Quali sono le carte preferite dei devs di Hearthstone?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Con un nuovo articolo pubblicato sul sito ufficiale di Hearthstone, gli sviluppatori hanno svelato alcune interessanti informazioni riguardo il contenuto di Scholomance e le carte introdotte con questa espansione.

In particolare, i devs hanno voluto raccontare parte della loro esperienza di lavoro durante il lockdown di Marzo, periodo che é servito proprio per preparare e definire gli ultimi dettagli riguardo l’espansione di Agosto.

Ecco quanto riportato sul sito ufficiale di Hearthstone.

Il post ufficiale

Da quando gli sviluppatori Blizzard hanno iniziato a lavorare da casa a tempo pieno, in marzo, il team di Hearthstone non ha perso un colpo, producendo regolarmente contenuti e aggiornamenti per i nostri giocatori e pubblicando due espansioni complete, tra cui la recente L’Accademia di Scholomance.

Intraprendere un progetto complesso come un’espansione di Hearthstone lavorando da casa richiede di sapersi adattare molto rapidamente agli imprevisti, spesso reiventandosi dei processi con cui si aveva familiarità in precedenza. Abbiamo parlato con alcuni membri del team che ci hanno raccontato come hanno lavorato, e abbiamo chiesto loro qualche consiglio su come gestire grossi progetti lavorando da casa. Naturalmente, abbiamo anche colto l’occasione per chiedere quali sono le loro carte preferite de L’Accademia di Scholomance. Di seguito, le loro risposte.


Qual è stata la sfida più grande che avete incontrato nel lancio di un’espansione lavorando da casa? Che consigli dareste a qualcuno nella stessa situazione?

Linus Flink, produttore di gioco senior, grafico

La sfida tecnica più grande per noi del reparto grafico è stata probabilmente gestire l’analisi e i feedback sugli effetti grafici. Invece di fare delle riunioni di persona, abbiamo intrapreso un percorso di revisione asincrona con video registrati. Il mio consiglio è cercare di non replicare in remoto lo stesso procedimento che si usa di persona. Le analisi in videoconferenza non sono assolutamente efficaci per colpa della latenza.

Abbiamo anche svolto una serie di attività sociali per mantenere vivi quanto più possibile i rapporti umani, come i tornei di Overwatch che un nostro collega ha organizzato per noi del team di Hearthstone.

Gloria Zhang, capo produttore di gioco, produzione progetto

Sfruttare i canali di chat è stato fondamentale per risolvere diverse situazioni, come le discussioni sugli obiettivi, mentre i “pranzi virtuali” tutti insieme ci hanno permesso di restare in contatto con colleghi e amici, creando un contesto socialmente amichevole. Un grosso ringraziamento va al dipartimento IT che ci ha supportato. Mi hanno dato la possibilità di portare a casa il mio PC di lavoro configurandolo in modo professionale, e questo ha reso la transizione indolore.

Alec Dawson, progettista di gioco, progettista carte

Voglio sottolineare due cose: prima di tutto, comunicazione costante e coscienza di ciò che siamo riusciti a fare. Pubblicare un’espansione richiede molta coordinazione tra diversi team e bisogna essere molto chiari nell’esposizione dei dettagli e nella determinazione degli obiettivi. È molto facile perdere pezzi per strada, quindi in questo periodo è stato assai utile coinvolgere più persone nei processi produttivi, aumentando il livello di consapevolezza di tutto il team.

In secondo luogo, non possiamo dimenticarci dei giocatori. Lavorando da casa, c’è il rischio di perdere la concezione del tempo, ma Blizzard ha fatto in modo che il lancio de L’Accademia di Scholomance fosse un giorno speciale, come se fossimo stati tutti in ufficio. Siamo entusiasti all’idea che tutti possano finalmente giocarla!

Steve Walker, produttore di gioco, operazioni

Pubblicare un’espansione di Hearthstone richiede una grande coordinazione tra diversi gruppi di persone, specialmente i team delle operazioni. Nella situazione di lavoro remoto, il grado di coordinazione e comunicazione richiesto è ancora più alto. Questa per noi è stata la sfida più grande durante la preparazione del lancio de L’Accademia di Scholomance, ma il team si è dimostrato all’altezza. Abbiamo anche sviluppato nuove strategie affinché il lancio avvenisse senza problemi.

Comunicare più del solito è fondamentale nel lancio da remoto di un grande progetto. È facile dare per scontato quante informazioni siamo abituati a trasmettere quando siamo fisicamente presenti in ufficio. Per assicurarci che tutti i membri del team fossero ugualmente aggiornati, abbiamo preso l’abitudine di inviare costantemente degli aggiornamenti sulla situazione. Utilizziamo le chat principali per le conversazioni generiche, come aggiornamenti e comunicazioni alla community, e ogni problema che incontriamo viene analizzato in una chat dedicata, in modo da non affollare il canale principale. Abbiamo anche una sala conferenze virtuale dove simuliamo ciò che facciamo quando siamo tutti insieme, il che ci permette di aggiornarci a vicenda in modo più facile.

Tutto ciò ci permette di condividere informazioni rapidamente, discutere dei problemi e assicurarci che il carico di lavoro sia distribuito in modo equo. Questo, insieme alla comunicazione trasversale da parte di tutto il team delle operazioni live, ha fatto sì che il lancio avvenisse in una situazione molto simile a quando siamo tutti in ufficio.

Colton Carmine, produttore di gioco senior, audio

Una delle sfide più grandi de L’Accademia di Scholomance è stata quella di gestire le registrazioni dei doppiatori e dei musicisti a fronte della chiusura (causa pandemia) degli studi nordamericani che usiamo solitamente. Normalmente, i doppiatori inglesi vengono in studio a Los Angeles, dove si interfacciano con i progettisti, i direttori e i programmatori, dando vita ai personaggi che conosciamo, mentre i musicisti registrano tutti insieme a Nashville.

Il team del doppiaggio, così come quello dedicato alle musiche, si è rapidamente adattato alla situazione: doppiatori e musicisti hanno registrato da remoto, nella sicurezza delle loro case. Benché inizialmente compilare un calendario si sia rivelato un compito assai arduo, sono rimasto colpito dal continuo flusso di informazioni tra i vari studi, che ha permesso di creare contenuti incredibili per i nostri giocatori anche in tempi difficili come questi. Il mio consiglio per tutti quelli che devono gestire un progetto dalla complessità simile è quello di fidarsi dell’esperienza dei propri colleghi e di far presente qualsiasi problematica per raggiungere il risultato migliore per il team, i partner e i giocatori. Nonostante la peculiarità delle circostanze, il nostro team è stato comunque in grado di creare la magia Blizzard a cui tutti sono abituati!


Qual è la tua carta preferita de L’Accademia di Scholomance?

ROGUE_SCH_305_enUS_SecretPassage-58794.pngSHAMAN_SCH_507_enUS_InstructorFireheart-59164.png

Linus: La mia carta preferita è probabilmente Passaggio Segreto. Dominic Camuglia del team degli effetti speciali ha fatto un lavoro eccezionale. Inoltre, è una carta molto potente e interessante. Anche l’Istruttrice Cuorfiammante mi piace molto. Ha un’abilità fantastica e mostra quanto riusciamo a essere flessibili: la carta è stata completamente riprogettata poco prima della nostra scadenza.

NEUTRAL_SCH_714_enUS_EducatedElekk-60090.png

Gloria: È difficile sceglierne una, ma credo che vinca l’Elekk Erudito, anche se di poco. La meccanica della carta è divertente e dà al giocatore moltissime possibilità di successo a qualsiasi livello di competizione. La grafica, un Elekk studioso che prende dei libri aiutandosi con la proboscide, restituisce perfettamente lo spirito umoristico di Hearthstone, riflettendo al contempo anche la meccanica della carta.

NEUTRAL_SCH_428_enUS_LorekeeperPolkelt-60278.png

Alec: Lo Storico Polkelt è dedicato a tutti gli appassionati delle combo. Quando lo giochi, la partita cambia drasticamente perché l’avversario cerca di sconfiggerti prima che tu riesca a posizionare tutte le carte per la combo. Mi piace quel livello di tensione. È una carta molto divertente da giocare.

NEUTRAL_SCH_224_enUS_HeadmasterKelThuzad-58931.png

Steve: Ho sempre avuto un debole per le carte “grosse” e spettacolari di Hearthstone, quindi direi il Preside Kel’Thuzad. Mi piace l’idea di giocare una Magia potente e riavere indietro i miei servitori. Il fatto che abbia un Impulso Magico giocabile una sola volta significa che devo essere attento a quando lo uso.

Colton: La mia carta preferita di questa espansione è il Preside Kel’Thuzad. Ha un’interazione speciale quando parla con il suo animaletto, il Signor Bigolo, che mi ricorda i tempi in cui giocavo a World of Warcraft con i miei amici.

Year of the Phoenix Page Footer Image

Articoli correlati: 

 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701