WILD OPEN di Hearthstone: Jarla elimina Leta ad un soffio dalle finali

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

In copertina: Jarla, vincitore dei Global Games 2017 insieme agli altri giocatori della Repubblica Ceca.

La fase di qualificazione del Wild Open di Hearthstone è finito e delle centinaia e centinaia di partecipanti che si sono sfidati per l’intero week end ne sono rimasti solamente 8, i finalisti assoluti del mondiale selvaggio 2019.
Gli italiani protagonisti erano Leta, Alb987, Yokopomayoco e DevilMat ma, di questi, solamente il primo è riuscito a raggiungere la top8 della svizzera (composta da tutti i 6-1 e solamente dai due migliori 5-2) e la fase ad eliminazione diretta.
Leta, giunto 2° assoluto nella svizzera, ha prima affrontato e sconfitto Romanno con un bellissimo 2-1 ma si è poi dovuto arrendere nella partita successiva, l’ultima dell’intera fase di qualificazione, contro il fortissimo Jarla che ha cosi conquistato uno dei due posti disponibili per le finali del Wild Open.

Scorrendo di seguito troverete anche le liste usate da Jarla in questo Wild Open cosi da poter mettere a confronto le varie scelta che sono state operate da lui e da Leta (rispetto alle liste di Jarla l’italiano ha preferito portare il Guerriero invece del Mago).

Correlato: Ecco tutte le liste usate dagli italiani e quelle degli altri giocatori del Wild Open

Insieme a Jarla andranno al mondiale anche Player671 (qualificato come Jarla dall’Europeo), i giocatori americani SphnxManatee e DrJikininki, gli asiatici 로좀 e トラス ed infine i due giocatori qualificati dal torneo cinese di cui però, almeno al momento, non conosciamo i nomi.

Le liste di Jarla

ClasseNome mazzo  Costo  
Wild Open Europa – Mage di Jarla  7700   
Wild Open Europa – Even Shaman di Jarla  9220   
Wild Open Europa – Odd Paladin di Jarla  9580   

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.