Nerf giusti su Hearthstone (anche se ci aspetta una probabile dittatura di Gul’Dan): l’analisi!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Sono passate ormai diverse ore dall’annuncio relativo ai nerf di Hearthstone ma nella community italiana, come in quelle del resto del mondo, la discussione inerente le recenti modifiche scelte da Blizzard continua ad infiammarsi con giocatori avversi a queste modifiche da un lato e tanti, tantissimi altri giocatori che invece gridano “vittoria” e gioiscono della sostanziale dipartita di Sghigno il Pirata e Raza l’Incatenato.
A prescindere da quello che si pensi, questi nerf avranno un impatto sul meta game da far venire il capogiro. Abbiamo spesso parlato di “rivoluzione” imminente via via che i nuovi contenuti venivano lanciati nella locanda e per forza di cose dobbiamo confermare questa ipotesi anche oggi: il come siano state modificate Sghigno il Pirata, Raza l’Incatenato, l’Incubo d’Ossa e l’Orrore dei Cunicoli determinerà sicuramente un meta completamente diverso da quello odierno.

Se poi pensiamo anche che questo futuro meta (che inizierà con l’update della patch 10.2 a Febbraio) durerà giusto fin quando non uscirà la nuova espansione (la cui uscita dovrebbe essere prevista tra Marzo ed Aprile e quindi orientativamente un uno/due mesi) con il nuovo anno Standard della Locanda possiamo immaginare che genere di caos si intraveda all’orizzonte.

Partiamo dal presupposto che dal nostro punto di vista, e da quello di tre dei nostri giocatori del team (PignasMeliadorJackTorrance), i nerf decisi da Blizz sono giusti ma probabilmente anche, per certi aspetti, in “ritardo”.
Citando il caro Meliador, egli afferma: “Trovo molto tardivo il nerf a Sghigno, soprattutto dopo quello all’Ascia Ardente che venne fatto prevalentemente per distruggere il mazzo pirate del Guerriero, poteva essere nerfato direttamente in quel caso per poi mettere l’Ascia Ardente nella hall of fame ad aprile“.
Effettivamente il nerf a Sghigno il Pirata cosi come quello a Raza l’Incatenato poteva essere promosso prima…ma certamente meglio tardi che mai (almeno ringrazieranno i giocatori WILD).

Al contrario, i nerf all’Incubo d’Ossa e all’Orrore dei Cunicoli necessitano di un’analisi lievemente più approfondita: queste carte sono uscite relativamente poco tempo fa e se nel caso dell’Incubo d’Ossa possiamo concordare (dato che la carta non è stata stravolta e, molto probabilmente, potrebbe continuare un minimo ad essere giocata) non riusciamo a spiegarci il come l’Orrore dei Cunicoli possa essere stato stravolto in questo modo.
Quando una carta uscita da cosi poco tempo viene stravolta in questo modo netto potremmo anche pensare che, evidentemente, il lavoro di test della carta stessa prima che questa venisse aggiunta sul server live di Hearthstone non è stato adeguato.

Delle tre carte nerfate una (Incubo d’Ossa), forse, potrebbe ancora trovare uno spazio nel competitivo, un’altra (Raza l’Incatenato) è molto probabile scomparirà rapidamente mentre per le ultime due, il caro Sghigno il Pirata ed il “giovane” Orrore dei Cunicoli è sostanzialmente Game Over: non li giocherà più nessuno e, forse, non verranno giocate neanche in mazzi for fun dato che non hanno praticamente più alcuno scopo.
Che uno condivida o meno il fatto che spesso Blizzard polverizzi mediante nerf alcune carte è imprescindibile il fatto che cosi è e cosi sarà sempre: il cercare di diminuire l’impeto di determinate carte “rotte” può anche facilmente produrre delle situazioni per le quali le carte stesse passano dall’essere “best in slot” ad essere scomode anche solo da avere in collezione.

La domanda che ora dobbiamo porci è invece cosa ci riserva il futuro del competitivo, considerato anche che (come dicevamo ad inizio articolo) il prossimo meta dovrebbe durare un mese o poco più data l’imminente uscita della prossima espansione (prevista tra Marzo ed Aprile) e del nuovo anno di Hearthstone?

In molti affermano che su tutti, il principale candidato al ruolo di dominatore incontrastato potrebbe essere Gul’Dan con il suo Control/Cube Warlock dato che sia il Tempo Rogue che il Razakus dovrebbero subire dei colpi talmente duri da sopportare che è fortemente in dubbio la loro futura presenza nella ladder.
Secret Mage, Murloc Paladin e Dragon Combo Priest dovrebbero invece giovare di questi nerf mentre è molto dubbia la svolta che potrebbe prendere la cara Valeera: opterà maggiormente per il Miracle? O davanti ad un meta più Control si opterà infine per il ritrovato Quest?

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701