora desideriamo che il piano e la missione di Blizzard si avveri.

Che ne pensate di questo annuncio? Vorreste al più presto il ritorno della BlizzCon?

Articolo Correlato:
Spellbreak chiude i battenti, ma arrivano in soccorso Blizzard e World of Warcraft

Spellbreak chiude i battenti, ma arrivano in soccorso Blizzard e World of Warcraft

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Spellbreak Blizzard – Sappiamo che la vita di un videogioco non è per niente facile e non tutti i giochi possono vantare anni di onorata carriera e in questi giorni l’ultimo ad abbandonare il panorama videoludico è Spellbreak. Anche se Blizzard potrebbe essere l’ancora di salvezza del team di sviluppo.

Spellbreak è uno degli ultimi arrivati nel mondo dei Battle Royale ed ha cercato di imporsi per la sua originalità nel gameplay, ma purtroppo non tutto è andato liscio ed è stata annunciata la chiusura dei server dal 2023.

Quindi anche Proletariat, lo studio di sviluppo del gioco, chiude i battenti? No per niente e bisogna ringraziare Blizzard e la nuova espansione Dragonflight di World of Warcraft. Già perché Blizzard ha proprio acquisito Proletariat per il suo MMORPG.

Proletariat ha nel suo novero sviluppatori esperti e veterani del settore e Blizzard non ha voluto farsi sfuggire l’occasione. Ben 100 dipendenti lavoreranno su WoW e, a più stretto giro adesso, a Dragonflight.

La mossa è stata fatta per rendere quanto più di qualità possibile il prossimo enorme contenuto di WoW. Il gruppo di Spellbreak, Proletariat, insieme a Blizzard, ci riusciranno? Non ci resta che attendere…

Voi cosa ne pensate di questa mossa di Blizzard?

Articoli correlati: