ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
I due lati della stessa moneta di Hearthstone

I due lati della stessa moneta di Hearthstone

Profilo di GVC
 WhatsApp

Ora che tutto è noto -nerf e spoiler compresi- è più semplice comprendere in quale direzione si stia avviando Hearthstone e, come spesso accade, ci sono pro e contro nella linea di sviluppo decisa da Brode e Co. così come una moneta ha due facce: una scintillante e accattivante l’altra più “sporca” e rovinata.

Il lato positivo

E’ universalmente apprezzato l’addio a tutti quegli effetti casuali presenti nei contenuti destinati all’oblio del Wild (specialmente in GvG) che rendevano Hearthstone molto simile ad un gioco d’azzardo ed in grado di rovinare match senza nessuna possibilità di gestione: Imp-losione e Segatronchi Pilotato -con annesso Vate della Rovina– non ci mancherete! Altro aspetto rivisto riguarda gli OTK e, in genere, i deck con combo in grado di prosciugare  troppi punti vita senza essere contrastabili: la temutissima combo di Malfurion appare già solo come uno spiacevole ricordo del passato, ma anche la “meteora” OTK Murloc non creerà più problemi venendo eliminato il Vecchio Occhiobuio principale fonte di danno. Un gioco più lineare, meno dipendente dalla singola pescata e con un power level che cresce progressivamente col passare del tempo rispetto a prima quando i primi turni erano sostanzialmente decisivi per l’esito del match, da ora in poi si prospetta un gioco dove la vittoria passerà necessariamente per una serie di trade da cui ottenere l’esito migliore.

Il lato negativo

Tutto rosa e fiori? No… ci sono importanti aspetti che rappresentano un significativo passo indietro nello sviluppo del gioco. Ad esempio la linea di sviluppo decisa per le classi : voler spingere l’Hunter verso un deck “Rantolo” è abbastanza clamoroso e la distribuzione dei servitori legati a C’Thun solo verso alcune classi (e tra queste sbilanciate ulteriormente) è qualcosa di sbagliato  essendo inoltre una leggendaria assicurata e che ha creato tanto hype nella community- perché Paladino, Cacciatore e Sciamano restano fuori da questo tipo di deck? Il mio personalissimo parere è la volontà della Blizzard di rendere sempre più il gioco casual friendly infatti già leggendo le prime carte sbustate anche un neofita può capire più o meno come costruirsi il deck più efficente per quella specifica classe e questo crerà un abbassamento qualitativo del livello di gioco. Per parlare di un altro aspetto che mi fa “storcere il naso” riprenderò una famosissima massima del libro il Gattopardo “Più le cose cambiano, più restano le stesse”: tanti nerf, più di cento carte nuove e due contenuti in uscita (per la modalità Standard) eppure non prevedo clamorosi cambiamenti sulla struttura base delle singole classi: Prete e Guerriero? Control, Stregone? ComboControl, Druido?Ramp e Midrange, Sciamano e Cacciatore? Aggro o al limite Midrange molto aggressivi, Paladino? E’ una classe dall’innata versatilità ma senza eccellenze specifiche e per concludere Mago: classe RNG-based seguendo la tradizione di Destafiamme e Portale Instabile e, ovviamente Freeze. Spero di essere smentito ma prevedo una riduzione considerevole dei deck davvero competitivi con un generale appiattimento del meta.

 

Conclusioni

L’anno del kraken preannunciava drastici cambiamenti, ed essi non si sono fatti attendere, ogni modifica dello status quo squote le acque calme dell’abitudine e sarà solo il tempo a dirci se prevarranno gli aspetti positivi o quelli negativi. Di certo quello che ora vediamo è parte di un progetto più a lungo termine di cui non sappiamo tutto perciò speriamo che gli sviluppatori abbiamo le idee più chiare su cosa fare rispetto a noi giocatori.

Quanto conoscete Hearthstone? Mettetevi alla prova con Rarran

Quanto conoscete Hearthstone? Mettetevi alla prova con Rarran

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai Hearthstone ha la veneranda età di 8 anni e tantissima acqua ne è passata sotto i ponti. Molti giocatori sono novizi ed hanno provato il gioco davvero da poco, ma ci sono giocatori che da anni frequentano la Locanda di Warcraft.

Ed è qui che tra una partita e l’altra, tra una Battaglia ed un match di Mercenari, abbiamo visto passare centinaia di personaggi e decine di espansioni con le proprie avventure. Ed è qui che ci chiediamo: quanto conosciamo Hearthstone?

Rarran, content creator del gioco ha tentato di mettere alla prova uno dei volti più noti di tutto il panorama hearthstoniano. Parliamo del noto Regiskillbin che ogni giocatore da ogni parte del mondo ha visto almeno una volta.

Regiskillbin ha letteralmente passato i suoi anni sul gioco di Blizzard e sembrerebbe scontato mettere alla prova una personalità del genere, ma la sfida di Rarran, come potrete vedere in allegato, è davvero ardua.

Noi, insieme ai due content creator, possiamo provare a testare la nostra conoscenza di Hearthstone. In pratica Rarran sottopone a Regis tutta una serie di carte che il content creator americano dovrà riconoscere in carte vere o false.

Ma attenzione, non è così facile come sembra, le carte false potrebbero sembrare a tutti gli effetti vere, anche solo un piccolo dettaglio (come il logo dell’espansione o una parola dell’effetto) potrebbero invalidarne la veridicità.

Il video di Rarran e Regiskillbin

Allora? Voi quante ne avete indovinate? Siete dei veri esperti di Hearthstone? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati:

Cosa giocare in questo Post-Patch? tra Bestie, serpenti ed il ritorno del Quest Priest

Cosa giocare in questo Post-Patch? tra Bestie, serpenti ed il ritorno del Quest Priest

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Post-Patch Hearthstone – Sono quasi passate 24 ore dall’arrivo della nuova Patch di Hearthstone, la 23.2.2, che vuol sconvolgere l’intero meta del gioco, non solo con nerf, ma anche con una miriade di buff.

E quindi quali sono i deck o le classi che hanno giovato di più da questi cambiamenti? Difficile avere una risposta definitiva, ma qualche tentativo è stato già fatto ed i primi risultati arrivano.

Tre sono i primi mazzi di cui vorremmo parlarvi e che potrete testare o tenere d’occhio nelle prossime ore con l’avanzare del meta. Vedremo due deck del Priest ed una lista di Hunter diversa dal Questline.

Partiamo proprio da quest’ultima che prende spunto dal vecchio meta per portare alla ribalta un archetipo che fino ad ora era nascosto nell’ombra. Parliamo del Beast Hunter che già Pre-Patch aveva la sua buona winrate, schizzata in alto con il nuovo aggiornamento (e vari buff).

Il Priest, invece, cerca di dare lustro al suo Questline Priest che approfitta di alcune carte il cui costo è diminuito, per ben incastrarsi nella curva del mazzo (fondamentale per un archetipo che punta a giocare carte di quasi ogni costo di Mana).

L’ultimo è quasi un revival di un noto vecchio deck. Parliamo del Wig Priest che cerca di ottenere il successo del vecchio Combo Priest. La carta dei serpenti ha ricevuto un buff e nelle mani di Meati sta ottenendo ottimi risultati.

Le liste

Wig Priest di Meati (Legend#5)  10920
Beast Hunter  6840
Quest Priest di FunkiMonki (8W-1L)  13020

Ovviamente vi ricordiamo di fare attenzione con questi deck che sono ancora “work in progress” ed i risultati, come il loro potenziale, non sono assicurati ad oggi.

Che ne pensate di queste liste Post-Patch? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati:

Arriva SNAP! Il nuovo videogioco Marvel è un card game alla Hearthstone!

Arriva SNAP! Il nuovo videogioco Marvel è un card game alla Hearthstone!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

L’annuncio è finalmente arrivato e possiamo adesso scoprire il futuro videogame della Marvel, in collaborazione con Second Dinner e Nuverse. Presentato al pubblico finalmente Marvel SNAP.

Il teaser già arrivato ieri, ci mostrava varie scene d’azione di alcuni dei maggiori personaggi Marvel e davvero in pochi avrebbero sospettato un plot twist del genere. Anche il trailer d’annuncio, che vedrete in allegato, poteva far immaginare cose diverse.

Invece a chiusura del trailer scopriamo la vera essenza del futuro gioco Marvel, un vero e proprio card game, in cui potremo dar libero sfogo ai poteri dei nostri personaggi.

Per quanto non immaginabile dai trailer, considerando il team di sviluppo, capitanato dall’ex Game Director di Hearthstone alla Blizzard, Ben Brode, avremmo dovuto sospettare di un gioco di carte collezionabili.

Marvel SNAP

Dal sito ufficiale marvelsnap.com possiamo scoprire molto del gioco in arrivo. Un frenetico card game (la durata di ogni partita è stimata sui 3 minuti), in cui potremo utilizzare un deck di 12 carte su un totale di 150+ personaggi Marvel.

Con il multiverso, ormai sdoganato anche dal MCU, avremo anche qui intere serie di carte incentrate su varianti di eroi e cattivi più famosi dei fumetti Marvel. Il gioco, poi, sarà ricco di effetti grafici e suoni, in modo da entrare in simbiosi con il mondo Marvel.

Il gioco sarà free to play e a livello di gameplay non avrà turni. Lo scopo sarà quello di collezionare “Cosmic Cubes” prima dell’avversario, giocando in contemporanea contro di lui su tre luoghi diversi. Il nostro obiettivo sarà quello di vincere su due dei tre luoghi.

Marvel SNAP sarà disponibile per Mobile e PC ed è già a disposizione di tutti la pre-registrazione su Android. Purtroppo, però, non conosciamo ancora la data di uscita ufficiale.

Insomma, tanta carne al fuoco, Ben Brode con i colleghi di Second Dinner e Nuverse (e la collaborazione di Marvel) cercherà di porterà i giochi di carte online su di un altro livello. Dallo spunto di Hearthstone riuscirà a creare il nuovo card game definitivo?

Che ne pensate di questa novità? Giocherete a Marvel SNAP? Fateci sapere, come al solito, la vostra…

Articolo Correlato: