Molti Odd Aggro Mage nella Ladder: è questo l’archetipo più rapido per scalare?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

In questi primi giorni del periodo “post nerf” vige nel meta della locanda un positivo caos, ed a causa di questo è impossibile capire quali siano i mazzi migliori o i mazzi peggiori da usare in ladder.
Con il passare dei giorni il meta tornerà a stabilizzarsi ma fino ad allora sono e saranno moltissimi i deck che proveranno ad “assaltare” il tier 1 della classifica, cercando di insidiare il loro nuovo “dominio” sugli altri mazzi pretendenti.
Uno dei potenziali aspiranti per questo ruolo sembra al momento essere l’Odd Aggro Mage, lista di Jaina chiaramente votata a colpire i punti vita avversari con diverse armi “control” a disposizione.

Questo particolare aggro potrebbe essere quasi considerato con un Midrange più che come un Aggro duro e puro; nella lista trovano spazio anche carte come Jan’Alai, il Dragofalco (grazie al quale avremo al 100% un devastante Ragnaros) il Fungomante o l’Automa Meccanico grazie ai quali avremo una board sicuramente più solida ed equilibrata.

Voi cosa ne pensate di questa lista? Avete avuto modo di provarla nelle ranked?
Dal canto nostro, potrebbe essere la prima lista consigliata da provare in questo momento per delle rapide scalate dato che poche ore fa anche la giocatrice Pathra ha dato prova delle capacità del deck (oltre che delle sue ovviamente), raggiungendo il Legend dal rank 2 senza perdere neanche una partita (stando alle dichiarazioni della giocatrice).
Di seguito la lista in questione:

ClasseNome Mazzo  Costo  
Odd Aggro Mage di Pathra da rank 2 a Legend  8080   
Odd Mage di Apxvoid  9900   
Aggro Odd Mage da #21 Legend di Stewartia  8380   

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.