ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Mentalità vincente ed Hearthstone!

Mentalità vincente ed Hearthstone!

Profilo di GVC
 WhatsApp

Come il nostro atteggiamento può modificare i nostri risultati in Hearthstone? A questa fondamentale domanda LBYS ha risposto in un articolo, di seguito tradotto, nel quale passa in rassegna vari scenari tipici di Hearthstone. Buona lettura!

L’aspetto mentale in Hearthstone è probabilmente più importante che affinare al massimo le proprie abilità. Hoej un giocatore del team Na’Vi ha scritto in un articolo di qualche tempo fa i suoi pensieri sul RNG e su come la bravura sia determinante nel breve/lungo periodo. Molti ritengano che lui abbia affinato il suo mind-game mentre il resto dei giocatori “professionisti”  stiano ancora provando a ottimizzare le loro abilità. Questo articolo coprirà alcune situazioni dove l’attitudine mentale può modificare il game a priori. Io per primo commettevo questi errori, ed ancora adesso posso valutarne la gravità dopo averli corretti.

Durante un Torneo

954HX2WHHUTY1400722573052

Soprattutto durante un torneo, può essere importante restare concentrati sulla partita che si sta svolgendo. Io personalmente scrivo le classi del mio avversario su un foglio che tengo con me così da non dover ricercarle tra un game e l’altro. Essere 0-2 o 2-0 in una partita B0-5 è chiaramente diverso, ma la lineup (la scelta dei mazzi) può vederci essere ancora davanti nonostante si sia sotto di 2 game. E’ qui che diventa importantissimo restare attenti sulle giocate e solo su quelle. Non bisogna ricadere nell’idea “Ok. Questa partita è persa cosa gioco nel prossimo game?” finché la partita non è davvero finita. In genere, ho una playlist di canzoni che mi aiuta a mantenere la concentrazione per la durata del torneo. Inoltre anche se la giocata è semplice è bene pensarci cinque secondi in più e chiedersi se quella mossa potrebbe risultare incorretta prima di procedere. Giocare col “pilota automatico” è un’ottima cosa nella ladder, ma da evitare in torneo.

Dopo un Torneo

thinking[1]

 

Dopo la fine di un torneo, ripercorrere ciò che è successo e riflettere su possibili errori, o su come migliorare la lineup (come deck, o come carte) può migliorare tantissimo la resa. Vedo molta mentalità “tossica” di spammare quanto sfortunati si è stati o quanto fortunato sia stato il nostro avversario e su come questa sia stata la ragione della nostra sconfitta. D’un tratto ci si autoconvince che essa sia stata l’unica motivazione possibile considerandosi giocatori perfetti. Molto raramente ho visto qualcuno ammettere l’errore e assumersi la responabilità della sconfitta.  Un game di Hearthstone può essere deciso da una giocata fatta nei primi cinque turni, ma può anche essere perso per un topdeck avversario al sedicesimo o così via. Anche ammettendo di aver giocato perfettamente è molto più corretto mentalmente capire che questo gioco richiede molta più skill di quanto comunemente pensato. Più si discuterà su quanto siamo stati sfortunati:

  1. Più ignoreremo le partite nelle quali siamo stati fortunati
  2. Meno daremo importanza a quanto abbiamo ottenuto in un torneo
  3. Meno entreremo nella mentalità  di doverci allenare essendo la nostra sconfitta dovuta solo alla sfortuna

Questo atteggiamento è qualcosa che ho dovuto combattere circa un anno fa. Ho sempre attribuito le mie sconfitte alla sfortuna e le vittorie a come avessi giocato bene. E’ facile imamginare quanto sia negativo per progredire e quanto dia una falsa rappresentazione del nostro livelli di bravura. Hearthstone è un gioco dove i giocatori più solidi vincono. Gestire la pressione è anche un aspetto importante per arrivare a vincere tornei o nei rank migliori della ladder. Questi sono i momenti dove è necessario essere pronti . Ogni giocatore ha qualcosa da migliorare e non ha senso ignorare questo aspetto. Io ero solito giocare un deck in torneo solo se ero in grado di portarlo nelal top100 della ladder. Questa non è la strategia migliore, ma così ero certo di saperlo usare.

Sii consapevole di poter perdere

L’aspetto più importante per me in Hearthstone è essere consapevole che ho bisogno di perdere perché la sconfitta mi darà l’opportunità di migliorare alcuni matchup o imparere maggiormente come giocare un deck. Una volta rimossi gli ostacoli alla crescita personale come stato mentale, si migliorerà più dell’ affinare al massimo le skill di gioco. Essere il miglior giocatore al mondo, ma andare in tilt durante un torneo o nella ladder e lamentarti di ciò sui social media sul perché hai perso:

  1. Ti farà sembrare irrispettoso
  2. Nasconderà i tuoi miglioramenti
  3. Ti farà ignorare i veri aspetti su cui allenarti

Se perdi al primo turno di un torneo e raggiungi la top4 in un altro, cosa è successo? Dopotutto come puoi pensare di essere un top player se non ti alleni? Se non provi diversi deck/carte e non sei consapevole del livello di abilità che questo gioco richiede?

Fonte: vicioussyndicate

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai sappiamo tutti noi che questa settimana non ci saranno notizie degne di nota, o nello specifico, non arriveranno bilanciamenti ai mazzi/classi di Hearthstone. Ma allora quando arriveranno effettivamente?

Difficile avere una risposta esatta, ma dalle mosse passate di Blizzard possiamo fare qualche ipotesi non tanto campate in aria. Ma partiamo da ciò che sappiamo con certezza.

Quello che è sicuro al momento è che non ci saranno bilanciamenti (quindi nerf o buff) durante tutto il periodo del prossimo Masters Tour. Ciò ci fa escludere quindi almeno tutto questo fine settimana, dato che domani comincerà il torneo e che questo terminerà solamente Domenica.

Allo stesso modo, e per la stessa ragione, riteniamo del tutto improbabile una mossa prevista per la giornata di oggi.

Nulla, però, esclude che oggi possano sopraggiungere delle “anticipazioni” riguardo a nuove tornate di bilanciamenti per la settimana prossima. Dai vecchi bilanciamenti, considerando che quelli in arrivo (dal nostro punto di vista) sono già pronti, si può presumere che non possano arrivare più tardi di Lunedì 15/Martedì 16 (quest’ultimo giorno prediletto di Blizzard per le news, insieme al Giovedì).

La data più papabile, per tradizione, è sicuramente Martedì, con un annuncio il giorno precedente, ma c’è da aggiungere un possibile ritardo per il periodo estivo, soprattutto Ferragosto, anche se non abbiamo certezza delle tradizioni americane.

Se dovessimo mettere su una scommessa, diremmo Martedì 16, con annuncio il Lunedì, anche se nulla vieta un (SOLO) annuncio già quest’oggi (seppur molto improbabile).

A questo punto non ci resta che attendere la notizia ufficiale. E voi che ne pensate? Quando arriveranno i bilanciamenti?

Articoli Correlati:
Sì, la Rissa è ancora una modalità di HS. Cosa potrebbe salvarla dall’oblio?

Sì, la Rissa è ancora una modalità di HS. Cosa potrebbe salvarla dall’oblio?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai alla maggior parte dei giocatori di Hearthstone la cosa sarà totalmente sfuggita dalla mente e soprattutto dagli occhi, ma sì, la Rissa è una modalità di Hearthstone, anche abbastanza costante. Siamo sicuri che l’avevate dimenticato.

Al di là degli scherzi vogliamo proprio porre l’attenzione su questa modalità rinnegata dai giocatori. Non abbiamo dati alla mano, ma siamo sicuri che le ore totali di gioco su questa modalità sono davvero poche.

Ma qual è il problema della Rissa? Sicuramente l’assenza totale di rigiocabilità, il che suona paradossale in una modalità in cui puoi rigiocare all’infinito. Al di là, però, della ricompensa settimanale, non ci sono infatti altri stimoli che portano alla sua giocabilità.

Non c’è una classifica, non ci sono nuove Risse in uscita (e capiamo che Blizzard non voglia al momento sprecarci risorse): modalità da una giocata e via. Si ottiene la busta settimanale e poi la si riapre dopo 7 giorni, se tutto va bene. Ci sono poi anche giocatori che non hanno bisogno di bustine e quindi evitano anche di farla.

Ma quale potrebbe essere effettivamente la soluzione?

C’è bisogno di un rework

Difficile ipotizzarlo, ma inserire ricompense diverse, che richiedano anche più sforzo per ottenerle, sarebbe già un passo in avanti. Ovviamente per fare ciò si dovrebbe aumentare l’appeal della modalità, non basta cambiarne le regole settimanalmente con il ritorno SEMPRE degli stessi eventi.

E se proprio gli eventi intra-Hearthstone (come Halloween, Natale, Inverno ed Estate ecc..) fossero incentrati quasi esclusivamente sulla Rissa? Immaginate una 7 giorni (o magari anche di più) solo ed esclusivamente sulla Rissa, con partite speciali diverse ogni giorno e che portino a tutta una serie di ricompense speciali. Tanto la Constructed verrà giocata a prescindere, con o senza eventi, ma la Rissa non ha senso di esistere al di fuori.

In tutto ciò, se dovesse interessarvi, questo è giorno di Rissa e per 7 giorni si giocherà a Cloneball. Andate e riscattate la vostra bustina settimanale!

Che ne pensate? Vorreste un rework totale di questa modalità?

Articoli Correlati:
Liste off-meta: come scalare con deck meno noti, ma altrettanto forti

Liste off-meta: come scalare con deck meno noti, ma altrettanto forti

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Mazzi Off-Meta – Siamo ancora un po’ lontano dall’arrivo dei prossimi bilanciamenti di Hearthstone, come annunciato dai suoi sviluppatori. Quindi per un po’ dovremo giocare con i mazzi del momento, ma se volessimo cambiare un po’?

I mazzi meta ormai sono sotto gli occhi di tutti, ImpLock, Skeleton Mage, Ramp Druid, Face Hunter, ma non tutti vogliono giocare con gli stessi deck. Per questo proveremo a consigliarvi alcune “nuove liste” che hanno ottenuto anche ottimi risultati.

Partiamo dal Rogue che cerca di raggiungere i suoi colleghi con alcune delle sue migliori versioni. In questo caso vedremo il Miracle Rogue che cerca con la Necrosignora Draka di abbattere l’avversario a colpi di arma con decine di punti d’Attacco.

Ci sono, poi, anche versioni di classi Top Tier che hanno però meno successo in community, come l’Aggro Druid o il Renathal Evolve Shaman, ancora in cerca di consolidamento, ma già ad un passo dai mazzi migliori.

Chiudiamo con altre due liste: l’Abyssal Curse Warlock che a differenza di come sembra sta ricevendo sempre più consensi grazie ai suoi risultati negli alti ranghi della Ladder; e poi il Fel Demon Hunter, forse l’unica versione del DH che può racimolare qualche win nel meta.

Le liste

Che ne pensate di queste liste off-meta?

Articoli Correlati: