Mondiali di Hearthstone, è la fine di un’era: nessun europeo in semi (non accadeva dal 2014)

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Le finali dei mondiali di Hearthstone che, per la prima volta, si stanno giocando ad Amsterdam non sono state per nulla positive per la scena europea della Locanda. Quella che sarebbe potuta essere una definitiva consacrazione per la community del Vecchio Continente con un Campione del mondo premiato ed acclamato dal pubblico Europeo si è invece rivelata essere la prova più fallimentare per i giocatori dell’Europa dal lontanissimo 2014.
Era stata appunto nel 2014 la prima ed anche l’ultima volta che si registrò la totale assenza degli europei nelle semi finali di un mondiale di Hearthstone quando proprio il nostro Kaor si fermava ai Quarti di Finale (insieme a Kolento) venendo sconfitto da Firebat (che poi diventerà il primo Campione del Mondo di Hearthstone).
Nel 2015 e nel 2016 abbiamo invece assistito ad una presenza molto più importante degli europei nelle fasi finali della competizione: nel 2015 furono due i giocatori del Vecchio Continente presenti in Top4 ed uno di questi, Ostkaka, vinse il titolo iridato.
L’anno successivo la situazione migliorò ancora con sempre due giocatori europei in semi ma, questa volta, entrambi vincitori nelle rispettive sfide e con una finale “derby” che ha visto un russo (Pavel, poi campione del mondo) contrapposto ad un ucraino (DrHippi).

Anche il 2017 sembrava seguire le stesse orme del precedente biennio: gli Europei si presentavano in Top16 con la squadra più grande (6 giocatori in tutto contro 5 Americani e 5 asiatici) e vedendo i nomi che i vari continenti avevano schierato tutto faceva pensare ad una top4 in cui alcuni giocatori del Vecchio Continente sarebbero stati sicuri protagonisti.
Cosi non è stato ed alla già fallimentare fase a gironi, in cui sono usciti Kolento, Hoej, Neirea ed Orange  è seguita una Top8 all’interno della quale sia Sintolol che StanUdachi sono stati eliminati dallo statunitense Fr0zen e dal coreano Surrender.

Come dicevamo ad inizio articolo, per la prima volta dal 2014 le semifinali del mondiale saranno un qualcosa che riguarderà unicamente Taiwan, Stati Uniti, Corea del Sud e Cina ed in cui Fr0zen sarà l’unico giocatore non asiatico in competizione.
Il 2018 competitivo è ormai iniziato ed è bene che la scena europea, da sempre contraddistinta dal fatto di possedere una marcia in più nell’Hearthstone eSportivo, torni ad essere rappresentata dove merita.

Fra pochi minuti inizierà la fase finale di questo torneo (potrete seguire la diretta e consultare tutte le informazioni sull’evento cliccando qui) con i talentuosi Surrender e Fr0zen contrapposti al costante Tom60229 ed al solidissimo JasonZhou.
A meno di una vittoria di Fr0zen, questa sera e per la prima volta avremo un Campione mondiale di Hearthstone proveniente da Taiwan, Corea del Sud o Cina e questo fatto, indiscutibilmente, caratterizzerà il futuro di Hearthstone in uno di questi paesi per tutto il 2018.
Dove troverà casa la coppa? A chi sarà consegnato il titolo di Campione del Mondo del 2017?

La risposta fra poche ore…pronti a celebrare il nuovo leader del ranking globale? 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701