ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

Nerf al Patron Warrior: cancellare un deck è la mossa vincente? Il parere dei Pro:

Profilo di Stak
 WhatsApp

Da diverse ore la community internazionale di Hearthstone è sostanzialmente protagonista di una delle discussioni più caotiche e furibonde mai viste prima nella Locanda.
Se erano tantissimi i giocatori che chiedevano un intervento di Blizzard sulla questione della quasi totale imbattibilità del Patron Warrior, sono stati sempre tantissimi i membri della community che ieri, dopo un primo momento di entusiasmo, hanno fatto notare come non vada comunque bene cancellare a tempo indeterminato un intera tipologia di deck dalla Locanda.

Alcuni dei meravigliosi Meme pubblicati sulla pagina Order of the Silver Hand

12118983_905222152864156_6425957112842827472_n

E’ sicuramente difficile, specie per un’azienda come Blizzard, sperare che la gigantesca utenza a cui si rivolge sia sempre favorevole alle scelte che lo staff di Irvine opera sui suoi più amati e maggiori titoli; è però anche vero che davvero nessuno poteva aspettarsi un tale intervento: una vera bomba atomica che, utilizzando una colorata metafora, ha detto “Ok, fino a questo momento hai dominato…ora scompari…e fallo pure in fretta“.

Nerfare il “Playmaker ” (sportivamente, il regista del mazzo) di una squadra equivale a mandare in frantumi la squadra stessa e, nel caso quella squadra non abbia registi di riserva, può significare l’estinzione istantanea del team…questa cosa sta già prepotentemente accadendo e sulla testa dei poveri Cliente Torvo  è apparso uno spietato orologio che recita “Ti restano ancora pochi giorni per fare il bello ed il cattivo tempo di Hearthstone, poi verrai polverizzato“.

12141674_905225949530443_5175559643399044943_n

A partire dalla settimana prossima il meta cambierà ancora una volta: perchè, oltre ovviamente alla certa e prossima assenza dal Tier1 del Meta Tier List (ma anche dal Tier2 e dal Tier3) del Patron Warrior, sarà inesorabile la modifica dei mazzi cosi come li conosciamo ora.
Una grande moltitudine di liste attuali ruota o è stato appositamente settato per affrontare al meglio possibile il Matchup contro il Patron War; venendo a mancare l’acerrimo nemico cesserà, molto probabilmente, anche l’essenza stessa della maggior parte di questi deck (scatenando la liberazione di quei deck che soffrivano i mazzi “alfieri” nell’era del Patron Warrior).

Uno dei fattori che però in questo momento non è stato per nulla discusso è il futuro del gioco.
Per noi spettatori è chiaro solo quello che succede nel presente non avendo noi la possibilità di conoscere anticipatamente quelli che sono i piani Blizzard.
Un cosi duro nerf potrebbe essere giustificato da quelle che saranno, in futuro, le scelte operate dai creatori di Hearthstone. In proposito volevamo ricordare a tutta la community che presto, molto probabilmente già alla Blizzcon fra poche settimane, verrà annunciata una nuova avventura di Hearthstone: quante possibilità ci sono che questa modifica sia stata fatta non solo in chiave contemporanea ma anche futura (dando per scontato che, quasi certamente, in Blizzard hanno già un quadro ben chiaro di quella che sarà la prossima avventura)?

 

Parlando del Meta attuale, secondo i giocatori del nostro Team (ipotesi confermata anche dalla maggior parte della community) il Meta potrebbe tornare a pullulare di mazzi aggressivi: Face Hunter, Eboladin e compagnia erano mazzi che trovavano poco spazio a causa del Patron Warrior (un merito questo, che poche volte è stato espresso e che oggi, inesorabilmente, torna prepotentemente alla ribalta) ma che adesso, con l’assenza del loro “controllore” torneranno prepotentemente alla ribalta e, con loro, anche i mazzi che meglio li counteravano ristabilendo (almeno in parte) gli equilibri che abbiamo visto durante l’inverno passato.
Non da meno, bisognerà osservare attentamente quella che sarà la nuova cavalcata del Secredin…mazzo che secondo i più illustri esponenti della community si piazzerà stabilmente in prima posizione nel Tier1 rimanendoci, molto probabilmente, fino a nuovo ordine.

Questo il parere di Lik, esperto giocatore del nostro team e recente partecipante al Last Call per gli europei di Hearthstone:

Con questo nerf il secredin sarà più forte di prima visto che gli hanno tolto il suo matchup peggiore; credo anche che aumenteranno gli aggro perchè forti contro Secredin (Eboaldin e Face hunter nello specifico), mentre il Druid resterà probabilmente top tier come ora visto che con patron se la giocava al 50% (più o meno ovviamente). Per quanto riguarda l’Handlock credo che farà una bruttissima fine visto che lo priveranno del motivo per il quale era top tier e dovremo affrontare orde di aggro ignoranti. Tutto questo è ovviamente  ed assolutamente soggettivo come punto di vista

Secondo Thufull e Cloudascris invece questa situazione potrebbe portare notevoli migliorie a mazzi dimenticati come Shaman o Rogue
Cloudascris: “Se crepa l’handlock ed il control war perde qualcosa rispetto ad ora, allora potrei osare un pronostico: il nerf del Patron porterebbe ad un Rogue magari anche in Tier 2; oltre a questo, vedremmo nuovamente il Midrange Hunter in grande forma“.

Thufull: “Io la penso come Clouda, con il nerf del Patron Rogue e Shaman potrebbero essere viable, Tier2 o 3 ma comunque viable; è altamente probabile che rivedremo in gran forma il DemonZoo e, sempre come afferma il capitano, il Midrange Hunter che probabilmente sfonderanno nuovamente in Tier1“.

Prima di lasciarvi vogliamo segnalarvi l’interessante video di Aerumna nel quale, oltre al nerf di ieri, viene affrontato un discorso più generale anche su altri servitori celebri della Locanda passati velocemente dalle “stelle al nulla cosmico”.

Cosa ne pensate voi? Come pensate impatterà sul meta questo notevole indebolimento del Patron? Anche voi credete che l’indebolimento è stato troppo duro?

Questione cheating: anche l’italiano DroodThund3r vittima di streamsniping

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Streamsniping Qualifiers – Purtroppo la questione cheating/hacking su Hearthstone sta prendendo una brutta piega: sono sempre di più i casi in cui giocatori professionisti accusano altri di star cheattando o usando hack per avere la meglio in Ladder o torneo.

Il caso più fresco è quello del noto streamer e professionista italiano DroodThund3r che poche ore fa ha subìto un brutto caso di streamsniping durante uno dei tornei Qualifiers di oggi, come potrete leggere dai post che vi allegheremo.

Ma partiamo dal contesto: Luca “Thund3r” Altena stava giocando i suoi turni di Qualifiers quando ha incontrato il giocatore Fransman in uno di questi. Per Thund3r, l’avversario ha fatto giocate discutibili durante le partite, ma ha stuzzicato ancora di più il suo dubbio soprattutto la presenza di Fransman nei nomi dei viewers della sua live di Twitch.

Questo perché, nel mentre, Thund3r stava streammando il torneo sul suo canale Twitch, senza delay. Le prove sono quasi diventate certezza quando, in chat, l’avversario è scomparso dopo aver ricevuto da Thund3r richiesta di delucidazioni sul caso.

A quel punto Thund3r ha pubblicato un post sul suo profilo Twitter chiedendo a Blizzard di agire come fatto per Jay Huang che, sottolineiamo, è stato bannato per streamsniping (ed altro, qui potete seguire tutta la vicenda) per partite in Ladder. Qui si parla, invece, di partite di torneo.

Risoluzione

Gli admin del torneo, comunque, sono stati molto disponibili ad analizzare il caso ed hanno effettivamente squalificato Fransman dal torneo (dando la vittoria a Thund3r), poiché lo streamsniping è severamente vietato dal regolamento. Gli admin, però, si sono raccomandati a Luca Altena di utilizzare un delay in futuro per prevenire tutto ciò, anche perché non sono sicuri di poterlo aiutare anche in casi futuri.

Ovviamente appoggiamo la Blizzard in questo caso condannando qualsiasi tipo di atteggiamento o azione che sia minimamente contro il regolamento, quindi hacking, cheating ed exploit. E siamo fiduciosi che queste azioni possano essere intraprese contro tutti coloro che agiscono in questo modo, per un futuro migliore del gioco.

Che ne pensate di questa situazione? Fateci sapere la vostra…

In arrivo un IMPORTANTE aggiornamento per Battaglia: il reveal agli streamer

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

AGGIORNAMENTO – Patch notes dal 20 Gennaio che sarà live il 25. In arrivo anche bilanciamenti alla Wild e allo Standard e nuovi Mercenari

La tanto attesa notizia di un nuovo aggiornamento é appena arrivata, o almeno un suo teaser molto appetitoso. Blizzard ha deciso di stuzzicarci con un post che annuncia l’imminente arrivo di una patch per Battaglia e Duelli.

Stavolta inaspettatamente, sul forum e sui social Blizzard é apparso un messaggio che preannuncia un “IMPORTANTE e gratuito aggiornamento alla Battaglia” che sembra possa sconvolgere tutti gli eroi con una nuova meccanica.

Non si sa ancora nulla, perché Blizzard tiene il segreto, ma ha svelato che il reveal di tutte le informazioni sarà fatto da alcuni streamer designati (che trovate con il comunicato in allegato), tra il 18 ed il 20 Gennaio.

Poi, il 20 Gennaio 8 giocatori proveranno in anteprima la nuova patch presentandola cosí a tutta la community di Hearthstone con dei misteriosi “Amici”.

Cosa sarà in arrivo? Fateci sapere la vostra, nel mentre vi lasciamo al comunicato ufficiale di Hearthstone (leggibile al completo anche QUI)

Comunicato Blizzard

La settimana di presentazione della Battaglia inizia il 18 gennaio!

La prossima patch di Hearthstone include un IMPORTANTE e gratuito aggiornamento alla Battaglia! Per festeggiarlo, lanceremo la nostra prima settimana di presentazione della Battaglia. Unisciti ai nostri creatori di Hearthstone la prossima settimana, a partire dal 18 gennaio, per scoprire una nuova meccanica e tonnellate di nuovi contenuti che modificheranno questa modalità di gioco per ogni singolo eroe!

18 gennaio

19 gennaio

Guarda 8 grandi giocatori della Battaglia, ciascuno con un nuovo Amico da guidare, sfidarsi testa a testa in una speciale e divertente anteprima della nuova patch! Il 20 gennaio, dalle 19:00 alle 23:00 CET, guarda uno dei seguenti canali per conoscere gli Amici di cui tutti stanno parlando:

Alleanza vs Orda: ecco i numeri della vittoria di Vanndar e della sua Fazione

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Un paio di giorni fa vi abbiamo raccontato di come, nella Guerra tra Fazioni, l’Alleanza ne sia uscita trionfante andando a sconfiggere la Fazione dell’Orda, raccogliendo più punti Onore nel tempo prestabilito. Ma tutto ciò come è accaduto?

Blizzard ha appena pubblicato un report con i maggiori dati statistici validi per poterci fare un quadro più completo della competizione e della vittoria finale. Innanzitutto sono stati di più i giocatori a scegliere l’Alleanza piuttosto che l’Orda.

Questo ovviamente ha portato un vantaggio iniziale davvero elevato, ben 57% dei giocatori aveva scelto Vanndar e 43% Drek’Thar. Con ciò però, essendo più giocatori dell’Alleanza in gioco, i giocatori dell’Orda hanno avuto una media di punti Onore guadagnati più alto (ogni vittoria contro la Fazione opposta erano 40 punti), ma la loro minoranza numerica li ha condannati.

Neanche il fatto che l’Orda avesse giocato più partite dell’Alleanza (7%/8% in più) ha permesso il sorpasso e la battaglia si è chiusa con il 55% dei punti Onore totali a favore dell’Alleanza (4,7 miliardi) contro il 45% (3,9 miliardi) dell’Orda.

Blizzard ci informa anche della statistica sul Percorso Onore, tutta quella serie di Missioni utili a farci sbloccare carte della nuova espansione e la versione dorata della leggendaria della Fazione opposta a quella da noi scelta:  il 9,9% dei giocatori coinvolti l’ha terminata entro la fine della battaglia. Ma non temete, per coloro che non l’hanno completata ancora, questa andrà avanti fino alla prossima espansione, in arrivo intorno al mese di Aprile.

Vi ricordiamo che, con la vittoria dell’Alleanza, tutti i giocatori riceveranno più avanti una copia Diamante di Vanndar Piccatonante.

Che ne pensate di questi dati? Chi avete scelto voi? Fateci sapere la vostra…