ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Le carte di Hearthstone: “Onyxia”

Le carte di Hearthstone: “Onyxia”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Onyxia, nota come lady Katrana Prestor nella sua forma umana, è una femmina di drago nero, figlia di Alamorte e Sintharia e sorella di Nefarian, Sabellian e Neltharaku.



Il nome di Onyxia deriva dalla parola “onyx“, una pietra semipreziosa, opaca e completamente nera ed è spesso usata per descrivere qualcosa che è estremamente nero e scuro; il suo nome in forma umana invece (Royal House Prestor) venne prima di lei utilizzato dal padre, Alamorte, per poter realizzare i suoi loschi piani politici non rischiando di vedere smascherata la sua reale identità.
Onyxia, a differenza del fratello maggiore Nefarian, decise di stabilirsi, per un periodo molto lungo, nelle caverne dello Stagno dei Draghi, nelle Acquemorte (Dustwallow Marsh vedi immagine sotto), scacciando gli ogre del clan Mazzapietra che le abitavano; scelse quel posto per poter crescere senza disturbi i suoi numerosi figli, che di lì a poco avrebbero infestato senza nessun freno la zona circostante.

onixya

Dopo la scomparsa del padre in seguito alla Seconda Guerra, Onyxia e Nefarian (vedi immagine forma umana sotto) presero le redini dello stormo nero, e Onyxia, che credeva ciecamente in suo fratello e nelle sue capacità tattiche, gli fornì per la causa parte della sua prole per i suoi esperimenti con i draghi cromatici.

nefarian

Nel frattempo, Onyxia decise di prendere le sembianze umane di lady Katrana Prestor per confondersi fra i nobili di Roccavento e per poter cosi mettere in atto la seconda parte del piano: acquistare nel più breve tempo possibile una tale posizione di potere da poter cominciare a sabotare il regno degli uomini dall’interno e nascondendo contemporaneamente l’attività di suo fratello Nefarian nel Massiccio Roccianera.

Katrana_prestor

Il piano riuscì brillantemente ed Onyxia, seppur ancora molto giovane, dimostrò al mondo intero (e specialmente a Nefarian) le sue reali capacità facendo rapire Re Varian Wrynn (Re di Roccavento e padre del Principe Anduin) ed isolando il suo unico figlio precocemente ritrovatosi in una posizione di leadership a causa dell’assenza del padre che dovette prendere il controllo della politica del regno.
Inutile dire che lady Prestor cercò fin da subito di manipolare il ragazzo ormai rimasto solo al comando; infatti provò in tutti i modi a fargli prendere decisioni che portassero ad un sostanziale indebolimento della capitale degli uomini per cosi porre delle importanti basi al fine della vittoria dello stormo dei Draghi Neri capitanati da suo fratello Nefarian.
Sicura della morte del Re Varian, osò ogni giorno di più con i suoi corrotti e meschini consigli ma non fece però i conti con Reginald Windsor, Varian stesso che non era assolutamente morto, Valeera Sanguinar, Broll Orsomanto e Thargas Forgiamara che smascherarono i suoi loschi piani e la costrinsero alla fuga.

Prima di andarsene per sempre da Roccavento però, incenerì Windsor e rapì Anduin Wrynn, il figlio del re che per diverso tempo aveva provato a sfruttare per i suoi piani.
Varian e gli altri eroi di Azeroth, insieme alla potentissima Maga Jaina Marefiero, andarono a stanarla direttamente nello Stagno dei Draghi, riuscendo ad ucciderla dopo una lunga e faticosa battaglia! La testa di Onyxia venne cosi appesa ai cancelli di Roccavento in segno di totale ripudio verso il suo infame e sporco tentativo andato ormai in fumo.

fonstola.ru-83612

Re Varian

 

onixya2

Il Principe Anduin ormai ragazzo

Nel video sotto, la prima spedizione degli eroi di Azeroth contro la celebre figlia di Alamorte, Onyxia, nel raid da “40 persone” che l’ha vista protagonista!

[embedvideo id=”ZpSPHPXSl2g” website=”youtube”]

In Wrath of the Lich King, per celebrare i primi cinque anni di attività con WoW, Blizzard decise di aggiornare il vecchio raid e di renderlo nuovamente giocabile anche per i giocatori di livello 80!

[embedvideo id=”27k7dLkAjvc” website=”youtube”]


Onyxia10

La testa di Onyxia appesa all’ingresso di Stormwind

A seguito del Cataclisma e del ritorno del terrificante e potente padre, Alamorte, il corpo di Onyxia venne recuperato dal fratello maggiore Nefarian che la resuscitò come non morta e la fece nuovamente schierare tra le sue truppe in difesa del suo bastione: gli eroi di Azeroth infatti, affronteranno nuovamente quella che una volta veniva chiamata a Roccavento lady Prestor.
Questa volta, spalleggiata direttamente dal fratello, Onyxia Undead cercherà di uccidere i valorosi eroi venuti a dar la caccia al figlio maggiore di Alamorte e signore di Massiccio Roccianera. Durante lo scontro avvenuto nei Sotterranei dell’Ala Nera Onyxia verrà definitivamente sconfitta, salutando (forse) per sempre il mondo di Azeroth che tanto ha provato a corrompere e che tanto ha odiato.

[embedvideo id=”f18WBxgWTyk” website=”youtube”]


Onyxia in forma non morta

Onyxia in forma non morta

Hearthstone

In Hearthstone, anche se il suo ingresso in campo è indiscutibilmente teatrale, il più misero degli AoE può rovinare la festa di chi l’ha schierata e, anche per questo, il suo utilizzo è stato molto poco diffuso all’interno della scena competitiva del celebre gioco di carte Blizzard.

[embedvideo id=”dODk6NlQDgA” website=”youtube”]

Svelato il regalo di Maggio di Twitch Prime Gaming per i giocatori di Hearthstone

Svelato il regalo di Maggio di Twitch Prime Gaming per i giocatori di Hearthstone

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Twitch Prime Hearthstone – Qualche mese fa vi abbiamo parlato dell’importantissima collaborazione tra Amazon/Twitch e Blizzard che ha reso possibile tutta una serie di ricompense che i giocatori, dei vari giochi Blizzard, potranno riscattare nei mesi.

Se già i giocatori hanno potuto prendere ben due leggendarie negli scorsi mesi, durante la serata di ieri è stata svelata l’ennesima ricompensa per tutti i giocatori iscritti ad Amazon Prime/Twitch Prime Gaming.

Questa volta non si parla di leggendarie, o almeno non sono assicurate, ma si parla di ben 3 pacchetti di carte Standard. Vi basterà riscattarli su Twitch (solo su PC) per poter subito aprire le tre bustine sul vostro account.

Quali sono i requisiti per la ricompensa?

Per poter riscattare la ricompensa, però, dovrete essere iscritti ad Amazon Prime e solo dopo questo passo potrete andare su Twitch, solo da PC, ed in alto a destra, cliccando sull’icona della coroncina, trovare le tre bustine da riscattare.

Per farlo dovrete collegare, poi, il vostro account Blizzard a Twitch per poter quindi riconoscere l’account sul quale ottenere le ricompense (anche quelle future ovviamente).

Da giocatori siamo felici di poter ottenere queste ricompense che, insieme alle vecchie e a quelle in uscita nei prossimi mesi, possono davvero darci la possibilità di accumulare una buona collezione di carte.

Che ne pensate di questi regali di Twitch Prime Gaming per Hearthstone?

Articoli correlati:

Misterioso teaser di Blizzard: in arrivo il miniset?

Misterioso teaser di Blizzard: in arrivo il miniset?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Miniset Hearthstone – È vero, è giovedì, ma davvero in pochi si sarebbero aspettati news particolari o aggiornamenti importanti ad Hearthstone. Eppure sembra essere arrivato un mini teaser molto ambiguo quanto interessante che potrebbe spoilerarci un grosso contenuto in arrivo.

Alle 19 in punto il profilo ufficiale Twitter di Playhearthstone ha pubblicato una serie di emoji molto particolari e sono in tanti che in questi minuti stanno cercando di decifrarli.

Il “testo” è semplice quanto ambiguo e presenta un’emoji di un polpo, due pugni che si contrappongono tra loro e dall’altra parte una “sirena” (per una visione migliore e più facile da capire, vi lasceremo in fondo il tweet).

È ipotizzabile credere che la sirena indichi i Naga e che gli emoji possano significare uno scontro/unione tra i Naga ed i pesci (ovviamente è tutta una nostra ipotesi). Comunque un contenuto del genere, non essendo in programma nessun tipo di Avventura, è accomunabile solo ad un eventuale miniset. AGGIORNAMENTO: in molti parlano anche di N’Zoth per il polpo che vediamo, idea molto più accreditabile.

A conclusione di tutto ciò, il tweet finisce con un “DOMANI” a dimostrazione di come la novità sia in arrivo già da domani. Qualora fosse davvero il miniset, difficilmente crediamo possa già essere disponibile, ma ipotizziamo che, invece, possa arrivare il trailer con l’annuncio e le prime carte. E settimana prossima potrebbe uscire il miniset.

Tutto ciò è credibile? Davvero siamo in procinto di vedere il nuovo miniset? Considerate che siamo a più di un mese e mezzo dall’uscita dell’espansione ed il periodo potrebbe essere perfetto.

Che ne pensate?

Articoli correlati:

In arrivo un veloce hotfix con un nuovo bilanciamento in Battaglia

In arrivo un veloce hotfix con un nuovo bilanciamento in Battaglia

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Hotfix Battaglia – La nuova Patch, 23.2, ha portato tantissimi cambiamenti non solo allo Standard, ma anche alla Battaglia, con i suoi bilanciamenti.

Ma se in questi giorni stiamo vedendo come il meta Standard sia molto variegato ed in cerca ancora di stabilità, per Battaglia non é proprio cosí.

Sicuramente i Naga hanno avuto un grande colpo dopo l’arrivo di vari nerf, ma Blizzard ha dovuto agire nuovamente per aggiustare una situazione.

Infatti tra le decine di aggiornamenti per risolvere bug e glitch, Hearthstone oggi riceverà anche un nuovo bilanciamento.

Stormscale Siren, la carta da Taverna 5 che a fine turno fa in modo che tutti i servitori con Genesi Magica lancino il proprio effetto su se stessi, verrà sostituito fino a nuovo ordine.

Stormscale Siren

La scelta dei dev é stata presa per la troppa forza della carta Stormscale. In combo con alcune delle migliori carte Naga assicurava la vittoria o comunque un vantaggio siderale. Per questo motivo verrà reworkata per poi tornare in futuro.

Al suo posto rivedremo Warden of Old che torna a Taverna 3, ma questa volta guadagna la dicitura “Naga“, che prima non aveva.

Warden of Old

Che ne pensate di questo inaspettato hotfix in Battaglia? Cambieranno subito le cose in nella modalità?

Articoli correlati: