ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Montagna Roccianera: chi è la protagonista della nuova avventura?

Montagna Roccianera: chi è la protagonista della nuova avventura?

Profilo di Stak
 WhatsApp

La Montagna Roccianera sarà, molto probabilmente, la prossima protagonista delle nuova espansione/avventura di Hearthstone. Con buona probabilità, questa nuova feature dovrebbe essere estremamente simile a quella che è stata “La Maledizione di Naxxramas” uscita ad Agosto del 2014.
Se cosi dovesse essere, molto presto ci ritroveremmo ad affrontare diversi nuovi Boss nella locanda più celebre del mondo videoludico che, una volta sconfitti, ci garantirebbero tante nuove carte che sconvolgerebbero (come del resto è sempre stato) il meta di Hearthstone.
Proprio il meta, specialmente nelle ultime settimane, si è sostanzialmente fermato ed è rimasto completamente invariato se non per delle piccole e neanche importanti differenze: è quindi estremamente importante, a prescindere da quello che verrà comunicato durante il Pax East, che vi siano delle novità in arrivo che portino una “ventata di aria fresca” nel fantastico gioco di carte Blizzard.

Durante questi ultimi giorni, tantissimi sono stati gli indizi rilasciati, anche da Blizzard, circa l’importante release in arrivo e vediamo ora di fare un veloce recap su quanto fin qui reso noto:

  1. I primi a parlarne sono i ragazzi del team di Hearthpwn che, grazie al Data Mining, hanno scoperto un nuovo cardback dedicato a Molten Core ottenibile mediante il “purchase BrM presale“: cos’è BrM? Da qui la prima deduzione…BrM starebbe per BlackRock Mountain? la Montagna Roccianera appunto? (Clicca qui per la news completa)
  2. A seguito del data mining, iniziano a circolare in rete alcune foto con delle nuove carte che, almeno ad una valutazione superficiale, potrebbero non essere Fake e che, comunque, sono appunto a tema Montagna Roccianera. (Clicca qui per la news completa)
  3. La Blizzard rilascia il primo dei 3 indizi fin qui resi pubblici: l’elementale del fuoco nella pagina web. (Clicca qui per la news completa)
  4. Sempre la Blizzard continua con altri due indizi: Una foto di Hogger a Redrige Mountains e, sempre nel sito principale, le carte dimostrative nella home page che hanno tutte un solo “punto di congiunzione”: Montagna Roccianera appunto. (Clicca qui per la news completa su Hogger) (Clicca qui per la segnalazione delle carte)

A questo punto, sembra praticamente confermato quale sarà la destinazione di tutti i giocatori di Hearthstone nel prossimo futuro…ma cos’è la Montagna Roccianera e perché dovrebbe essere cosi interessante da farci ruotare attorno una nuova avventura?

La Montagna Roccianera è un’imponente montagna sul confine fra le Steppe Ardenti e la Gorgia Rovente venutosi a creare quando, durante la Guerra dei Tre Martelli, Thaurissan (Signore dei Nani Ferroscuro) evocò il terrificante Lord Elementale Ragnaros liberandolo dalla sua prigionia sotteranea per potersi servire della sua potenza e vincere la guerra contro i clan Bronzebeard e Wildhammer!

A seguito della sua liberazione però, Ragnaros uccise Thaurissan e soggiogò il clan dei Ferroscuro rendendoli suoi schivi cosi da costringerli a scavare tanti tunnel sotterranei creando una vera e propria città nel cuore della montagna che fosse sotto il suo dominio!
I Nani la soprannominarono poi Bastioni di Roccianera!

Il momento della liberazione di Ragnaros!
Il momento della liberazione di Ragnaros!

L’imponente fortezza scavata nelle viscere magmatiche della Montagna Roccianera fu opera dell’abile architetto nanico Franclorn Forgiabruna. Simbolo della potenza dei Nani Ferroscuro, la fortezza ha resistito per secoli sotto il dominio di questi sinistri Nani.
I Bastioni rimasero nelle mani dei Nani asserviti a Ragnaros fino agli eventi della Prima Guerra, quando con il suo arrivo il clan Orchesco Roccianera prese il controllo della parte superiore della montagna (i Bastioni appunto) grazie alla guida del loro capo Rend Manonera che successivamente stringerà un patto con il reggente del Black Dragonflight: Nefarian, il figlio di Alamorte, che avrebbe in seguito reso noto cosa aveva in mente da fare dei Bastioni di Roccianera.

Nefarian e i Draghi al suo seguito presero cosi il controllo dei Bastioni Superiori e, una volta dichiarato guerra ai Nani insediati nelle profondità vulcaniche della montagna, occuparono ciò che rimaneva dei Bastioni mettendo a difesa della vetta i generali della sua armata in continua espansione, tra cui il Capoguerra dell’Orda Oscura Rend Manonera.
Le creature originate dai malefici esperimenti di Nefarian fuoriescono senza sosta dai Bastioni di Roccianera minacciando di invadere le terre confinanti.

Dopo tanti anni da questi eventi, si scatenò la Seconda Guerra nella quale proprio la Montagna Roccianera divenne il quartier generale dell’Orda; al termine di questa importante guerra, fu proprio nella celebre montagna che si tenne una delle battaglie più cruente della storia di Azeroth, l’Assalto a Blackrock Spire.

Ragnaros e Nefarian si contesero per anni il controllo e la supremazia sulla montagna; il Signore Elementale con il controllo dei Nani Ferroscuro, i macchinari da guerra, una possente armata di elementali, golem, bestie e luogotenenti come Barone Geddon, Garr e Sulfuron da un lato e Nefarian che invece controllava dal suo imponente trono il clan orchesco dei Roccianera, una piccola armata di troll e ogre e una serie di creature nate dai suoi esperimenti dall’altro.

In definitiva, i due rivali controllarono l’uno la montagna (Nefarian) e l’altro il cuore e le viscere della stessa (Ragnaros) in attesa di scatenare le loro forze su Azeroth e fino a quando non vennero entrambi sconfitti dalle forze dell’Orda e dell’Alleanza che sacrificarono molti valorosi combattenti per garantire il futuro del mondo!

La Montagna, ospita o ha ospitato i seguenti contenuti PvE:

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai sappiamo tutti noi che questa settimana non ci saranno notizie degne di nota, o nello specifico, non arriveranno bilanciamenti ai mazzi/classi di Hearthstone. Ma allora quando arriveranno effettivamente?

Difficile avere una risposta esatta, ma dalle mosse passate di Blizzard possiamo fare qualche ipotesi non tanto campate in aria. Ma partiamo da ciò che sappiamo con certezza.

Quello che è sicuro al momento è che non ci saranno bilanciamenti (quindi nerf o buff) durante tutto il periodo del prossimo Masters Tour. Ciò ci fa escludere quindi almeno tutto questo fine settimana, dato che domani comincerà il torneo e che questo terminerà solamente Domenica.

Allo stesso modo, e per la stessa ragione, riteniamo del tutto improbabile una mossa prevista per la giornata di oggi.

Nulla, però, esclude che oggi possano sopraggiungere delle “anticipazioni” riguardo a nuove tornate di bilanciamenti per la settimana prossima. Dai vecchi bilanciamenti, considerando che quelli in arrivo (dal nostro punto di vista) sono già pronti, si può presumere che non possano arrivare più tardi di Lunedì 15/Martedì 16 (quest’ultimo giorno prediletto di Blizzard per le news, insieme al Giovedì).

La data più papabile, per tradizione, è sicuramente Martedì, con un annuncio il giorno precedente, ma c’è da aggiungere un possibile ritardo per il periodo estivo, soprattutto Ferragosto, anche se non abbiamo certezza delle tradizioni americane.

Se dovessimo mettere su una scommessa, diremmo Martedì 16, con annuncio il Lunedì, anche se nulla vieta un (SOLO) annuncio già quest’oggi (seppur molto improbabile).

A questo punto non ci resta che attendere la notizia ufficiale. E voi che ne pensate? Quando arriveranno i bilanciamenti?

Articoli Correlati:
Sì, la Rissa è ancora una modalità di HS. Cosa potrebbe salvarla dall’oblio?

Sì, la Rissa è ancora una modalità di HS. Cosa potrebbe salvarla dall’oblio?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai alla maggior parte dei giocatori di Hearthstone la cosa sarà totalmente sfuggita dalla mente e soprattutto dagli occhi, ma sì, la Rissa è una modalità di Hearthstone, anche abbastanza costante. Siamo sicuri che l’avevate dimenticato.

Al di là degli scherzi vogliamo proprio porre l’attenzione su questa modalità rinnegata dai giocatori. Non abbiamo dati alla mano, ma siamo sicuri che le ore totali di gioco su questa modalità sono davvero poche.

Ma qual è il problema della Rissa? Sicuramente l’assenza totale di rigiocabilità, il che suona paradossale in una modalità in cui puoi rigiocare all’infinito. Al di là, però, della ricompensa settimanale, non ci sono infatti altri stimoli che portano alla sua giocabilità.

Non c’è una classifica, non ci sono nuove Risse in uscita (e capiamo che Blizzard non voglia al momento sprecarci risorse): modalità da una giocata e via. Si ottiene la busta settimanale e poi la si riapre dopo 7 giorni, se tutto va bene. Ci sono poi anche giocatori che non hanno bisogno di bustine e quindi evitano anche di farla.

Ma quale potrebbe essere effettivamente la soluzione?

C’è bisogno di un rework

Difficile ipotizzarlo, ma inserire ricompense diverse, che richiedano anche più sforzo per ottenerle, sarebbe già un passo in avanti. Ovviamente per fare ciò si dovrebbe aumentare l’appeal della modalità, non basta cambiarne le regole settimanalmente con il ritorno SEMPRE degli stessi eventi.

E se proprio gli eventi intra-Hearthstone (come Halloween, Natale, Inverno ed Estate ecc..) fossero incentrati quasi esclusivamente sulla Rissa? Immaginate una 7 giorni (o magari anche di più) solo ed esclusivamente sulla Rissa, con partite speciali diverse ogni giorno e che portino a tutta una serie di ricompense speciali. Tanto la Constructed verrà giocata a prescindere, con o senza eventi, ma la Rissa non ha senso di esistere al di fuori.

In tutto ciò, se dovesse interessarvi, questo è giorno di Rissa e per 7 giorni si giocherà a Cloneball. Andate e riscattate la vostra bustina settimanale!

Che ne pensate? Vorreste un rework totale di questa modalità?

Articoli Correlati:
Liste off-meta: come scalare con deck meno noti, ma altrettanto forti

Liste off-meta: come scalare con deck meno noti, ma altrettanto forti

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Mazzi Off-Meta – Siamo ancora un po’ lontano dall’arrivo dei prossimi bilanciamenti di Hearthstone, come annunciato dai suoi sviluppatori. Quindi per un po’ dovremo giocare con i mazzi del momento, ma se volessimo cambiare un po’?

I mazzi meta ormai sono sotto gli occhi di tutti, ImpLock, Skeleton Mage, Ramp Druid, Face Hunter, ma non tutti vogliono giocare con gli stessi deck. Per questo proveremo a consigliarvi alcune “nuove liste” che hanno ottenuto anche ottimi risultati.

Partiamo dal Rogue che cerca di raggiungere i suoi colleghi con alcune delle sue migliori versioni. In questo caso vedremo il Miracle Rogue che cerca con la Necrosignora Draka di abbattere l’avversario a colpi di arma con decine di punti d’Attacco.

Ci sono, poi, anche versioni di classi Top Tier che hanno però meno successo in community, come l’Aggro Druid o il Renathal Evolve Shaman, ancora in cerca di consolidamento, ma già ad un passo dai mazzi migliori.

Chiudiamo con altre due liste: l’Abyssal Curse Warlock che a differenza di come sembra sta ricevendo sempre più consensi grazie ai suoi risultati negli alti ranghi della Ladder; e poi il Fel Demon Hunter, forse l’unica versione del DH che può racimolare qualche win nel meta.

Le liste

Che ne pensate di queste liste off-meta?

Articoli Correlati: