Powned Hearthstone Team: Cloudascris e Kaor!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nuova puntata con la rubrica dedicata al Powned Hearthstone Team! Oggi conosciamo le due new entry della nostra fantastica squadra: Kaor e Cloudascris
Questi due giocatori rappresenteranno, insieme a Biscaf, la community di Powned.it agli Europei di Hearthstone che inizieranno questo Sabato alle 14.00!

Pown: Ciao ragazzi e benvenuti nella rubrica “Powned Hearthstone Team”!! Per iniziare, raccontateci un po delle vostre passate esperienze nel mondo del gaming!

Cloud: Ciao Stak e grazie per questa possibilità! Io ho iniziato a giocare ai videogames a 6 anni con super mario bros per il nintendo 8 bit e da lì in poi è stata una escalation. Ho giocato a tantissimi videogiochi su molteplici console ma il primo impatto con un gioco di carte è stato a 14 anni con magic dove ho giocato per quasi 4 anni con risultati discreti (top8 ptq, qualche day2 a gp)… per questo appena ho visto Hearthstone è stato amore a prima vista.

“…credo che naxxramas sia stato un gran successo… ha reso il gioco molto piu vario e divertente”

Kaor: Ciao a tutti! La mia storia sui giochi Online è iniziata con World of Warcraft, ho avuto sempre una grande passione per il pvp riuscendo ad ottenere il titolo gladiator in diverse season, successivamente mi sono appassionato a Dota2 e League of Legends chiudendo season scorsa in diamond 3.

Pown: E’ ormai da un po’ di tempo che vi trovate a scalare la ladder e a fare tornei degni di nota, quali pensate che siano le differenze nell’approccio che deve avere un giocatore verso queste due modalità?

Clouda: In ladder l’approccio è molto diverso perchè per salire si deve tenere un win rate alto ed è quindi consigliabile giocare un deck che abbia dei win rate decenti contro i mazzi migliori del meta attuale. Nei tornei invece si possono trovare sorprese ed anche il modo di buildare un deck è diverso proprio per non essere schiacciati da queste situazioni “diverse” (un esempio lampante è l’utilizzo di Harrison Jones, che si vede molto nei tornei ma in ladder ha pochissimo spazio). Oltre a questo, portare 3 o piu’ deck diversi ci potrà permettere di avere maggiori possibilità di counterare determinati mazzi…ampliando quindi l’esperienza di gioco.

Kaor: Se si vuole giocare a livelli competitivi è necessario essere sempre aggiornati sul meta attuale, vi consiglio di giocare al massimo due mazzi differenti e impararli alla perfezione dato che dovrete tenere una win rate abbastanza alta per riuscire a scalare la classifica.
Nei tornei è tutta un altra storia, è molto piu probabile trovare mazzi molto forti sulla singola partita come per esempio miracle rogue o paladin control, mazzi che in ladder al momento non hanno molto spazio.

“…il Miracle nonostante sia considerato un mazzo lame è in realtà secondo me il mazzo piu’ difficile da giocare correttamente”

Pown: Naxxramas è ormai definitivamente aperta, 30 nuove carte fanno parte del gioco, com’è cambiato secondo voi il meta (ammesso che sia cambiato)? Che margini di miglioramento prevedete rispetto alla sinergia tra le vecchie carte e quelle nuove?

Clouda: Il nuovo meta è molto interessante, ogni ala di naxx ha portato una ventata nuova nel meta anche se forse ha sbilanciato un po’ alcune classi (vedi hunter); resto comunque dell’idea che è giusto che sia così, creare dei nuovi meta dove la gente puo’ giocare mazzi diversi da quelli che ha giocato per mesi rende il gioco molto piu’ vario e meno monotono.
Per le sinergie beh, credo che gli hunter e priest abbiano guadagnato tantissimo in fattore di sinergie (bestie per il Cacciatore e Cultista Oscuro per prete) senza contare l’utilizzo di molti mazzi dello Sputafango in praticamente tutti i mazzi mid range, rantolo di morte e control.

Kaor: Il meta è cambiato in maniera considerevole, grazie alla sinergia delle carte con rantolo di morte sono tornati alla ribalta mazzi come prete e hunter che erano spariti dalla ladder per alcuni mesi, personalmente credo che naxxramas sia stato un gran successo… ha reso il gioco molto piu vario e divertente.

Pown: Mazzo preferito e perchè. Mazzo che meno vi piace e perchè.

Clouda: Il mio mazzo preferito è sicuramente il Miracle perchè nonostante sia considerato un mazzo lame è in realtà secondo me il mazzo piu’ difficile da giocare correttamente.
I mazzi che meno preferisco usare sono quelli del Paladino ma solamente perchè non mi piace l’hero power.

Kaor: Onestamente non ho un mazzo che preferisco, tendo sempre a giocare mazzi metabreaker (mazzi perfetti per contrastare il Meta di un gioco). Il mazzo che odio di piu è il Ladro miracle, spiego perchè lo odio in 3 semplici parole: Banditore di Meccania, Preparazione e Copertura.

Pown: Cosa ne pensi dei tuoi nuovi compagni di team? Li conoscete?

Clouda: Attualmente conosco Gera e Biscaf e ho sentito parlare molto bene di K4or. Di Gera e Biscaf posso dire sicuramente che sono degli ottimi giocatori; spero comunque di conoscere a breve gli altri compagni del team.

Kaor: Attualmente anche io conosco solo Gera e Biscaf, ho anche fatto anche alcune partite contro di loro e li reputo degli ottimi giocatori. Non conosco ancora il mio compagno di news Cloudascris ma ho sentito dire che è un ottimo giocatore!

Pown: Clouda, Kaor, vi ringraziamo per questo veloce scambio di battute! Buona fortuna per gli Europei… portate alto il nostro Team! 

Clouda – Kaor: Grazie a voi! Ce la metteremo tutta!!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701