ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

I “geni del male” e le vecchie glorie di HS: possibile il ritorno di leggendarie del passato

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Da quando solamente qualche giorno fa Blizzard annunciava le tre espansioni in arrivo per il 2019, si è immediatamente rinvigorito l’hype della community rispetto alle tante novità in arrivo.
Il tema della prossima espansione è sicuramente uno degli argomenti centrali attualmente discussi nella Locanda. In un precedente articolo abbiamo anche analizzato quelle che, con le pochissime informazioni disponibili allo stato attuale, potrebbero essere le storie e le espansioni in arrivo nei prossimi mesi.

Ieri sera, però, Blizzard ha svelato un nuovo teaser che ci ha fornito qualche informazione in più in merito all’immediato futuro del gioco ma, purtroppo, restano pur sempre dei semplici indizi ed è quindi bene sottolineare che tutte quelle che riporteremo di seguito sono idee puramente speculative ed assolutamente non ufficiali.

Nel video in questione appare l’indovina già nota a molti avventurieri di Hearthstone, dato che è la stessa che “annunciò” il ritorno degli Old Gods per l’espansione Sussurri degli Dei Antichi.
In questo caso la cartomante torna protagonista ed afferma: “…uno ad uno li devo convocare, geni del male attorno ad un focolare” per poi proseguire “…a lume di candela la carta mi rivela l’oro di chi ritornerà a brillare”.
Dal nostro punto di vista, questo trailer potrebbe racchiudere molti indizi sulle precedenti espansioni e sui rispettivi protagonisti: il continuo riferimento all’oro ed alle candele sembra un riferimento chiaro all’espansione Coboldi e Catacombe (finanche la “carta” al centro ha dei disegni che ricordano questo contenuto), mentre la prima carta svelata sulla sinistra e l’indovina stessa sembrano invece essere testimonianze chiare dell’espansione Sussurri degli Dei Antichi.

Nuovi dorsi molto particolari per Heartshtone

Il fatto poi che si andrà presto a creare una banda di “Geni del Male“, il cui scopo non è ovviamente ancora chiaro, ci spinge con le ipotesi fino alle prigioni di Violet Hold (Fortezza Violacea), struttura che si trova a Dalaran (in linea con i precedenti indizi per i quali la nuova espansione sarà a tema “magico”) ed in cui sono detenuti alcuni tra i più noti e malvagi tra i criminali di Azeroth.

Un luogo ben conosciuto in World of Warcraft

E’ possibile (lo ripetiamo, si tratta solo di speculazioni) che la prossima espansione venga caratterizzata in qualche modo dal “ritorno” di alcuni grandi protagonisti del passato (un “best of” dei super cattivi maggiormente amati ed apprezzati), in un primo contenuto che potrebbe poi anche essere in qualche modo sviluppato seguendo questo semplice filone:

  • Espansione 1: evasione dal carcere dei maggiori cattivi di HS e costituzione della nuova banda
  • Espansione 2: sviluppo della vicenda
  • Espansione 3: risoluzione della vicenda

Il tutto potrebbe anche trovare forza nel famoso post pubblicato su Twitter qualche settimana fa da Iksar, in cui, il dev di Blizzard, rivolgendosi principalmente ai player che non ritengono più Hearthstone il loro titolo “main” (ovvero quello principale, quello a cui giochiamo per la maggior parte del tempo), chiedeva: “cosa vi farebbe tornare nuovamente su HS?
Oggi come qualche settimana fa, ribadiamo ancora che questo post di Iksar potrebbe tranquillamente essere considerato come un indizio sul futuro, ed in quanto tale diventa assolutamente pertinente pensare al ritorno in grande stile nella Locanda, sotto nuove forme e storie, degli Old Gods o di altri grandi protagonisti del passato!


I “geni del male” e le vecchie glorie di HS: possibile il ritorno di leggendarie del passato
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701