ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

HCT Summer Playoff – Parla Cerberus!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Terzo appuntamento con i protagonisti dei Summer Playoff di Hearthstone.

Abbiamo avuto modo di incontrare per la seconda volta Cerberus, membro del Team Dragons Power, questa volta a Roma alla Red Star Gaming che in un momento di pausa si è reso disponibilissimo per due chiacchiere.

Federico è stato molto esaustivo nello spiegare quello che non ha funzionato in questo torneo per lui e per tutti gli altri italiani coinvolti.
Inoltre, non si è risparmiato parlando dei suoi progetti, del suo Team e augurando al suo amico SCACC di entrare finalmente a far parte della scena competitiva italiano (sarebbe anche ora ndr!).
In fondo alla pagina, i mazzi e i social di Cerberus! Lasciategli un like e..Buona lettura!

 

Anthrax-Powned.it: Raccontaci la tua esperienza agli HCT Summer Playoffs commentando in generale la tua prestazione.
Cerberus:
Partecipare a un torneo così importante è stato un piacere ed un onore, anche perché il percorso è stato lungo, tortuoso ed impegnativo. Il risultato purtroppo è stato decisamente deludente: sta a me ora dimostrare che la partecipazione a questo playoff non è stato un caso!
Anthrax-Powned.it: Parlaci della line-up che hai portato questo weekend, del perchè della scelta delle classi/mazzi e se si è rivelata particolarmente azzeccata o sfortunata.
Cerberus:
Ho presentato una line-up aggro, con l’aggiunta di un anti control come l’Hunter; il field che però si è delineato è stato un anti aggro che mi ha messo in posizione di svantaggio. Il mazzo che ha performato meglio è stato proprio Hunter, mentre il Paladin è stata la classe che mi ha condannato: ben 2 match su 3 sono stati decisi dalla giornata decisamente no del Murloc Paladin (il primo sul 2-1 per me, il secondo sul 2-2).

 

Anthrax-Powned.it: È uscita la nuova espansione di Hearthstone – I Cavalieri del Trono di Ghiaccio – dopo quasi un mese dall’uscita qual è la tua valutazione complessiva?
Cerberus:
Quest’espansione non si è rivelata molto azzeccata, perché ha squilibrato un meta che era in salute e vario: se l’introduzione dei DK può essere stata un’idea interessante, dall’altro canto la potenza che ha acquisito Druid ha completamente sconvolto il meta: vedremo cosa uscirà fuori dal nerf che ha annunciato recentemente Ben Brode su Twitter.

Anthrax-Powned.it: Il druido ha sollevato e continua a sollevare numerose polemiche, tu che ne pensi e come risolveresti il caso Malfurion?
Cerberus:
Le due carte incriminate dalla community sono Innervate e Ultimate Infestation, in minor misura il DK e Spreading Plague.
Molti hanno invocato la Hall of Fame per Innervate, ma sono assolutamente contrario: il ramp è la caratteristica base del druido, e una modifica del genere snaturerebbe in maniera esagerata la classe.
Un nerf interessante potrebbe essere portare il costo di UI a 12, per essere giocata in combo solo con innervate (cambiando l’interazione di innervate col mana, permettendo di guadagnare quei 2 mana in più); in più cambierei le stats in: “fai 5 danni, guadagna 5 armor, evoca un 4/4 e pesca 3 carte”. Il vero problema era infatti la possibilità di rifarsi la mano in late game creando nel frattempo uno squilibrio eccessivo sulla board.
In più personalmente nerferei Spreading Plague con taunt dalle stats meno grosse (1/3 taunt, ad esempio), non ritengo giusto punire chi ha sviluppato gioco per tutta la partita con una carta che stoppa per troppi turni l’iniziativa.

 

Anthrax-Powned.it: Qual’era la tua classe preferita prima e quale dopo KFT?
Cerberus:
La mia classe preferita prima di KFT è stata il Paladin, con l’archetipo murloc: era un mazzo che permetteva di giocare contro tutto se utilizzato in maniera corretta. Ad oggi direi che Priest può essere la classe che può rimpiazzare Uther nelle mie preferenze: i due archetipi che sono usciti da questa espansione (Razakus e Big Priest) sono davvero divertenti e interessanti da giocare.

 

Anthrax-Powned.it: Quali sono i tuoi prossimi progetti con i dP?
Cerberus:
Per il futuro prossimo la mia intenzione è quella di qualificarmi di nuovo ai playoff, magari questa volta tramite punti: voglio assolutamente dimostrare che la mia partecipazione a questo torneo non è stata un caso, e dovrò lavorare molto per migliorarmi e per raggiungere il livello necessario.
Mentre per quanto riguarda il team parteciperemo alla Nvidia Summer Cup questo Settembre, poi a Dicembre andremo a Jönköping per il DreamHack: i dP stanno facendo investimenti e personalmente farò del mio meglio per rappresentarli!

 

Anthrax-Powned.it: Alla luce delle nuove forze in campo, quali sono, allo stato attuale, i team italiani maggiormente competitivi escludendo il tuo?
Cerberus:
Molti team si sono rafforzati in questi mesi: sono impressionato dal progetto Prophecy: un team di 10 componenti è davvero importante, e la qualità dei nomi in esso è davvero notevole: l’acquisto di Turna ad esempio ne è la dimostrazione.
Subito dopo gli End Gaming: hanno un roster importante, Snowman, Iniven e CrystalJack vanno ad aggiungersi ad un team già molto forte.
Per quanto riguarda Qlash ha messo a segno il colpo a sorpresa: Cucca è uno degli italiani più in ascesa nel panorama italiano, non mi sorprenderei se venisse promosso subito nel team principale!
In conclusione una nota di Hearthstone-mercato: sono convinto che il team che prenderà SCACC nelle sue file farà un notevole salto di qualità, dato che ha provato, con una qualificazione ai playoff per punti, di avere le qualità necessarie per fare molta strada nel competitivo di Hearthstone.

 

Anthrax-Powned.it: Grazie per la tua disponibilità e alla prossima. Usa questo spazio per dire quello che vuoi alla community italiana di Hearthstone.
Cerberus:
Grazie a Powned per l’intervista! Vorrei ringraziare RedStar e GamingArena per l’ottima organizzazione, spero di passare di nuovo a Roma per partecipare ancora ad un altro torneo!
Ringrazio il mio team, i Dragons Power, per il supporto datomi, spero di ripagarlo con risultati importanti in futuro.
Un ulteriore ringraziamento però va a tutti i giocatori italiani che hanno seguito questi playoff: anche se questa volta non è andata come sperato, sappiate che il vostro tifo è arrivato, e penso di parlare a nome di tutti i ragazzi dei playoff nel ringraziarvi: continuate a tifare per la scena italiana di Hearthstone!

I Mazzi dell’HCT Summer Playoff di Cerberus

Clicca qui per visualizzare il mazzo Aggro Druid di Cerberus

Clicca qui per visualizzare il Mid Hunter di Cerberus

Clicca qui per visualizzare il mazzo Murloc Paladin di Cerberus

Clicca qui per visualizzare il mazzo Pirate Warrior di Cerberus

I Social di Cerberus

Facebook/Twitch


HCT Summer Playoff – Parla Cerberus!
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701