Blizzard ed eSports: da HotS parte la Rivoluzione!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La Rivoluzione tanto attesa è, probabilmente, iniziata. Quello che è avvenuto su Overwatch con il World Cup era evidentemente solo un piccolissimo antipasto…Blizzard ha finalmente mostrato e reso pubbliche delle informazioni che, dal nostro punto di vista, denotano una chiara e sorprendente direzione: la regolamentazione e la strutturazione massima (ed interna) degli eSports targata Blizzard.

Su Heroes of the Storm infatti sarà presto strutturata una nuova idea di competitivo: “un formato di lega online uniforme. Il risultato è che i giocatori delle 8 squadre migliori di ogni regione otterranno contratti per compensi e competizioni più regolari, oltre a una miglior gestione non solo delle squadre migliori, ma anche del calendario, dei commenti e della generale qualità delle trasmissioni durante tutto l’anno“, ma non è tutto…Blizzard afferma anche: “introdurremo una promozione e un regolamento perché le squadre amatoriali possano competere nelle Open Division sponsorizzate da Blizzard e conoscere esattamente i requisiti necessari per partecipare alla lega HGC. Due volte l’anno, dopo aver dato prova della propria abilità in una serie di tornei aperti settimanali con montepremi, le due squadre migliori della Open Division dovranno affrontare team di professionisti per conquistarsi un posto in cima alle classifiche HGC“.

Una notizia sensazionale quindi…che vedrà presto impegnate le grandi e piccole squadre del Nexus in una competizione internazionale che sarà direttamente seguita e gestita da Blizzard e che, speriamo, potrebbe presto vedere una sua reale applicazione anche negli altri titoli della celebre casa di Irvine.

Siamo davanti al primo grande passo di Blizzard verso i suoi titoli eSports?
Cosa ne pensa la community?

Sono in arrivo grossi cambiamenti per gli eSport di Heroes of the Storm il prossimo anno, mirati a migliorare la scena competitiva per i fan e i giocatori. Al momento, non siamo pronti a svelare i nostri piani completi per il 2017 e oltre, ma vogliamo darvi qualche dettaglio nel caso foste intenzionati a partecipare, così da permettervi di prepararvi e fare pratica.

20151108_Helena-Kristiansson_BlizzconHeroes_3483 (3).jpg

Più nel dettaglio, Nord America, Europa, Cina e Corea passeranno a un formato di lega online uniforme. Il risultato è che i giocatori delle 8 squadre migliori di ogni regione otterranno contratti per compensi e competizioni più regolari, oltre a una miglior gestione non solo delle squadre migliori, ma anche del calendario, dei commenti e della generale qualità delle trasmissioni durante tutto l’anno.

Come parte del nuovo programma dell’Heroes Global Championship, potrete aspettarvi più eventi internazionali, che vedranno affrontarsi squadre rivali provenienti da diverse regioni. Nel loro percorso verso le finali HGC, le squadre di livello più alto potranno partecipare a 3 eventi internazionali, tra cui un torneo mondiale. I partecipanti provenienti da Taiwan, Sud-est asiatico, America Latina e Australia/Nuova Zelanda beneficeranno di competizioni a livello locale che garantiranno l’accesso a questi eventi internazionali.

Inoltre, introdurremo una promozione e un regolamento perché le squadre amatoriali possano competere nelle Open Division sponsorizzate da Blizzard e conoscere esattamente i requisiti necessari per partecipare alla lega HGC. Due volte l’anno, dopo aver dato prova della propria abilità in una serie di tornei aperti settimanali con montepremi, le due squadre migliori della Open Division dovranno affrontare team di professionisti per conquistarsi un posto in cima alle classifiche HGC.

divider_sml.png

Le qualificazioni per le leghe HGC inizieranno a novembre. Avremo ulteriori aggiornamenti nei prossimi mesi.


Blizzard ed eSports: da HotS parte la Rivoluzione!
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701