Hearthstone, team di sviluppo potenziato del 20% entro il 2019

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Poche ore fa si è conclusa un’importante Earnings Report Call per Activision Blizzard, all’interno della quale è stato presentato il futuro dell’azienda ed i suoi prossimi obiettivi.
La riunione è stata purtroppo caratterizzata da un maxi licenziamento che riguarda e riguarderà 800 dipendenti (quasi il 10% del totale), quasi tutti lavoratori che non occupano la posizione di “dev” o che comunque non fanno parte dei team di sviluppo ma che invece sono attivamente impegnati nell’area Esport ed in quella Marketing.
Moltissimi i messaggi di solidarietà che sono stati pubblicati sui social, e tra questi abbiamo voluto riportare le parole di Kibler e di Kripparrian, due tra i più celebri nomi dei protagonisti della locanda, ed anche quelle di Ben Brode, ex “numero 1” di Hearthstone che venendo a conoscenza delle decisioni della dirigenza ha voluto salutare i suoi amici ed ex colleghi che hanno perso il lavoro.

Durante la riunione è stato poi spiegato che le intenzioni di Activision Blizzard sono quelle di potenziare il team di sviluppo di Hearthstone, portandolo fino al 20% in più rispetto a come si presenta oggi, entro e non oltre il 2019.
Resta comunque alta quindi l’attenzione di Blizz verso il suo gioco di carte, che rispetto all’ultima Earnings Report Call ha visto anche i suoi numeri finalmente stabili, segno che il gioco è ancora molto apprezzato e diffuso nella community.

Purtroppo, per quanto positivo possa essere questo potenziamento del 20% nel team di sviluppo, resta molto dispiacere rispetto ad un fatto cosi difficile e delicato come potrebbe essere quello di un maxi licenziamento, su cui abbiamo preparato un editoriale apposito che potrete trovare cliccando qui.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.