Aumentano le penalità per chi abusa della chat su HOTS

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Attraverso un nuovo post pubblicato sul sito ufficiale di Heroes of the Storm, Blizzard ha fatto sapere che sono in arrivo delle penalità più severe per chi abusa o fa un non corretto utilizzo della chat di gioco.
Nello specifico, Blizz ha parlato di cambiamenti al “sistema di segnalazione per abuso” in arrivo nei prossimi giorni, cambiamenti che faranno si che i giocatori recidivi subiscano dei provvedimenti molto più severi rispetto a prima.

In risposta alla preoccupazione di molti giocatori, relativamente alle segnalazioni false, Blizz ha voluto calmare gli animi avvisando tutti che il sistema di selezione dei report seguirà queste regole:

  • L’abuso di chat o le segnalazioni di spam verranno ignorate se indirizzate contro giocatori che non hanno partecipato alla chat di gioco o ai canali di chat pubblici.
  • Le segnalazioni di abuso della chat vocale verranno ignorate se indirizzate contro giocatori che non hanno partecipato alla chat vocale.
  • Verranno anche ignorate le segnalazioni di abuso della chat di gioco e della chat vocale se indirizzate contro un giocatore della squadra avversaria.

Cosa ne pensate di queste modifiche?

Nei prossimi giorni implementeremo dei cambiamenti al sistema di segnalazione per abuso della chat. In particolare, cambieremo il modo in cui verrà penalizzato chi abusa in modo recidivo della chat incrementando la severità dei provvedimenti nei confronti degli account colpevoli.

Il sistema attuale prevede che i giocatori segnalati costantemente per abuso della chat ricevano una penalità di silenziamento, che impedisce loro di usare la chat di gioco e di giocare in Lega Eroi per la durata della penalità. Gli abusi successivi prevedono un progressivo aumento del silenziamento. In alcuni casi, le penalità di silenziamento non sono però sufficienti a far comprendere ai recidivi l’errore commesso e spingerli a cambiare comportamento.

Per questo, ridurremo enormemente il numero di penalità di silenziamento comminato agli account recidivi. Invece, sospenderemo l’account dei giocatori che continuano ad abusare della chat dopo la scadenza dei primi silenziamenti. La durata di queste sospensioni aumenterà rapidamente, impedendo agli account di accedere al gioco vero e proprio. I giocatori che si dimostrano incapaci di migliorare il proprio comportamento (o non vogliono farlo) dopo essere stati avvertiti, silenziati e sospesi un numero sufficiente di volte verranno banditi dal gioco.

Sappiamo anche che alcuni giocatori sono preoccupati di poter essere penalizzati dopo essere stati vittime di false segnalazioni per abuso della chat di testo e vocale. Non sarà così. Ecco come gestiremo le false segnalazioni in questi casi:

  • L’abuso di chat o le segnalazioni di spam verranno ignorate se indirizzate contro giocatori che non hanno partecipato alla chat di gioco o ai canali di chat pubblici.
  • Le segnalazioni di abuso della chat vocale verranno ignorate se indirizzate contro giocatori che non hanno partecipato alla chat vocale.
  • Verranno anche ignorate le segnalazioni di abuso della chat di gioco e della chat vocale se indirizzate contro un giocatore della squadra avversaria.

Inoltre, abbiamo già iniziato a implementare un sistema di apprendimento automatico avanzato che ci supporterà ulteriormente nella validazione delle segnalazioni dei giocatori. Finora si è dimostrato molto efficace e abbiamo intenzione di continuare a migliorare ed espandere il processo di validazione delle segnalazioni, d’ora in poi.


Come sempre, vogliamo ringraziare chi continua a usare correttamente il sistema di segnalazione di gioco per portare alla nostra attenzione i comportamenti scorretti. Le segnalazioni sono importanti perché ci aiutano a prendere provvedimenti contro i giocatori colpevoli, e tali provvedimenti stanno per avere un impatto maggiore rispetto al passato.

Discuti di questo post con gli altri giocatori sui forum ufficiali di Heroes of the Storm.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.