Scacc trionfa al Qualifier dei Masters: andrà a Las Vegas!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il celebre giocatore italiano di Hearthstone Andrea Scacc Scaccia è riuscito nell’impresa di vincere un qualifier ufficiale del nuovo circuito competitivo “Hearthstone Masters“, al via in questo 2019 insieme al formato Specialista.
Scacc, membro del team Exeed e già Capitano della Nazionale azzurra ai Global Games, si è presentato al torneo con un mazzo di Valeera che si è rivelato essere perfetto per il raggiungimento dell’obiettivo.

Vincendo il torneo Scacc si porta a casa la possibilità di giocarsela al primo grande Master Tour di Las Vegas, torneo con un montepremi totale di 250.000 Dollari (di cui 50 mila andranno unicamente al primo classificato) che si terrà dal 14 al 16 Giugno in Nevada negli Stati Uniti, ed anche 20 bustine di carte.
Al secondo classificato, Enori, sconfitto da Scacc con un netto 2-0, va lo stesso quantitativo di bustine del primo classificato ma a differenza di questo non avrà garantito alcun accesso al prossimo Tour di Las Vegas.
Per gli altri giocatori, invece, le bustine vinte sono state molte di meno, ma Blizzard ha premiato tutti fino al 128° posto (che vince un unico pacchetto di carte).

Di seguito andiamo a vedere la lista usata da Scacc, ricordandovi che per informarvi riguardo agli altri tornei qualifiers organizzati online da Blizzard vi basterà cliccare l’immagine poco sotto da cui avrete accesso alla lista con tutti i prossimi appuntamenti ufficiali.

Clicca l’immagine sopra per accedere al Calendario degli eventi ufficiali.

Le liste

ClasseNome mazzo  Costo  
Rogue formato Specialist di Scacc (vincitore Hearthstone Masters Qualifier)  9120   
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.