Red Bull M.E.O: vincono Chiqui e Lattosio che volano in finale mondiale!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Lo scorso fine settimana si è conclusa la finale italiana del Red Bull M.E.O., il torneo riservato ai giochi competitivi su mobile che si è giocato presso il Video Games Party di Milano.

I tre titoli protagonisti della competizione erano Clash Royale, Hearthstone e Brawl Stars, con l’ultimo dei quali che ha già visto qualificati i QLASH per la finale mondiale del titolo, e con gli altri due, ovvero HS e CR, che hanno visto sul palco dell’evento principale i migliori 4 giocatori delle varie fasi di qualificazione sfidarsi per conquistare l’ambita vittoria.

Nella finalissima di Clash Royale, giocata tra CGG_Rob e Chiqui, è stato proprio l’ultimo citato ad avere la meglio chiudendo la prova con un tiratissimo 2-1 che consentirà a Chiqui di andare a sfidare tutti gli altri migliori giocatori del gioco mobile provenienti da ben 30 paesi diversi di tutto il mondo.

Nei due turni di semifinale dedicati a Hearthstone, abbiamo invece visto prima lo scontro tra Andrea93 e Meliador, che ha regalato la finale proprio al giocatore dei Samsung Morning Stars, e poi quella tra Lattosio e tolsimir, in un match meno incerto che ha visto Lattosio capace di dettare, fin dai primi istanti della partita, il suo ritmo.

La finale tra Lattosio e Meliador si è svolta poi in un sostanziale equilibrio, con Lattosio che riesce a vincere il primo game, ma deve arrendersi a Meliador nel secondo. Si va  quindi al round 3 in parità dove Lattosio riuscirà, non senza qualche ostacolo, a portare a casa una fondamentale vittoria che gli permetterà di rappresentare l’Italia alle finali mondiali di Hearthstone del RedBull MEO.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.