ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

Maestra delle Maschere già bannata dal competitivo, nonostante non sia stata ancora pubblicata

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

UPDATE – La carta non compare piú tra le carte bannate sul sito. Non ci resta che attendere la pubblicazione dell’espansione. La Blizzard potrebbe star aspettando, giustamente, la pubblicazione ufficiale…

Maestra delle Maschere ban – La nuova espansione di Hearthstone, Uniti a Roccavento, é quasi pronta, mancano quasi due giorni, eppure i primi effetti sul gioco già si fanno sentire. Soprattutto in competitivo! La Blizzard ha prontamente cambiato i suoi regolamenti, vediamo il perché…

L’indiziata di questo effetto é la nuova carta Maestra delle Maschere che già nella community ha destato tanto stupore quanta curiosità. La carta cambia le “regole del gioco” nascondendo la vera identità del nostro eroe (fino a che non giocheremo una carta del Rogue).

Non sarà di certo una carta OP (Overpowered), ma di certo darà la sua dose di mindtrick e può risultare un enorme vantaggio in fase di mulligan. Ed é per questo motivo che la Blizzard é già corsa ai ripari, bannando questa carta da tutti i futuri tornei del gioco. Potrete dare un’occhiata qui alle carte bannate al momento nei tornei competitivi.

Oltre alle conseguenze in fatto di gameplay, si creerebbero dei veri e propri problemi tecnici giocando questa carta in alcune competizioni. Questo perché la quasi totalità dei tornei di Hearthstone prevede la scelta di solo alcune classi sulle 10 disponibili. E se la Maestra delle Maschere ci nascondesse dietro le spoglie di una classe non nella nostra lineup? Il nostro avversario avrebbe tutto il diritto di fare reclamo, per poi scoprire immediatamente della nostra falsa identità (andando ad azzerare totalmente il nostro vantaggio tattico dato dalla nuova leggendaria). Per questo motivo, giustamente, la Blizzard ha deciso per la scelta più logica e condivisibile.

Che ne pensate di questa decisione? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati:

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701