Highlander Mage, quali sono gli errori più comuni usando questo deck?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

L’Highlander Mage è sicuramente uno degli archetipi più forti del momento ma a differenza di molti altri mazzi che popolano la ladder di Hearthstone è tra quelli che richiedono una certa attenzione quando vengono giocati, facendo variare di moltissimo la loro winrate potenziale in base all’utilizzo che ne viene fatto.

In merito abbiamo ad esempio letto alcuni consigli che il giocatore BrianOBryan ha voluto condividere con tutta la locanda di Hearthstone, andando ad elencare quelli che, nella stragrande maggioranza dei casi, sono degli errori che influenzano molto negativamente le partite giocate con il Reno Mage.

BrianOByan ha quindi elencato almeno 5 consigli utili per giocare al meglio l’archetipo, partendo dall’utilizzo di Zefris il Grande fino ad analizzare molti altri aspetti che riguardano spesso le partite in standard…andiamo a vederli tutti.

  • Punto 1: Giocare Zefris il Grande per ottenere la Crescita Rigogliosa. Zefris infatti, andrebbe usato entro i primi turni per poter sperare di ricevere questa magia del Druido, che è fondamentale per permetterci di attivare la strategia del nostro mazzo con ancor più velocità.  L’unica situazione in cui questo servitore non è consigliato da usare all’inizio è quando ci ritroviamo contro i Cacciatori…in tutti gli altri casi è bene che Zefris ci fornisca la Crescita Rigogliosa.
  • Punto 2: Tenere la Galassia Portatile di Luna nel mulligan. Un altro errore comune sembra essere quello per il quale i giocatori tolgono dal Mulligan la Galassia Portatile di Luna…tenendola nel mulligan e giocandola subito questa carta ci permetterà di avere un vantaggio davvero clamoroso nel momento in cui inizieremo a pescare i servitori più imponenti del mazzo. Il turno che dovremo sacrificare per giocarla vale assolutamente il rischio.
  • Punto 3: Quando usare il Rompicapo di Yogg Saron? Questa magia andrebbe preferita nei momenti in cui il nostro lato del tavolo da gioco ha meno creature a disposizione, o quando comunque ci troviamo con poche carte in mano. Il Rompicapo di Yogg Saron è una magia che potenzialmente può ribaltare le sorti della partita e può anche generarci un extra alle carte pescate, quindi conviene fortemente usarlo per eventuali “comeback” piuttosto che in situazioni in cui siamo più tranquilli.
  • Punto 4: Quando usare le nostre carte congelanti. Il congelamento è un aspetto centrale per questo deck, ed andrebbe usato per preparare il nostro attacco finale piuttosto che per arginare le minacce nemiche (specialmente se queste sono sole e poco potenti). Le abilità Freeze sono centellinate in questa lista, ed è quindi bene tenere a mente questo concetto: cercate di usare i congelamenti “a batteria” (ovvero sia avendo già pronta anche per il turno successivo una nuova magia congelante) e quando sarete pronti per scatenare il vostro attacco al meglio delle sue potenzialità.
  • Punto 5: Non usare il potere eroe contro Sacerdoti e Guerrieri. Questo aspetto è fondamentale, specialmente per i nuovi giocatori. Utilizzare il ping su di un Sacerdote Quest o su di un Galakrond Warrior durante i primi turni di gioco non solo non ci servirà a nulla ai fini della partita, quanto potrebbe addirittura avere un effetto controproducente, permettendo (grazie a quel singolo danno) ai nostri avversari di attivare Quest e meccaniche che altrimenti sarebbero rimaste bloccate.

Cosa ne pensate di questi consigli community?
Vi ricordiamo che in caso vi servissero delle liste altrettanto forti e forse anche più semplici da giocare rispetto a questo Reno Mage troverete le liste della Top10 Standard svelate poche ore fa dal celebre Iksar, tutte caratterizzate dal fatto di godere di più del 50% di winrate.

Le liste

Reno Mage Giant di Dmoney  22780
Highlander Reno Mage – Guida di Bertels  22780
Reno Mage da #8 Legend di APXVOID  22680

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701