Nerf su Hearthstone: quali saranno i deck colpiti da questo bilanciamento?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Durante il tardo pomeriggio di ieri Blizzard ha finalmente rilasciato il post con tutti i dettagli inerenti la seconda tornata di nerf in arrivo su Hearthstone.

Le carte colpite (oltre ad alcuni eroi/unità di Battlegrounds, ma di questo parleremo in un altro approfondimento) sono in tutto sette: sei carte di classe ed una neutrale che hanno tutte ricevuto un peggioramento delle proprie caratteristiche, fattore questo che andrà pesantemente ad incidere sulla loro presenza nelle classificate.

Le carte colpite da questa tornata di nerf sono comunque le seguenti:

  • Riti Diabolici che passa da 3 a 4 mana
  • Erede della Rovina che costerà 4 invece di 3
  • Ancora Piratesca che vede la sua durabilità ridotta da 3 a 2 mana
  • Branco del Drago, che non fornirà più +3/+3 ma solo +2/+2
  • Invocazione del Gelo che costerà 2 mana invece di uno
  • Speziale del Necrium che costerà 5 cristalli di mana invece di 4
  • Regina Alexstrasza il cui Grido di Battaglia non genererà più un’altra Regina Alexstrasza

La domanda che a questo punto sorge spontanea è…quali saranno i mazzi colpiti da questa nuova ondata di bilanciamenti?
Partiamo proprio dalla carta dello Stregone Riti Diabolici, il cui nerf andrà a colpire svariati archetipi di Gul’Dan. Questa carta trova infatti spazio sia nelle versioni Galakrond Zoolock, sia in quelle dell’archetipo Galakrond Handlock, ed è presumibile pensare che dopo questo update le liste menzionate prima subiscano un’importante flessione.

Tra gli altri mazzi che potrebbero soffrire i bilanciamenti annunciati ieri troviamo poi il Pirate Warrior (che subisce il nerf all’Ancora Piratesca) e le versioni Galakrond Tempo Warrior, liste pesantemente giocate in ladder che ora dovranno fare affidamento su di un Erede della Rovina leggermente più costoso.

Passiamo ora alla classe dello Sciamano, che in meno di un mese si vede costretta a subire una nuova tornata di nerf visto che tra le carte da modificare vi sono anche il Branco del Drago e l’Invocazione del Gelo. Queste sono infatti delle carte estremamente importanti per il Galakrond Shaman, un archetipo che non è detto riesca a superare anche questa “prova” e che potrebbe vedere pesantemente cambiata la sua performance in ladder.

Parliamo infine della Speziale del Necrium, una carta per la quale da tempo era richiesto un nerf vista la sua importanza per la strategia di moltissimi mazzi del Rogue. Con il suo nerf potrebbero subire delle battute di arresto i Galakrond Rogue, i Deathrattle ed i mazzi del tipo Highlander, per grande gioia di una buona parte di popolo della locanda.

Annunciati i nerf su Hearthstone (anche Battlegrounds): colpite le carte di Rogue, Warrior e Shaman!

Vi sarebbe poi anche il nerf alla  neutrale Regina Alexstrasza  ma in questo caso dovremmo parlare più di un “hotfixes” che non di un vero e proprio nerf.

Con la patch di questo fine settimana infatti, la Regina Alexstrasza non potrà più regalare una copia di se stessa al giocatore che la utilizza. Certamente una modifica importante (dato che poteva inserirci in mano una nuova Regina Alexstrasza a costo zero) ma che non crediamo possa in qualche modo influire sulla presenza in meta di questa carta.

Questi nerf ci sembrano tutti molto ben ragionati e calibrati, oltre ad essere quasi del tutto dedicati agli archetipi Galakrond che si possono trovare in ladder (come avevano promesso gli sviluppatori). Voi cosa ne pensate? Vi ricordiamo che è ovviamente previsto il rimborso totale delle Polveri Arcane, e che sarà possibile distruggere queste carte non appena saranno online i nerf, presumibilmente entro la fine di questa settimana.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701