ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

Nuovo dominio del Cacciatore: il meta di Hearthstone aggiornato!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Benvenuti al nuovo appuntamento con l’Analisi del Meta di Hearthstone! Oggi analizzeremo quello che è lo stato del metagame relativo a fine Febbraio 2015 nell’universo del celebre gioco di carte Blizzard! La nuova classifica si caratterizza per la presenza, ancora una volta, del Cacciatore al primo posto; come se non bastassero quindi tutte le varie “cadute” alle quali Rexxar ha sempre risposto con delle strepitose riprese, ancora una volta, il celebre Hunter torna nel posto che più gli aggrada terminando la breve “era di Jaina“: la leadership del Meta.

10549140_10204909063755564_8408901616196214964_o

1. Midrange Hunter: Il ritorno di Rexxar nel posto in classifica che più gli spetta. La lista sta letteralmente sbaragliando la concorrenza nelle classificate di Hearthstone. La lista presente nel nostro database è stata uppata da Biscaf ed è anche presente un video che mostra il suo più corretto utilizzo. Sarà nuovamente stabile dominio del Cacciatore? Vedremo!

2. Oil Rogue: Valeera non si tira indietro e guadagna la seconda posizione nel tier 1. Sicuramente per la seconda posizione, e non la prima, influisce sia la difficoltà di utilizzo del mazzo, che richiede grande concentrazione e previsione delle carte avversarie, sia il match-up negativo contro il Mech Mage e il MidRange Druid. Riesce benissimo contro i mazzi più face grazie alla presenza di 2x Ventaglio di Lame e 2x Vortice di Lame. La chiusura, invece, è garantita dalla combo Tagliagole Acquanera + Tecnofluidificatore.

3. Mech Mage: Celebre mazzo tra i più utilizzati dalla community in questo Febbraio. Carte come il Roboevocatore e il Tecnoingegnere permettono partenze rapidissime grazie alla sinergia tra tutte le carte robot. La grande quantità di gadget che riusciremo ad avere in mano serviranno per sfruttare al meglio il potere dell’Arcimago Antonidas, creando palle di fuoco che ci permetteranno di vincere il game. Essendo un mazzo aggro il rischio è quello di terminare le carte prima del dovuto ma rimane comunque il mazzo più efficace del momento.

4. Savjz DruidGrazie alle sue carte crescita rigogliosa e innervazione, il Druido ha la capacità di giocare mostri di costo elevato più presto di tutti, e questo gli permette di essere molto efficace contro i mazzi aggro/tempo avendo però anche delle risposte contro i mazzi control. Con l’aggiunta del Masticatore Zombie, si riesce a mettere pressione sin dal primo turno mentre la combo Forza della Natura + Ruggito Selvaggio serve a chiudere i match con ben 14 danni minimi.

5. Face Hunter: Anche dopo aver subito insieme allo zoo il pesante nerf al Becchino, eliminando di fatto dal meta tutte le liste aggressive con i rantoli di morte, il Cacciatore riesce ancora una volta a sopravvivere con la sua versione super aggro. Infatti il Face Hunter riesce oggi ad essere uno dei mazzi più usati per scalare i rank grazie ad incontri molto veloci e molti finisher tra cui Leeroy Jenkins, i Golem Arcano e gli Ordine di Morte. Gli aspetti negativi di questo mazzo sono il fatto di non avere possibilità di pescare e un inesistente late game, quindi contro mazzi che riescono a rispondere nei primi turni questo mazzo perde quasi tutta la sua efficacia.
Anticamera del Tier2 (e forse meriterebbe la prima posizione nel  Tier sotto) non tiene il confronto con il fratello Midrange ma, per il momento, rimane un mazzo estremamente efficace.

10644309_10204909063875567_1049475752957388343_o

1. Mech Shaman: Il mazzo si basa puramente sulle combo Arma Rocciadura + creature con furia del vento, e danni diretti da magie (preferibilmente con potenziamenti ai danni magici). I mech sono usati per ottenere un precoce controllo della board, e per fare più danni possibili nel minor tempo, così da avere combo letali il prima possibile. Le possibili combo letali come già detto sono appunto molteplici e possono essere effettuate anche bypassando le provocazioni, appunto con le magie. La forza del deck sta proprio nel grande danno in poco tempo, se si ha una board in early game, altrimenti è molto diffiile sperare in un comeback. Il deck ha davvero un enorme potenziale anche con possibili rimpiazzi secondo le preferenze dei player, e del corrente metagame.

2. Mech Druid: Fondamentalmente è un Druido fast, che possa sostituire l’hobgoblin druid, il quale scopo è di riempire la board per poter scaricare danni immensi grazie alla combo Forza della Natura + Ruggito Selvaggio. E’ dura da tornare in gioco dal momento in cui viene pulita la board, anche se si può sempre far affidamento alla combo per un discreto danno diretto.

3. Ramp DruidMazzo che basa tutta la sua forza, come per il Savjz del Tier1, sulle sue carte crescita rigogliosa e innervazione, avendo cosi la capacità di giocare mostri di costo elevato più presto di tutti; questo gli permette di essere molto efficace contro i mazzi aggro/tempo avendo però anche delle risposte contro i mazzi control. Il deck inoltre è munito di solide creature che gli permettono uno stabile board control come gli Antichi e la celebre carta leggendaria  Kel’Thuzad!

4. Paladino: il Paladino MidRange è essenzialmente un mazzo veloce; ci si trova spesso ad avere combinazioni letali mantenendo un decente board control, sapendo soprattutto ben dosare i danni delle armi, che sono davvero predominanti. Il deck non ha la rimozione che caratterizza il paladino (Eguaglianza + Consacrazione) ma solo una Consacrazione, o 2 in base al meta-game, che senza dubbio bastano per pulire la board e riuscire ad infliggere buoni danni. Il deck è caratterizzato anche da un praticamente assente card draw (escluso Harrison Jones) poiché essendo un midrange non ne necessita così tanto, in quanto le partite si dovranno spesso chiudere con combo di Quartiermastro o con le armi. Il deck pecca leggermente contro Ladro, e Handlock.
Rispetto alla versione MidRange, nel Control abbiamo cure e card draw a discapito, però, di un controllo diretto nel meta game. Ovviamente con la combo  Eguaglianza + Consacrazione si può riprendere in mano la situazione. E’ uno dei mazzi sicuramente più usati e più performanti in torneo. Una versione molto usata è anche quella di Strifecro (winstreakadin) anche se è fondamentalmente midrange. Altra versione utilizzabile è il “Curadin” (healadin) con 2x Mano Celestiale.

5. Demonlock: In questa categoria rientrano molte versione del semplice “Combo Warlock”. Dopo il nerf al Becchino, il meta ha visto il sorgere di molti deck (tra cui lo Stregone Ek0p) che sfruttano svariate combo per chiudere il game, mantenendo il board control con Fuoco Infernale, Imp-losione e la Bomba Oscura. Pecca nel match-up con l’Oil Rogue ma riesce a vincere facilmente contro il Face Hunter.

6. Warrior God: Il Guerriero è sempre presente nel meta, nonostante il suo controllo del board sia oggi messo in dubbio dall’ingente quantità di creature schierate dal Mech Mage. Il gameplay è il classico, ci si difende dalle prime offensive dell’avversario (magari accumulando anche armor) e si mira ad un late game esplosivo in cui si chiude con Grommash Malogrido Ragnaros.

7. Sacerdote Control: Unico deck del giovane Anduin tra i migliori disponibili per le partite classificate. Il suo utilizzo è estremamente raro dato anche il fatto che è uno dei mazzi più costosi in assoluto di Hearthstone.

10537976_10204909063795565_2042083864866760270_o

1. Zoo: Questo genere di mazzo è stato nettamente soppiantato dal Mech Mage. Ciò si concretizza nel fatto che è più conveniente giocare il Mago piuttosto che lo Zoo. Il nerf del Becchino ha ulteriormente diminuito tutto la valenza del deck facendolo appunto scendere di tier. Non è un mazzo completamente morto poiché può dare comunque fastidio se giocato con 2x Potere Travolgente, si ha comunque un potenziale di danno davvero elevato, ma riprendendo il discorso precedente è semplicemente meno conveniente da giocare. Le versioni che si possono usare sono la Classica e la Mech.

2. Frost MageUn deck nato agli albori di HearthStone e che difficilmente sparirà (un pò come lo Zoo). Oggi, con le carte di GvG si aggiungono al suo arsenale la Pecora Esplosiva che a turno 4 riesce a fornire una grande pulizia del board. Lo scopo ovviamente è quello di frenare e congelare la board avversaria per poi sfruttare le magie per uccidere l’avversario. Fondamentale la combo in due turni Blocco di GhiaccioAlexstrasza.

3. Handlock: Uno dei mazzi intramontabili. Con il giusto topdeck si riesce ad essere estremamente versatili: l’utilizzo del Guardiano Antico Gufo Beccoforte garantisce una creatura che di turno 3 verrà difficilmente distrutta in un semplice trade. Inoltre, con Ombrofuoco Fuoco Infernale garantiscono il board control che permette di giocare gli indomiti Giganti. Buono il match-up contro il Mago, un pò meno lo Sciamano.

4. Mech Rogue: Come tutti i mazzi tempo-aggressivi se si perde il controllo della board è finita, ma, se ciò non accade il nostro Sensei di Ferro ci farà avere in poco tempo dei bestioni nel nostro campo di battaglia, con cui sarà semplice vincere il board control e vincere la partita.

Il Control Warrior si aggiudica la Top #1 Legend. È tornato l’incubo degli aggro?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Dopo qualche giorno dall’arrivo della patch di Hearthstone, il meta sta cercando di ristabilirsi, magari nelle mani di nuovi padroni. Ed infatti molti mazzi “nuovi” stanno invadendo con effetto la Classificata del gioco.

Tra di questi compare, finalmente per tutti gli amanti dei deck lenti, un nuovo Control Warrior che sembrerebbe poter comandare il meta di diritto, insieme ad alcuni altri mazzi scampati alla tornata di nerf di questi giorni.

Questo Control Warrior è ricco di Armatura, con il nuovo core di carte improntate proprio su questo aspetto. Ovviamente gli aggro hanno difficoltà contro questo archetipo, mentre mazzi più value based, come altri Control, o gli OTK hanno vita più facile. Nonostante ciò questo deck sembra potersela giocare con tutti ed è per questo che in Asia ha guadagnato la Top 1 nelle mani di Ostinato.

Anche altri deck, però, stanno rubando la scena, soprattutto i mazzi del Druido, che vuole immediatamente prendere il posto del Rogue come classe migliore. Oggi vediamo un ottimo Ramp Druid anche lui nelle altissime vette del Legend.

Chiudiamo l’aggiornamento con una nuova lista di OTK Shaman techata proprio contro i grossi minion del Druid.

Le liste

Ramp Druid di CaelesLuna (Legend#4)  13080
Control Warrior di Ostinato (Legend#1)  18300
OTK Shaman di Wirer  12000

Che ne pensate di queste nuove liste? Le proverete? Fateci sapere la vostra…

La nuova patch cambia il funzionamento di Scambio in fase di pescata. Occhio ad usare il Garrota Rogue

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

La patch ha esordito due giorni fa ed ha portato con sé tanti nuovi contenuti per le varie modalità, ma ha portato anche dettagli aggiuntivi o nuovi anche difficili da notare. Questo é il caso della meccanica Scambio.

Scambio é la meccanica introdotta dall’espansione Uniti a Roccavento e prevede che una carta con questa keyword possa essere rimessa nel deck (al costo di 1 Mana) pescando un’altra carta al suo posto. Ció puó essere infinitamente possibile fino all’esaurirsi del Mana.

Nella nuova patch, peró, il funzionamento di fondo delle carte Scambio, quando rimesse nel mazzo, é leggermente cambiato. La maggior parte dei giocatori non se ne sarà accorto, ma alcuni (soprattutto i giocatori di Garrota Rogue) si saranno interrogati sulla vicenda.

Come appare adesso nelle patch notes e dalle parole di DeckTech, prima dell’aggiornamento il funzionamento della meccanica era il seguente: quando la carta veniva scambiata, prima veniva messa in fondo al mazzo, poi veniva pescata una carta al suo posto e poi il mazzo veniva mischiato.

Ora il suo funzionamento é il seguente: la carta con Scambio prima viene inserita in una posizione casuale del mazzo e poi viene pescata UN’ALTRA carta al suo posto. Come potrete leggere, per quanto il meccanismo sia diverso, a conti fatti cambia poco, ma per mazzi come il Garrota é importante.

Funzionamento con Garrota e carte simili

Con il vecchio funzionamento quando si scambiava una carta Scambio per pescare i Sanguinamenti, questi ultimi venivano prima pescati tutti insieme e poi il giocatore ripescava la carta Scambio che si trovava in fondo (dato che questa combo viene spesso fatta quando ci sono solo Sanguinamenti nel mazzo). Ora la carta Scambio potrebbe anche intrufolarsi tra un Sanguinamento e l’altro, andando di fatto a distruggere la combo.

Il cambio nelle Patch Notes

Non sappiamo se Blizzard ha fatto questo cambio per nerfare questo genere di deck, ma sicuramente mette a dura prova tutte le combo con le carte “Lancia quando Pescata“.

Che ne pensate di questo cambio? Fateci sapere la vostra…

heroes of the storm

In arrivo un’espansione a tema Pandaria e/o l’eroe del Monaco? Un indizio stuzzica la community

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

La nuova patch di Hearthstone ha portato tantissimi nuovi contenuti, non solo per il gameplay delle varie modalità, ma anche per gli amanti degli oggetti cosmetici e dei bundle. Ed é proprio in alcuni di questi oggetti che ci sono forse indizi per il futuro.

Con l’introduzione degli oggetti di una patch, Hearthstone é solita aggiungere, visibili da tutti nella collezione, altre skin e oggetti che saranno in futuro disponibili con eventi ed altri bundle. Ed é qui che il noto Jon “Falular” Pines ha trovato la skin Sha Illidan.

Questa, dal nome, é una futura skin per l’Eroe Illidan che in descrizione porta che il suo ottenimento potrà avvenire tramite l’acquisto del “Bundle Evil from Pandaria“. Certamente questa tipologia di bundle potrebbe non essere nulla, ma il tema Pandaria (cosí grosso e importante nella storia di World of Warcraft) difficilmente potrà arrivare senza un evento od altro a presentarlo.

Espansione a tema?

Per questo motivo l’ipotesi piú veloce é quella che sarà in arrivo (ad Aprile probabilmente) un’espansione a tema Pandaria. Ad aggiungere poi carne sul fuoco é un altro giocatore Cloudy che ha notato come la nuova skin del Druido Xuen, quando in presenza di un Monk come avversario, attivi particolari voicelines. Ma perché aggiungere voicelines per un Eroe che non esiste su HS?

In passato a piú riprese Iksar nei suoi Q&A ha parlato della possibilità di nuovi Eroi, soprattutto Death Knight e Monk, ma nonostante ció sia possibile, le tempistiche sono sempre sembrate molto lunghe. Ora già é in arrivo il prossimo Eroe? Ipotizzare un nuovo Eroe con l’inizio del nuovo anno e con un’espansione Pandarian é allettante quanto plausibile.

Vi ricordiamo peró che é in arrivo il Capodanno Cinese e per quanto non crediamo che Blizzard possa “bruciarsi” Pandaria solo per questa occasione, potrebbe comunque essere in arrivo un evento che porti con sé questo nuovo mondo e queste tipiche atmosfere cinesi.

Non ci resta che attendere ulteriori informazioni a riguardo. Voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra…