DrBoom gioca in Legend con un Warrior Anti-Shaman ed Anti-Mirror!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Benvenuti in questo nuovo update dedicato agli ultimi aggiornamenti visti in azione nel competitivo Standard di Hearthstone.

Nella settimana che introdurrà le prime informazioni sulla nuova espansione, le nuove meccaniche e sulle nuove carte (di cui sicuramente ne vedremo alcune nella notte tra Venerdì e Sabato), bisognerà pensare di chiudere ad un buon piazzamento in ladder, visto che mancano solamente una manciata di ore prima della fine della season di Ottobre.

Blizz mostra il primo teaser sulla nuova espansione di Hearthstone!

In questa occasione, vogliamo quindi osservare da vicino tre specifici mazzi, usati da DrBoom, da BoarControl e da Hatul ai più elevati rank del Legend. Partendo proprio da DrBoom, segnaliamo una versione dell’Hakkar Control Warrior con cui il giocatore ha sconfitto, per ben 10 volte su 10, altrettanti mazzi del Guerriero, mentre a chiuso  con un incoraggiante 64% di winrate contro i mazzi dello Sciamano, il vero grande “problema” dell’attuale meta del gioco.

Insieme a questa lista andiamo poi a vedere l’update dell’Evolve Shaman con cui BoarControl ha conquistato il rank #1 del Legend (deck che come sempre si contraddistingue per un costo incredibilmente basso per le sue potenzialità), ed il Nomi Druid usato fino al rank #11 Legend dal giocatore Hatul, un deck che, a differenza dell’Evolve, è invece sorprendentemente costoso.

Di seguito tutte le liste in questione. Vi auguriamo una buona consultazione ed un buon divertimento.

Le liste

ClasseNome Mazzo
Evolve Shaman da #1 Legend di BoarControl
Nomi Druid da #11 Legend di Hatul
Hakkar Warrior da #34 Legend di DrBoom
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.