ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
In che acque naviga Hearthstone? E soprattutto, quale deve essere il “porto sicuro” più vicino?

In che acque naviga Hearthstone? E soprattutto, quale deve essere il “porto sicuro” più vicino?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nelle ultime settimane praticamente tutte le community mondiali di Hearthstone hanno discusso, in ogni salsa, l’attuale situazione del gioco, il suo meta, le prospettive future o anche solo il semplice divertimento che un gioco del genere deve sempre garantire.
Per molti appassionati Hearthstone è diventato semplicemente noioso rispetto al passato, e per questo decidono di non frequentare più la locanda con una certa assiduità.
E’ indubbio che qualcosa sia accaduto in Hearthstone negli ultimi mesi, specialmente dal “dopo Boscotetro” (prima espansione ufficiale pubblicata nel 2018) e dall’avvento delle carte introdotte con quel contenuto.
Bisognerà ora scoprire quali saranno le strade che deciderà di prendere Blizzard con il suo gioco di carte, e come si concluderà questo anno competitivo fin qui forse troppo “sbiadito” e privo di una sua personalità forte.

Personalmente credo che parte della spiegazione rispetto a quanto sta accadendo è da ricercare nel team 5, “mente, braccio e cuore” di Hearthstone che lavora quotidianamente allo sviluppo di questo, che proprio in questo 2018 ha avuto non pochi problemi e terremoti interni. Per chi non lo ricordasse soltanto 5 mesi fa sia Ben Brode (ex Game Director) che Hamilton Chu (ex Executive Producer di HS) lasciavano il team di sviluppo che avevano diretto per molti lunghi anni, andando sicuramente ad inciderne le strade intraprese, le evoluzioni che si sono volute dare al gioco e la “strada” da percorrere da qui ai prossimi anni.
Con il loro addio da Hearthstone e da Blizzard, anche la loro “impronta” e la loro esperienza non sono più state a disposizione del team di sviluppo che è dovuto correre chiaramente ai ripari per proseguire il complicato cammino che può rappresentare lo sviluppo di un titolo cosi diffuso, giocato e “giudicato” da milioni e milioni di persone.
Nel periodo compreso tra Luglio ed inizio Settembre è effettivamente accaduto molto poco nel meta competitivo e neanche dal fronte “archetipi” l’espansione di Agosto ha aiutato a smuovere le acque. Molti dei mazzi forti di Boscotetro trovavano addirittura rinforzi nella nuova espansione (non vorrei che i ricordi mi giocassero un brutto scherzo, ma non credo che in anni ed anni di meta sia mai accaduto che un top tier restasse tale dopo una nuova espansione) iniziando a generare un malcontento che purtroppo, almeno fino ad oggi, non ha ancora trovato pace.

Negli ultimi mesi abbiamo tutti visto tanti, tantissimi mazzi combo (gli stessi che il team di sviluppo, in modo categorico, ha sempre promesso di combattere) o liste “inesorabili” dove la loro “inesorabilità” era ed è data dal fatto che spesso, pur avendo la migliore mano del mondo, li dobbiamo subire inermi senza alcuna speranza di replicare.
Certamente c’è molta più offerta di mazzi di quanta non ce ne sia stata in altri periodi dove in ladder di incontravano praticamente solo 2 massimo 3 liste, ma appare ormai chiaro che l’ampiezza della scelta è si importante, ma deve essere accompagnata anche da altri fattori senza i quali rischia di diventare quasi ininfluente.
A tutto questo va anche aggiunto che il fattore random ha certamente subito una bella batosta all’interno della locanda.
Il tanto odiato RNG, effettivamente, è molto meno impattante nelle nostre partite di quanto non lo fosse prima…e parlo di partite a tutti i livelli.
Sono venute progressivamente a mancare quelle carte basate sulla casualità che trovavano un loro impatto nel gioco e che con la loro presenza erano sempre in grado di scombinare le carte in tavola fornendo un ventaglio di possibili scenari molto più ampio ed imprevedibile.
Personalmente non me la sento neanche di criticare questa decisione di dare un minor impatto del fattore random alle partite di Hearthstone e sapete perchè? Perchè io per primo fino a qualche tempo fa credevo che la troppa casualità presente nel gioco rischiasse di minarne le reali potenzialità.
Se qualcuno un anno fa mi avesse detto “Il meta di è stabilizzato, si giocano molti più mazzi strategici, le partite devono essere molto più ragionate ed il fattore random ha un’incisione minore nell’esito dei match rispetto al passato” sapete come gli avrei risposto? “Meraviglioso dove devo firmare” sarebbe stata la mia risposta immediata ma, ormai è evidente, con il senno del poi avrei commesso uno sbaglio.

Hearthstone ha certamente bisogno di qualche novità, ha bisogno della modalità tornei, di un meta sempre fresco e variabile e sappiamo che le strade da percorrere per lo sviluppo possono essere tantissime, molte sono però anche molto complicate e quindi capita che siano quasi irrealizzabili (pensiamo, solo per fare un esempio, alle “specializzazioni” delle classi che sarebbe qualcosa di certamente interessante ma, da ignorante della materia, credo anche davvero titanico da integrare).
Bisognerà certamente aspettare le prime informazioni sulla prossima espansione e, più in generale, quelli che saranno i “major update” scelti da Blizzard per le prossime settimane per comprendere quali saranno le reali strade che ha deciso di intraprendere il team di sviluppo.
La speranza è ovviamente quella che qualche bella ventata di aria fresca possa rilanciare la nostra amata Locanda e permetterle di affacciarsi anche ad una nuova utenza…cosa fondamentale per un gioco del genere…specialmente se si considera che la concorrenza di Blizzard non sta rimanendo certo a guardare e si prepara per attaccare un mercato fino ad oggi dominato, in ogni aspetto e salsa, da Hearthstone e da Blizzard.

 

Hotfix di Hearthstone nato per risolvere i problemi, ne crea altri: fermato sul nascere

Hotfix di Hearthstone nato per risolvere i problemi, ne crea altri: fermato sul nascere

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Hotfix Hearthstone – Ieri sera, oltre ai già annunciati dettagli sui prossimi bilanciamenti, è stato anche annunciato un inaspettato hotfix che sarebbe servito a risolvere alcuni problemi e bug nati sul gioco con la nuova espansione. Ma in questo caso il condizionale è d’obbligo.

Già perché l’annuncio di HSDeckTech ha sicuramente rianimato i giocatori per le risoluzioni che avrebbe portato, il problema, però, è che dopo qualche minuto l’hotfix è stato fermato sul nascere perché stava creando altri inconvenienti.

Sono tanti i cambiamenti che avrebbe portato questo veloce fix: dalla rimozione della carta eroe Guff in Duelli per Drek’Thar, alla possibilità di riscattare il mazzo di ritorno per coloro che già lo avevano in parte riscattato prima della Patch 24.0, ed alcuni altri bug fix.

Un nuovo problema, però, sembrava esser nato proprio per i mazzi di ritorno.

La manipolazione del codice da parte degli sviluppatori avrebbe portato non solo a risolvere il vecchio problema, ma addirittura a dare la possibilità di riscattare il mazzo anche a coloro che non avrebbero dovuto.

Per questo l’hotfix è stato sospeso e tutte le risoluzioni arriveranno più avanti, non appena il problema verrà risolto.

Questa è la situazione al momento, ma siamo sicuri che i dev troveranno una risoluzione nel più breve tempo possibile.

Che ne pensate di questo hotfix per Hearthstone? Avete riscontrato anche voi problemi con il mazzo di ritorno?

Articoli Correlati:
Svelato quando arriveranno i bilanciamenti di Hearthstone! Iksar scherza sulla prima carta colpita

Svelato quando arriveranno i bilanciamenti di Hearthstone! Iksar scherza sulla prima carta colpita

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai non era piú un mistero che da qui a poco tempo sarebbero arrivati bilanciamenti al nuovo meta di Hearthstone, mancava solo il quando e quali carte colpire (il che é quasi tutto effettivamente).

Fatto sta che ieri in tarda serata sono arrivati i primi indizi, non solo su quando ci saranno questi bilanciamenti, ma anche su un primo bersaglio.

Come avevamo ipotizzato, infatti, i cambi al meta giungeranno nella giornata di Lunedí o Martedí, come svelato da HSDeckTech (probabile si parli di Patch Note per queste date, magari con conseguente aggiornamento per Giovedí).

Ma a questo primo dettaglio importante si aggiunge un piccolo quanto decisivo meme pubblicato dal Iksar, Game Director del gioco.

Con il noto meme di Momoa che sta per acciuffare, scherzosamente, Henry Cavill, vediamo che Hearthstone é alla ricerca di…Allineamento Celeste.

Il meme di Iksar sui prossimi Bilanciamenti di Hearthstone

Il meme di Iksar

Già, la carta del Druido tanto chiacchierata (anche se in Standard si sta vedendo di meno) potrebbe proprio essere il primo bersaglio degli sviluppatori. É praticamente impossibile non sia cosí.

Queste le informazioni al momento in possesso della community, ma nulla ci vieta di credere che qualche altro assaggio possa arrivare prima di settimana prossima.

E voi cosa ne pensate? Vorreste un aggiustamento ad Allineamento Celeste? E quali saranno gli altri bersagli?

Articoli Correlati:
Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Quando arriveranno i prossimi bilanciamenti? Facciamo due calcoli

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai sappiamo tutti noi che questa settimana non ci saranno notizie degne di nota, o nello specifico, non arriveranno bilanciamenti ai mazzi/classi di Hearthstone. Ma allora quando arriveranno effettivamente?

Difficile avere una risposta esatta, ma dalle mosse passate di Blizzard possiamo fare qualche ipotesi non tanto campate in aria. Ma partiamo da ciò che sappiamo con certezza.

Quello che è sicuro al momento è che non ci saranno bilanciamenti (quindi nerf o buff) durante tutto il periodo del prossimo Masters Tour. Ciò ci fa escludere quindi almeno tutto questo fine settimana, dato che domani comincerà il torneo e che questo terminerà solamente Domenica.

Allo stesso modo, e per la stessa ragione, riteniamo del tutto improbabile una mossa prevista per la giornata di oggi.

Nulla, però, esclude che oggi possano sopraggiungere delle “anticipazioni” riguardo a nuove tornate di bilanciamenti per la settimana prossima. Dai vecchi bilanciamenti, considerando che quelli in arrivo (dal nostro punto di vista) sono già pronti, si può presumere che non possano arrivare più tardi di Lunedì 15/Martedì 16 (quest’ultimo giorno prediletto di Blizzard per le news, insieme al Giovedì).

La data più papabile, per tradizione, è sicuramente Martedì, con un annuncio il giorno precedente, ma c’è da aggiungere un possibile ritardo per il periodo estivo, soprattutto Ferragosto, anche se non abbiamo certezza delle tradizioni americane.

Se dovessimo mettere su una scommessa, diremmo Martedì 16, con annuncio il Lunedì, anche se nulla vieta un (SOLO) annuncio già quest’oggi (seppur molto improbabile).

A questo punto non ci resta che attendere la notizia ufficiale. E voi che ne pensate? Quando arriveranno i bilanciamenti?

Articoli Correlati: