ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

Intervista a Lothar, capitano del team Nihilum!

Profilo di LilBusta
 WhatsApp

Sarà Lothar il capitano del team Nihilum!
Così come precedentemente annunciato, il team composto da Rdu, ThiJs, Lifecoach e Lothar è uno dei migliori presenti nella ricca scena di grandi squadre di Hearthstone.

Oggi vi proponiamo l’intervista dell’11 gennaio che potete trovare qui, interamente tradotta, al capitano:

– Lothar, puoi parlarci un po’ di te e spiegarci il tuo ruolo nel team?

Ciao a tutti, mi chiamo Jakub Szygulski, meglio noto dai giocatori come Lothar, ho 29 anni e sono un programer di Hearthstone.
Per il mio nuovo team, mi è stata offerta la posizione di capitano e sono più che lieto di accettare questo ruolo. Ero già responsabile del reclutamento di giocatori d’alto calibro per la divisione Hearthstone e quindi il mio lavoro sarà sicuramente quello di mantenere il team correttamente organizzato e interamente focalizzato sull’allenamento e lo streaming. Ovviamente non sto rinunciando alla mia posizione di giocatore, io stesso dovrò essere competitivo. 

– Qual è stato il processo di formazione di questo team? Visto che Kungen è l’amministratore di questa organizzazione, è stato lui il primo ad approcciarsi a te e agli altri giocatori che si aggiungono in questo viaggio?

Diciamo che l’idea di creare un team è nata spontaneamente, mi è sempre piaciuto poter creare una community di fan sia per la Blizzard che per noi stessi, noi adoriamo le creazioni Blizzard e allo stesso tempo siamo entusiasti di giocarci! Tutto è nato naturalmente e sono estremamente felice di questa fusione. Come già tutti saprete, molti giocatori di WoW sono già attivi anche in Hearthstone e viceversa, quindi trovo ancora più motivazioni per procedere in questa direzione. 

– Quindi, è stato Kungen o entrambi ad approcciarsi a Kinguin come primo sponsor? 

Entrambi ci siamo mossi verso Kinguin anche prima che il team nascesse: il nostro scopo era di prolungare la nostra collaborazione. 

– Possiamo quindi dire che il team Nihilum è tanto Kinguin quanto di Kungen? Allo stesso modo, Kinguin è al momento l’unico sponsor del team. Pensate di aggiungerne altri in futuro?

Il nostro team non sarebbe neanche nato senza di Kinguin. Ci stanno aiutando nel realizzare i nostri sogni e siamo incredibilmente grati di questa opportunità, credono in noi e nelle nostre abilità, ci spronano a mirare alla vetta tramite le nostre qualità di player. Questo ci aiuta anche ad aver fiducia in noi stessi e ci priva spesso di un peso sulle spalle che non ci permette di concentrarci sul vero ambito competitivo.
Bisogna però dire che Kungen è l’unico proprietario del team: la decisione sarà interamente sua. Kinguin è ad oggi il nostro unico sponsor, sicuramente ne cercheremo altri nel futuro. 

– Recentemente, in ottica economica del gioco, soprattutto Kinguin e G2A hanno sponsorizzato molti team negli e-sport, soprattutto team interni ad Hearthstone. Di questi tempi, sembra quasi che non sia possibile creare un team altamente competitivo senza l’aiuto di uno di questi grandi sponsor. Infatti, Kinguin sponsorizza Cloud9, Tempo Storm, IhearthU oltre voi. Invece, G2A è sponsor di Archon e Teamliquid. Qual è la tua idea sul ruolo di queste realtà all’interno della community di Hearthstone?

Darò solo la mia personalissima opinione, sono molto felice della loro presenza perchè lasciano a noi giocatori lo spazio per creare un profilo altamente competitivo. Più ci concentriamo su questo scopo, minore sarà il tempo necessario a classificare gli e-sport come un “normalissimo” sport, e maggiori saranno gli sponsor presenti nella scena così come per le altre discipline. Senza di loro, costruire un team competitivo è praticamente impossibile. 

e5HRhx3

– Hai lasciato i Planetkey Dynamics il primo di Dicembre per poter lavorare su Hearthstone a tempo pieno. Avevi già l’idea di entrare e coordinare il team Nihilum quando hai deciso di entrare nel mondo degli e-sport a tempo pieno?

Quando il mio contratto con i PkD stava giungendo alla fine ho già iniziato a ricevere offerte da grosse organizzazioni, così ho pensato che fosse il momento migliore per diventare un free-agent ed assumere qualche rischio. L’idea del team di Hearthstone è nata dopo e si è sviluppata molto velocemente.
Sono comunque estremamente grato a Stefanie e Stefan, i proprietari di PkD e Tt e-sports, per avermi introdotto in questo magnifico mondo. 

– Nella sua rosa il team Nihilum conta quattro membri. Era tutto parte del programma o state pensando di trovare qualche nuovo talento e far crescere questo numero?

L’idea di base era quella di avere quattro persone. Non sto dicendo che non vi sia la possibilità di ampliarci, ma per ora, siamo solo noi quattro. Abbiamo un rapporto magnifico fra di noi e questo si vede anche nel team che è molto solido. 

– Thijs, Rdu e Lifecoach sono tra i giocatori migliori presenti al momento e potrebbero tranquillamente essere le punte di diamante di un loro team minore. Stando alla tua esperienza con loro, qual è il giocatore che maggiormente ti ha colpito dei tre? 

Sono tutti grandissimi player, onestamente non so dire chi di loro sia il migliore ma posso garantire che siano tutti dei grandi lavoratori. E questa è una grande dote per un giocatore d’alto livello. Soprattutto quando è il momento di lavorare in team e fare pratica. 

– Nihilum, come Tempo Storm e Archon, è un’associazione radicata nella community di Hearthsone. In che modo pensi che la vostra organizzazione differisca dalle altre in ottica di community ed in ottica manageriale?

Come hai già detto, tutte le citate sono ugualmente presenti nella community. Ogni componente di tutti i team si batte per raggiungere un ottimo risultato in termini di ranking come in ottica di tornei. Tutti nel team, me incluso, dedichiamo tanto tempo alla scalata delle partite qualificate, soprattutto in vista del Blizzcon. Penso che la nostra squadra sia più simile a Tempo Storm che Archon. Sono comunque molto contento di aver questo grande rilievo nella community di Hs, visto anche i grandi team già presenti in questa. Sia T/S che Archon stanno facendo un grandissimo lavoro per far crescere la community stessa. Ovviamente, anche noi ci muoveremo nella stessa direzione.

– Quali pensi che siano i più grandi vantaggi e svantaggi di far parte di un team così importante per Hs come Nihilum, T/S e Archon se paragonati a team presenti su più realtà come Teamliquid e Cloud9? Ci sono già progetti di espansioni in altri game per voi di Nihilum?

Facendo parte di C9 o TL e simili, penso, il più grande vantaggio sta nel raggiungere subito il successo tramite un team conosciuto ovunque. In realtà inferiori, con giocatori comunque affermati, devono lavorare duro per raggiungere quel grado di fama e devono sempre avere un occhio aperto sul social media. Dall’altro lato, però, i nostri sponsor sono concentrati solo su di noi e non su altre divisioni.
Personalmente non sto muovendo per espandermi su altri game. Non dico che non ci siano i progetti, però! Scommetto che al crescere di Nihilum si creeranno nuove divisioni. Chi può dire dove andremo. 

– Benissimo! Penso di aver esaurito le domande. Vuoi fare qualche saluto? 

Ovviamente, grazie per la magnifica intervista! Vorrei salutare il mio nuovo team: Adran, Radu , Thijs, il nostro amministratore Kungen e il nostro sponsor Kinguin.net.
Potete tutti seguirci su www.nihilum.com, è ancora all’inizio ma abbiamo intenzione di svilupparci molto in futuro! Inoltre siamo presenti come streamer su Twitch.com e potete seguirci non solo li, ma anche durante tornei ed allenamenti! 

Microsoft ha acquisito Blizzard: che futuro per Hearthstone? Queste le reazioni dei dev

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Okay, la notizia che sicuramente ha rubato la scena oggi è la sorprendente acquisizione di Activision/Blizzard/King da parte del colosso Microsoft per una cifra di quasi 70 miliardi di dollari. In mezzo a tutto ciò, però, compare anche Hearthstone, titolo Blizzard. Che futuro ci aspetta?

Ovviamente questa domanda più che avere risposte, dà ampio spazio a riflessioni e spunti di discussione, poiché a poche ore dalla notizie è impossibile avere i piani certi dei futuri mesi per quanto riguarda tutti i giochi delle case acquisite.

Tutti i problemi legati alle accuse di violenza sessuale di Activision Blizzard hanno ovviamente influenzato anche Hearthstone poiché hanno scosso le migliaia e migliaia di giocatori e alcuni di questi hanno sicuramente abbandonato come forma di protesta.

Per quanto il problema non sembri mai esser stato il team di Hearthstone, l’insuccesso è sempre stato dietro l’angolo, con l’azienda che pian piano stava colando a picco. Poi, però, è arrivata improvvisamente questa acquisizione che potrebbe eliminare completamente il problema alla radice.

Nuovi capi, nuovo modo di lavorare e considerando il vecchio modo, la situazione non può che migliorare, anche per Hearthstone. Tenendo in conto la grandezza di Microsoft, parlando di contenuti, nuovi fondi potrebbero rientrare nelle casse dei giochi Blizzard e riaccendere quella miccia di freschezza che da tempo si è persa.

Nuove idee potrebbero essere dietro l’angolo, come nuovi geni creativi pronti a dare nuova anima ad Hearthstone. In arrivo qualche tipo di esclusività o cambiamento di launcher/piattaforma? Nulla è da escludere.

Per il team odierno, poi, sicuramente questa acquisizione può essere un salto nel vuoto, ma ad oggi non crediamo possa essere un salto con esito negativo.

Le reazioni dei Dev

Ovviamente anche i dev più importanti, come Alec Dawson o Dean Ayala, hanno detto la loro. Per tutti c’è speranza di qualcosa di buono, ma c’è anche chi non si sarebbe augurato di meglio in un eventualità di un acquisizione di terzi (vedi Iksar). Queste le reazioni a caldo:

Ovviamente anche noi, da giocatori, ci auguriamo che questa acquisizione possa portare solo il meglio per i giochi Activision Blizzard, considerando il grande amore che Microsoft ha riservato per i suoi giocatori negli anni. Che sia un (buon) nuovo inizio!

Che ne pensate? Fateci sapere, come al solito, al vostra…

microsoft activision

Microsoft ha acquistato Activision Blizzard! Quale fine per Call of Duty su PlayStation?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Una vera e propria “bomba” quella sganciata pochi minuti fa dai canali ufficiali di Xbox…la gigantesca Microsoft ha infatti acquistato, per intero, Activision Blizzard!

Dopo mesi burrascosi (quando non drammatici, ndr) dovuti allo scandalo, ed alle successive inchieste dovute alle molestie ed agli abusi sessuali che si sono consumati all’interno dell’azienda, termina cosi un lungo ciclo per Activision Blizzard, e se ne apre uno totalmente nuovo all’orizzonte.

Pur non essendoci ancora conferme ufficiali da parte dei diretti interessati, sembra che dietro l’accordo vi sia una cifra davvero astronomica: ben 70 miliardi di Dollari (la fonte è il noto ed autorevole Wall Street Journal, ndr)…addirittura 20 miliardi di Dollari in più rispetto a quella che era la “stima” del valore di mercato dell’azienda.

La cosa avrà una portata incredibilmente pesante. Vi basti pensare a come si andrà a sviluppare l’attuale presenza su PlayStation di titoli che a questo punto si apprestano a diventare “esclusive” per Xbox e PC. Oltre a giochi come Overwatch, la questione potrebbe riguardare direttamente anche Call of Duty, storico titolo da sempre presente sulle console di Sony.

Al momento queste restano speculazioni, dato che non vi è stato ancora nessun chiarimento ufficiale da parte di Microsoft. Sembra però abbastanza ovvio pensare che i titoli futuri di questi franchise, fino ad oggi sempre “multi platform”, potrebbero presto diventare un’esclusiva interdetta ai giocatori PlayStation.

Microsoft, attraverso il noto big Phil Spencer, si è al momento limitata a commentare la cosa su Xbox Wire con il seguente intervento: “Siamo molto contenti di poter lavorare con le incredibili, talentuose, ed appassionate persone di Activision Publishing, Blizzard Entertainment, Beenox, Demonware, Digital Legends, High Moon Studios, Infinity Ward, King, Major League Gaming, Radical Entertainment, Raven Software, Sledgehammer Games, Toys for Bob, Treyarch e tutti i team di Activision Blizzard“.

Il post ufficiale

Non appena disponibili, provvederemo a pubblicare nuove e più dettagliate informazioni sull’argomento.

Clamoroso sul Wall Street Journal: il CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick sapeva tutto! “Minacce e molestie ai suoi dipendenti”

Articoli correlati: 

In arrivo un nerf alla Novizia? Iksar lascia un indizio

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Finalmente si avvicina il giorno della tanto attesa patch che porterà non solo un importante contenuto per Battaglia, ma anche bilanciamenti per i formati Standard e Wild. Uno di questi sarà il nerf alla Novizia Occultista.

La Novizia è ormai da tempo la carta più criticata sul gioco: se già ai suoi tempi di Standard ha più volte evitato i nerf, la situazione in Wild non è di certo migliorata e anzi questa carta la fa da padrone nel formato esteso di Hearthstone.

Tornata di nerf dopo tornata di nerf, tutti si aspettano un bilanciamento alla carta ed anche stavolta la fiducia è altissima. Non sono stati rilasciati i nomi delle protagoniste che verranno ritoccate, ma Iksar dal nulla ha lasciato un indizio secondo noi assolutamente inequivocabile.

Dopo poco dall’annuncio della patch, o meglio dal teaser della patch, Iksar ha infatti pubblicato un’immagine sul suo profilo ufficiale Twitter, in cui mostra il famoso meme di Henry Cavill e Jason Momoa sul carpet della premiere di Suicide Squad.

“L’agguato” di Momoa all’amico Cavill è diventato metafora di caccia, inseguimenti, e pericoli imminenti nel gergo “memistico”. Ed è qui che Iksar ha ritratto la Novizia come Cavill e Hearthstone come Momoa. Cosa vorrà dire?

In generale il meme potrebbe indicare come Hearthstone stia per braccare la Novizia, magari con un nerf, ma ovviamente il significato reale lo scopriremo solo il 20 Gennaio con le patch notes ufficiali.

Sarà davvero in arrivo il tanto desiderato nerf?

 

Il post di Dean Ayala

Che ne pensate? Fateci sapere, come al solito, la vostra…