ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

HIS – Leta vs Turna – L’intervista post-partita

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

HIS – L’Hearthsone Italian Series é arrivato alla seconda giornata, della quale potrete trovare tutti i dettagli cliccando QUI. In questo articolo cercheremo di riassumere le dichiarazioni ed i punti fondamentali che abbiamo avuto la possibilità di affrontare, in una breve intervista post-partita, con quelli che sono in un certo senso il volto competitivo d’Italia per quanto concerne il settore Hearthstone: Simone ”Leta” LiguoriMarco ”Turna” Castiglioni.

I due si sono sfidati ieri sera, lunedì 14 Settembre,  sul canale Twitch di Attrix di fronte a circa 4000 spettatori. Uno dei match più attesi che senza dubbio é riuscito a creare hype nelle community di entrambi i proplayer, ma anche tra i sostenitori di altri streamer che partecipano all’evento. Andiamo dunque a vedere insieme ai protagonisti come si é svolta la partita e quali retroscena siamo riusciti a scoprire.

HIS – Il derby d’Italia?

La prima ed unica sfida competitiva in cui i due si sono scontrati, risale a più di un anno fa durante un evento a Bucarest, scontro che aveva visto uscire vittorioso Leta con il risultato di 3-1. Abbiamo interrogato i due sulle aspettative che avevano riguardo l’attesissimo match, cercando di capire anche come si fossero preparati.

Leta esordisce cercando di spiegare la sana competizione che intercorre tra i due colleghi: ”La mia intenzione era di giocare per il torneo. Avessi avuto davanti qualsiasi altro giocatore, avrei giocato con lo stesso impegno e la stessa concentrazione.”. Parole di grande rispetto condivise anche da Marco, in arte Turna, che dice: ”Lo stesso vale per me, il sentimento di rivalità é qualcosa che sentono molto di più le community, piuttosto che i giocatori stessi.”

 

HIS – Preparazione e lineup

Belle le liste presentate da entrambi anche se quelle presentate da Leta hanno sicuramente stupito di più, un po’ per il coraggio di presentarsi con qualcosa che non fa parte del meta competitivo di Hearthstone, sia perché Turna invece, ha portato gli stessi mazzi con cui ha affrontato la prima giornata dell’HIS.

Sull’argomento Leta afferma: ”Le liste erano buone, ma mi aspettavo tutt’altro […] il Rogue che ho portato é sicuramente forte, ma la mia strategia era contro una lineup diversa. In questi tipi di competizione ci si aspetta sempre di trovare un counter dall’altra parte, credevo di trovarmi di fronte ad un avversario spaventato di incontrare, appunto, un counter dell’E.T.C. Warrior e mi sono portato avanti presentando un ”counter del counter”. Lineup alla mano Turna era decisamente sopra”.

L’avversario ha invece deciso di affrontare il big match con una tattica molto più ”safe”: ”Ho deciso di portare i mazzi che hanno performato bene la settimana passata, modificando solo il Paladino. Non ho badato molto ad eventuali strategie e mi sono affidato a quelli che ritenevo essere i deck con i quali ero più confident”.

 

HIS – Il risultato del match

In generale i risultati delle singole partite si sono rivelati sempre abbastanza polarizzati, con l’una o l’altra compagine che schiacciava l’altra, ma andiamo a vederli più nel dettaglio:

  1. Enrage Warrior (Leta) vs ETC  Warrior (Turna)
  2. Whirlkick Rogue (Leta) vs Broom Pala (Turna)
  3. Soulf Frag. DH (Leta) vs Soul Frag. DH (Turna)
  4. Soul Frag. DH (Leta) vs Broom Pala (Turna)

 

Leta esce sconfitto dal primo game anche con un po’ di sfortuna, come confermato da lui stesso durante l’intervista e dai caster durante l’evento, a causa del mancato pescaggio della ”Fura Battagliera” card draw di fondamentale importanza per l’archetipo.

Leta si rifà subito nel secondo game, dando spettacolo con il Whirlkick Rogue e schiacciando il Broom Paladin di Turna, che però dal canto suo si é visto costretto a giocare la partita senza pescare Libram.

Il penultimo game é stato un mirror match, e come ogni mirror match tra giocatori di eguale abilità, é stato deciso da un singolo 50/50. Turna trova lo spacca arma prima di Leta, che si ritrova senza le Lame da Guerra Aldrachi, ed é subito gg.

Nella sfida decisiva che decreterà poi Turna come vincitore, Leta decide di sfidare il Broom Pala con il Soul Frag. DH, piuttosto che con l’Enrage Warrior, ed infatti sulla scelta ci spiega: ”Ho cercato di usare il deck con stats migliori, credevo di riuscire a fare quel punto in più che in classifica può fare la differenza. Sono sostanzialmente soddisfatto delle scelte che ho fatto, anche se spero che questo periodo un po’ sfortunato finisca presto. […] Per le prossime giornate cercherò di adottare una strategia più basilare, senza troppe elucubrazioni.”, conclude. Il giocatore sammarinese si aggiudica quindi il match con il risultato di 3-1 portandosi a casa il (temporaneo) primo posto nella classifica constructed con 8 punti. Ottimo risultato dunque per Turna che si aggiudica anche un auspicabilissimo 2° posto nella classifica invece di Battlegrounds, ad appena 2,5 punti da DoubleDavey.

HIS – Aspettative e conclusioni

Turna sposta il focus della conversazione sui Nerf annunciati nella giornata di ieri da Blizzard, e su questi dice: ”Cambierà tutto per la prossima settimana, vedremo come il meta si trasformerà […] la giornata 3 dell’HIS sarà la più difficile da affrontare e probabilmente premierà di più i giocatori di constructed, come Leta, che saranno in grado di adattarsi e portare deck basati su un meta del tutto nuovo”.

Insomma alla fine della fiera possiamo dirci, come spettatori, soddisfatti del grande spettacolo offerto dai due proplayer, che speriamo di rivedere sfidarsi magari nelle fasi finali della competizione per portarsi a casa l’ambito titolo di campione.

Ringraziamo entrambi per averci dato modo di parlare con loro e ai nostri lettori diamo l’appuntamento per la prossima settimana con un’altra intervista post-partita dell’ Hearthstone Italian Series.

 

La replica

 

Articoli Correlati:

 

 

 

 

 

 

Amin "Gosoap" Bey El Hadj

Gamer da sempre, sin da quando ero un bambino solo, proprio come lo eri tu. Ma adesso siamo amici, giusto?

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701