Nuova carta per Jaina! Conosciamo “Duplicazione”!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Una nuova carta è stata rilasciata dal team di Hearthstone!  Parliamo del nuovo segreto “Duplicazione” in arrivo con l’espansione “La Maledizione di Naxxramas” quest’estate!!

10314649_892014877482302_4267799660755096870_n

 

Ad una prima analisi, questa carta sembra estremamente forte, talmente tanto che sul web c’è già (ancor prima che la carta possa essere effettivamente usata) chi ne chiede il nerf! Nel momento in cui un nostro servitore morirà, otterremo due copie di questo nella nostra mano. Questo effetto da due evidenti vantaggi: il primo è che il Mago potrà, insieme al Prete, disporre di più carte rispetto al limite imposto di 30 (e già solo questo non è affatto poco!) ; il secondo è che, effettivamente, si avrà a disposizione una quantità di potenziali combo davvero imbarazzanti.
Potremmo triplicare l’effetto di carte già abbondantemente forti come, solo per fare alcuni esempi,  Ragnaros o Cairne o ancora Alexstrasza.

Come ogni altra carta segreto però, molto dipenderà dal nostro avversario e da come noi riusciremo ad indirizzarlo nel fargli fare la mossa a noi più congeniale. Sicuramente questa carta scatenerà non poche polemiche vista la sua indiscussa, o comunque potenziale, incredibile forza! Forza dovuta anche al suo, tutto sommato, ridottissimo costo: pensare di avere 2 Ysera , oltre a quella appena eliminata dal board, a soli 3 mana è quantomeno “Incoraggiante”…

Cosa ne pensate voi? E’ davvero cosi sbilanciata questa carta? E se cosi fosse, può, mediante questo segreto, il Mago aspirare a tornare ai vertici del Meta-Game?

 

 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701