ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Perché in una fase PRE-NERF (come questa) è sconsigliato costruire nuove carte/mazzi?

Perché in una fase PRE-NERF (come questa) è sconsigliato costruire nuove carte/mazzi?

Profilo di Stak
 WhatsApp

In molti quotidianamente ci chiedono all’interno della community quali carte craftare, quali mazzi provare o, al contrario, quali leggendarie distruggere.
Negli ultimi giorni però le solite risposte “prova questo mazzo”, “costruisci questa leggendaria” o “puoi anche distruggere questa creatura” sono state progressivamente sostituite da dei più cauti “ti consiglio di attendere i nerf prima di fare qualsiasi cosa” o, ancora, “non toccare nulla della tua collezione fino al 23 Maggio”.
Quello che abbiamo notato in queste ore però, è che sono diversi i giocatori che frequentano la locanda da ancora troppo ppoco tempo per comprendere fino in fondo il senso di una frase come “ti consiglio di attendere i nerf prima di fare qualsiasi cosa”.
Partiamo da un presupposto: il significato della parola NERF.

Il Nerf

Quando ci sono una o più carte di Hearthstone troppo forti o “sbilanciate”, Blizzard interviene decidendo di andare a modificare le caratteristiche di queste carte diminuendo sensibilmente il loro potere.
Ecco quindi che con un nerf, una creatura 4/4 che costa 6 mana come l’Evocatrice Astiosa viene trasformata da Blizzard in una carta identica, ma che costa un cristallo di mana in più o, per fare un altro esempio, vediamo come il “NERF” alla carta leggendaria Esplorare gli Abissi abbia modificato il potere della stessa che non trasformerà più tutte le creature in delle 5/5 ma in delle più gestibili 4/4.
Nerfare una carta vuol dire andare a depotenziarla in modo più o meno importante, con il rischio che se il nerf dovesse risultare eccessivo la carta potrebbe letteralmente scomparire dal competitivo (come già successo in passato moltissime volte).

Il Becchino come appariva prima del NERF…una carta devastante ed in grado, da sola, di annichilire un intero meta.

Il “Dopo – Nerf”

Quando una o più carte vengono nerfate, si presuppone che queste siano protagoniste nei mazzi più forti del gioco (non avrebbe altrimenti senso “nerfare” una carta che non è fortissima e devastante non trovate?). Di conseguenza, quando Blizzard “colpisce” una carta sta in realtà andando a colpire un intero archetipo o mazzo.
Ad esempio, il nerf alla carta Chiamata Alle Armi andrà certamente a colpire il mazzo Even Paladin per un semplice motivo: questo deck non potrà più utilizzare la carta Chiamata Alle Armi dato che questa diventerà una carta “dispari” da 5 mana e l’intero archetipo ne risentirà.

Il meta diventa instabile

Come effetto di una reazione a catena, se l’Even Paladin (che è il mazzo attualmente più forte di Hearthstone) dovesse subire delle battute di arresto anche tutti i mazzi che oggi sono molto giocati in chiave “anti Even Paladin” perderebbero consistenza dato che verrebbe meno il principale motivo per il quale loro vengono giocati: contrastare il deck “pari” del Paladino Uther.

Ecco quindi cosa scatena un aggiornamento come quello che giungerà nella Locanda il prossimo 22 Maggio: alcune carte vengono depotenziate, questo causa un cambiamento nella forza di un mazzo che quindi viene meno giocato (o abbandonato del tutto) causando di conseguenza anche la “morte” competitiva dei mazzi creati per contrastarlo e cosi via.
Una lunga sequela di eventi che porta ad un nuovo meta, un nuovo equilibrio e dei nuovi mazzi forti/deboli.
Il meta di Maggio sarà certamente stravolto anche perchè, in questa occasione, sono diverse le carte che saranno colpite ed è quindi praticamente impossibile poter prevedere il futuro (se non qualche ipotesi, comunque sempre rischiosa).

Il tipico caos “POST NERF” che da sempre contraddistingue la locanda

Unica soluzione? Aspettare…

Di conseguenza quindi, è altamente sconsigliato in questa fase “pre NERF” costruire un determinato mazzo, delle determinate carte o decidere di disfarsi di alcune leggendarie che abbiano “inutilizzate” nella collezione perché i mazzi oggi forti potrebbero essere scarsissimi fra pochi giorni…o le carte che avete deciso di distruggere perchè oggi inutili potrebbero diventare fondamentali “domani” con il nuovo meta.

Sperando di aver chiarificato eventuali vostri dubbi, vi consigliamo di restare aggiornati su Powned, nei prossimi giorni sapremo dirvi certamente qualcosa in più sul futuro del gioco e della modalità Standard e WILD!

Assassinio al Castello di Nathria: stream di reveal delle carte

Assassinio al Castello di Nathria: stream di reveal delle carte

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Siamo definitivamente entrati in un nuovo ciclo di reveal per le espansioni di Hearthstone. Questa volta tocca alla nuova espansione Assassinio al Castello di Nathria. Stavolta, però, la live finale di reveal è stata posta all’inizio per cominciare a darci qualche assaggio sulle nuove carte.

In questi minuti sul canale ufficiale di Hearthstone, Kibler, insieme all’Associate Game Designer Leo Gonzalez, sta provando in anteprima alcune delle nuove carte in arrivo il 2 Agosto con la nuova espansione.

In questo articolo vi porteremo, in aggiornamento, tutte le carte che verranno svelate. Come al solito vedremo alcune partite che ci mostreranno le carte di classe, e non solo, che potranno essere giocate nei nuovi archetipi che arriveranno in futuro con l’espansione.

Link alla live ufficiale

Blizzard approfitterà di questa live per poterci mostrare al meglio la nuova tipologia di carta, i Luoghi.

Ma vediamo subito tutte le carte rivelate

Anteprima Carte

Mage

Paladin

Druid

Priest

Che ne pensate di queste nuove carte della nuova espansione Assassinio al Castello di Nathria?

Articoli Correlati:

Spellbreak chiude i battenti, ma arrivano in soccorso Blizzard e World of Warcraft

Spellbreak chiude i battenti, ma arrivano in soccorso Blizzard e World of Warcraft

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Spellbreak Blizzard – Sappiamo che la vita di un videogioco non è per niente facile e non tutti i giochi possono vantare anni di onorata carriera e in questi giorni l’ultimo ad abbandonare il panorama videoludico è Spellbreak. Anche se Blizzard potrebbe essere l’ancora di salvezza del team di sviluppo.

Spellbreak è uno degli ultimi arrivati nel mondo dei Battle Royale ed ha cercato di imporsi per la sua originalità nel gameplay, ma purtroppo non tutto è andato liscio ed è stata annunciata la chiusura dei server dal 2023.

Quindi anche Proletariat, lo studio di sviluppo del gioco, chiude i battenti? No per niente e bisogna ringraziare Blizzard e la nuova espansione Dragonflight di World of Warcraft. Già perché Blizzard ha proprio acquisito Proletariat per il suo MMORPG.

Proletariat ha nel suo novero sviluppatori esperti e veterani del settore e Blizzard non ha voluto farsi sfuggire l’occasione. Ben 100 dipendenti lavoreranno su WoW e, a più stretto giro adesso, a Dragonflight.

La mossa è stata fatta per rendere quanto più di qualità possibile il prossimo enorme contenuto di WoW. Il gruppo di Spellbreak, Proletariat, insieme a Blizzard, ci riusciranno? Non ci resta che attendere…

Voi cosa ne pensate di questa mossa di Blizzard?

Articoli correlati: 

Si dia inizio al Festival del Fuoco e all’evento dedicato a Yogg-Saron

Si dia inizio al Festival del Fuoco e all’evento dedicato a Yogg-Saron

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Tutto pronto! La brace è calda ed i festeggiamenti sono pronti a cominciare. Da questa sera ha inizio il Festival del Fuoco che porterà tantissime ricompense ai giocatori che ne completeranno le missioni leggendarie.

Ogni estate siamo qui, una volta Ragnaros, qualche altra volta con altri amici di Hearthstone, ma sempre festeggiamo, in un modo o in un altro, il Festival del Fuoco. Evento che per tradizione ci “infiamma” di regali.

Anche quest’anno sono arrivate ben 7 missioni leggendarie che ci ricompensano con altrettanti premi. Se le completeremo tutte avremo a disposizione una Busta Standard, una di Alterac, una di Città Sommersa, una di Mercenari, una della nuova espansione Assassinio al Castello di Nathria e poi due skin (una per BG e l’altra per Constructed).

Ad aggiungersi a questi festeggiamenti, poi, c’è anche il nuovo evento dedicato a Yogg-Saron, uno degli Dei Antichi, che porterà nuove missioni ricche di ricompense nella modalità. Potremo anche sbloccare in anteprima Yogg come Mercenario e vari suoi ritratti esclusivi.

Be’ cosa aggiungere se non invitarvi al Festival del Fuoco e al nuovo evento di Mercenari con Yogg? Buoni festeggiamenti!

Che ne pensate di questi favolosi eventi?

Articoli Correlati: