ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Mazzi Budget: lo Sciamano!

Mazzi Budget: lo Sciamano!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nuova puntata della serie di guide dedicate ai mazzi “economici” di Hearthstone! Questa volta parliamo dello Sciamano Budget aggiornato con le carte GvG!

Dalla Guida…

Questa guida per lo Sciamano Budget vuole essere d’aiuto per tutti i giocatori che, pur non disponendo delle polveri arcane necessarie o delle carte più importanti, vogliono comunque giocare il mitico Thrall ad alti livelli. La guida è fortemente consigliata per chi ha intenzione di iniziare a fare esperienza con le meccaniche di un mazzo Sciamano. Il deck aggiornato è quello usato da WaningMoon, unico giocatore ad aver vinto per ben due volte il Gosu Cup, e richiede per la sua costruzione solo 1000 Polveri Arcane.

Lista Carte

  
sciamano budgetArma Roccia Dura x2
Dardo Fulminante x2
Folgore della Terra x2
Masticatore Zombi x2
Totem del Fuoco x2
Ragno Infestato x2
Lupi Spirituali x2
Maleficio x2
Tempesta di Fulmini x2
Totem del Mana
Difensore di Argus x2
Gnoma Inventrice
Brama di Sangue
Curabot Antico
Draco di Zaffiro x2
Sputafango x2
Elementale del fuoco x2  

 

 

 

Gameplay

Il Budget dello Sciamano, è un deck indicato anche per le ranked, potendo infatti tranquillamente tenere testa ai mazzi più aggressivi mediante le sue rimozioni, e mettere in difficoltà anche i mazzi più Control con l’ingente apporto di danni che le sue creature sono in grado di esprimere.

Cercate di utilizzare le rimozioni come  Dardo Fulminante o Tempesta di Fulmini sui servitori nemici ed il meno possibile sull’eroe avversario. 
State molto attenti però proprio ai vari “Sovraccarico”… se usati con intelligenza, vi permetteranno di avere una marcia in più rispetto al vostro avversario; se invece non fate attenzione, potreste bruciarvi il turno successivo e dare il via libera al vostro avversario. In linea generale, a meno che non se ne abbia l’estrema esigenza, è preferibile usare solo una carta sovraccarico a turno, in special modo durante le fasi iniziali della partita. 

Il Totem del Fuoco è preferibile giocarlo con almeno una provocazione in campo, o comunque assicurandoci che non venga facilmente distrutto dal nostro avversario. Questa carta dovete interpretarla come una carta “Magia” e non come un servitore… è fortemente sconsigliato, ad esempio, giocarlo solo con un piccolo servitore e senza provocazione. Più rimarrà in vita il Totem, maggiori possibilità avrete di vincere la partita. Cercate di giocarlo, a patto anche qui che non vi sia una reale necessità che ci imponga di giocarlo prima, quando pensate che la sua presenza sul board rimanga intatta almeno fino al prossimo vostro turno (ovviamente si parla di probabilità, ma è inutile ribadirlo). Così come il Totem del Fuoco, anche il Totem del Mana è una vostra importantissima risorsa, cercate di dargli quanta più protezione possibile.

Per quanto riguarda il Maleficio, essendo il vostro mazzo particolarmente “veloce” (ma non eccessivamente), non abbiate timore di usarlo anche al quarto turno su di una creatura estremamente minacciosa se non avete altri modi per farla fuori.

Draco di Zaffiro ed Elementale del fuoco  sono i vostri finisher, le vostre principali risorse di danno potenziale. L’Elementale funge anche da importante rimozione grazie ai suoi 3 danni extra. Lo Sputafango invece, sarà il vostro protettore più prezioso e sarà assolutamente consigliato giocarlo insieme ad uno dei fondamentali totem di cui parlavamo prima.

Gestione del Potere Eroe

200px-Totemic_Call(316)

E’ molto importante, non solo nei primi turni, ma ogni qualvolta se ne presenti la possibilità, utilizzare il potere eroe ed evocare un totem. Nonostante la scelta del totem sia del tutto casuale, possiamo influire sulle possibilità di ricevere quello da noi desiderato, a patto di agire oculatamente. Dal momento che i Totem sono unici e non sarà possibile evocarne due uguali allo stesso tempo, mantenere in campo anche quelli meno

 

 

Continua la lettura…

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai sappiamo tutti noi che questa settimana non ci saranno notizie degne di nota, o nello specifico, non arriveranno bilanciamenti ai mazzi/classi di Hearthstone. Ma allora quando arriveranno effettivamente?

Difficile avere una risposta esatta, ma dalle mosse passate di Blizzard possiamo fare qualche ipotesi non tanto campate in aria. Ma partiamo da ciò che sappiamo con certezza.

Quello che è sicuro al momento è che non ci saranno bilanciamenti (quindi nerf o buff) durante tutto il periodo del prossimo Masters Tour. Ciò ci fa escludere almeno tutto questo fine settimana, dato che domani comincerà il torneo e terminerà Domenica.

Questo però ci fa escludere anche qualsiasi mossa prevista per la giornata di oggi.

Nulla, però, esclude che oggi possano arrivare notizie che poi possano verificarsi settimana prossima. Dai vecchi bilanciamenti, considerando che questi dal nostro punto di vista già sono pronti, si può presumere che non possano arrivare più tardi di Lunedì 15/Martedì 16 (quest’ultimo giorno prediletto di Blizzard per le news, insieme al Giovedì).

La data più papabile, per tradizione, è sicuramente Martedì, con annuncio il giorno precedente, ma c’è da aggiungere un possibile ritardo per il periodo estivo, soprattutto Ferragosto, anche se non abbiamo certezza delle tradizioni americane.

Se dovessimo mettere su una scommessa, diremmo Martedì 16, con annuncio il Lunedì, anche se nulla vieta un (SOLO) annuncio già quest’oggi, anche se molto improbabile.

A questo punto non ci resta che attendere la notizia ufficiale. E voi che ne pensate? Quando arriveranno i bilanciamenti?

Articoli Correlati:
Sì, la Rissa è ancora una modalità di HS. Cosa potrebbe salvarla dall’oblio?

Sì, la Rissa è ancora una modalità di HS. Cosa potrebbe salvarla dall’oblio?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai alla maggior parte dei giocatori di Hearthstone la cosa sarà totalmente sfuggita dalla mente e soprattutto dagli occhi, ma sì, la Rissa è una modalità di Hearthstone, anche abbastanza costante. Siamo sicuri che l’avevate dimenticato.

Al di là degli scherzi vogliamo proprio porre l’attenzione su questa modalità rinnegata dai giocatori. Non abbiamo dati alla mano, ma siamo sicuri che le ore totali di gioco su questa modalità sono davvero poche.

Ma qual è il problema della Rissa? Sicuramente l’assenza totale di rigiocabilità, il che suona paradossale in una modalità in cui puoi rigiocare all’infinito. Al di là, però, della ricompensa settimanale, non ci sono infatti altri stimoli che portano alla sua giocabilità.

Non c’è una classifica, non ci sono nuove Risse in uscita (e capiamo che Blizzard non voglia al momento sprecarci risorse): modalità da una giocata e via. Si ottiene la busta settimanale e poi la si riapre dopo 7 giorni, se tutto va bene. Ci sono poi anche giocatori che non hanno bisogno di bustine e quindi evitano anche di farla.

Ma quale potrebbe essere effettivamente la soluzione?

C’è bisogno di un rework

Difficile ipotizzarlo, ma inserire ricompense diverse, che richiedano anche più sforzo per ottenerle, sarebbe già un passo in avanti. Ovviamente per fare ciò si dovrebbe aumentare l’appeal della modalità, non basta cambiarne le regole settimanalmente con il ritorno SEMPRE degli stessi eventi.

E se proprio gli eventi intra-Hearthstone (come Halloween, Natale, Inverno ed Estate ecc..) fossero incentrati quasi esclusivamente sulla Rissa? Immaginate una 7 giorni (o magari anche di più) solo ed esclusivamente sulla Rissa, con partite speciali diverse ogni giorno e che portino a tutta una serie di ricompense speciali. Tanto la Constructed verrà giocata a prescindere, con o senza eventi, ma la Rissa non ha senso di esistere al di fuori.

In tutto ciò, se dovesse interessarvi, questo è giorno di Rissa e per 7 giorni si giocherà a Cloneball. Andate e riscattate la vostra bustina settimanale!

Che ne pensate? Vorreste un rework totale di questa modalità?

Articoli Correlati:
Liste off-meta: come scalare con deck meno noti, ma altrettanto forti

Liste off-meta: come scalare con deck meno noti, ma altrettanto forti

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Mazzi Off-Meta – Siamo ancora un po’ lontano dall’arrivo dei prossimi bilanciamenti di Hearthstone, come annunciato dai suoi sviluppatori. Quindi per un po’ dovremo giocare con i mazzi del momento, ma se volessimo cambiare un po’?

I mazzi meta ormai sono sotto gli occhi di tutti, ImpLock, Skeleton Mage, Ramp Druid, Face Hunter, ma non tutti vogliono giocare con gli stessi deck. Per questo proveremo a consigliarvi alcune “nuove liste” che hanno ottenuto anche ottimi risultati.

Partiamo dal Rogue che cerca di raggiungere i suoi colleghi con alcune delle sue migliori versioni. In questo caso vedremo il Miracle Rogue che cerca con la Necrosignora Draka di abbattere l’avversario a colpi di arma con decine di punti d’Attacco.

Ci sono, poi, anche versioni di classi Top Tier che hanno però meno successo in community, come l’Aggro Druid o il Renathal Evolve Shaman, ancora in cerca di consolidamento, ma già ad un passo dai mazzi migliori.

Chiudiamo con altre due liste: l’Abyssal Curse Warlock che a differenza di come sembra sta ricevendo sempre più consensi grazie ai suoi risultati negli alti ranghi della Ladder; e poi il Fel Demon Hunter, forse l’unica versione del DH che può racimolare qualche win nel meta.

Le liste

Che ne pensate di queste liste off-meta?

Articoli Correlati: