Hearthstone, annunciato il nuovo formato Specialista

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Pochi minuti fa Blizzard ha rilasciato, attraverso You Tube, il nuovo grande annuncio che riguarda il competitivo di Hearthstone.
Attraverso il video veniamo a conoscenza del nuovo formato “Specialista”, che dalla fine dei mondiali Winter sostituirà in modo definitivo il formato Conquest.
Questo formato competitivo diventerà prioritario per gli Hearthstone Masters, altra novità che ora andremo a vedere nel dettaglio (qui maggiori informazioni).

In questo 2019 vi saranno gli Hearthstone Masters Qualifiers, che si terranno online o live (in questo caso si chiameranno Hearthstone Master Tour) e che garantiranno l’accesso all’Hearthstone Grandmasters.
Per quanto riguarda invece il formato competitivo, i giocatori dovranno scegliere 3 mazzi da 30 carte.
La peculiarità è che i mazzi dovranno essere tutti dello stesso eroe ed è proprio questa la principale differenza tra questo formato, il Conquest, ed il Last Hero Standing.
Dei 3 mazzi specialista bisognerà scegliere quale sarà il principale, il mazzo main, e quali, di conseguenza, il secondo ed il terzo deck in priorità.
Il primo mazzo, il “main”, potrà essere composto come vogliamo a condizione che rispetti le regole delle 30 carte e del formato standard. Gli altri due mazzi dovranno condividere almeno 25 delle loro 30 carte con quello principale e dovranno quindi essere dei mazzi direttamente collegati a quello main che abbiamo scelto.

La partita inizierà con il primo mazzo per poi passare, nella seconda sfida, ad un nuovo deck ma non dovrete assolutamente dichiarare quale avrete scelto, cosi come non è obbligatorio cambiarlo.

Cosa ne pensate di queste prime informazioni ufficiali rilasciate da Blizzard.
La discussione è aperta!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.